Ce diaporama a bien été signalé.
Le téléchargement de votre SlideShare est en cours. ×

Ristorazione 2016 - presentazione rapporto annuale

Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Prochain SlideShare
Rapporto Ristorazione 2017
Rapporto Ristorazione 2017
Chargement dans…3
×

Consultez-les par la suite

1 sur 20 Publicité

Ristorazione 2016 - presentazione rapporto annuale

Télécharger pour lire hors ligne


Nel nostro Paese nel 2016 è proseguito, secondo le stime dell’ufficio studi di Fipe, da un lato il calo dei consumi alimentari domestici (-0,1%), dall’altro l’incremento di quelli fuori casa (+1,1%) peraltro ben rilevato dallo stesso Indicatore dei Consumi Fuori Casa (ICEO) che sale al 41,8% dal 41,6% del 2015. Si conferma, inoltre, il trend che vede un’Italia in controtendenza rispetto al resto d’Europa, dove al contrario i consumi alimentari fuori casa hanno registrato una significativa contrazione: guardando all’Europa nel suo complesso, infatti, i consumi alimentari valgono 1.541 miliardi di euro suddivisi tra il 64,2% nel canale domestico e per il 35,8% nella ristorazione, con differenze notevoli tra Paesi. Si spazia dalla Germania, dove i consumi alimentari nella ristorazione rappresentano meno del 30% del totale, al Regno Unito (47%), alla Spagna (52%) e all’Irlanda (57%). Nel complesso in Europa tra il 2007 ed il 2015 si è registrata una flessione dei consumi pari a circa 22 miliardi di euro ma nel nostro Paese la contrazione degli alimentari ha riguardato quasi del tutto il canale domestico, a differenza di quanto successo ad esempio in Spagna (-14,3 miliardi di euro) o nel Regno Unito (-7 miliardi di euro).
Il rapporto completo è scaricabile dal sito: http://www.fipe.it/centro-studi/centro-studi-2017.html?download=519:ristorazione-2016


Nel nostro Paese nel 2016 è proseguito, secondo le stime dell’ufficio studi di Fipe, da un lato il calo dei consumi alimentari domestici (-0,1%), dall’altro l’incremento di quelli fuori casa (+1,1%) peraltro ben rilevato dallo stesso Indicatore dei Consumi Fuori Casa (ICEO) che sale al 41,8% dal 41,6% del 2015. Si conferma, inoltre, il trend che vede un’Italia in controtendenza rispetto al resto d’Europa, dove al contrario i consumi alimentari fuori casa hanno registrato una significativa contrazione: guardando all’Europa nel suo complesso, infatti, i consumi alimentari valgono 1.541 miliardi di euro suddivisi tra il 64,2% nel canale domestico e per il 35,8% nella ristorazione, con differenze notevoli tra Paesi. Si spazia dalla Germania, dove i consumi alimentari nella ristorazione rappresentano meno del 30% del totale, al Regno Unito (47%), alla Spagna (52%) e all’Irlanda (57%). Nel complesso in Europa tra il 2007 ed il 2015 si è registrata una flessione dei consumi pari a circa 22 miliardi di euro ma nel nostro Paese la contrazione degli alimentari ha riguardato quasi del tutto il canale domestico, a differenza di quanto successo ad esempio in Spagna (-14,3 miliardi di euro) o nel Regno Unito (-7 miliardi di euro).
Il rapporto completo è scaricabile dal sito: http://www.fipe.it/centro-studi/centro-studi-2017.html?download=519:ristorazione-2016

Publicité
Publicité

Plus De Contenu Connexe

Les utilisateurs ont également aimé (20)

Similaire à Ristorazione 2016 - presentazione rapporto annuale (20)

Publicité

Plus par Federazione Italiana Pubblici Esercizi (17)

Publicité

Ristorazione 2016 - presentazione rapporto annuale

  1. 1. Milano, 17 gennaio 2016 RISTORAZIONE 2016
  2. 2. Cosa è successo ai consumi durante la crisi? voci di spesa variazioni assolute alimentari e bevande non alcoliche - 18.367 bevande alcoliche, tabacco, narcotici - 4.696 vestiario e calzature - 3.625 abitazione, acqua, elettricità, gas ed altri combustibili 4.712 mobili, elettrodomestici e manutenzione della casa - 11.427 sanità - 699 trasporti - 26.914 comunicazioni 2.128 ricreazione e cultura - 1.014 istruzione - 589 alberghi e ristoranti 436 - servizi di ristorazione -344 beni e servizi vari 2.298 totale consumi delle famiglie - 57.298 totale beni - 72.279 servizi 15.176 Fonte: elaboraz. C.S. Fipe su dati Istat variazioni assolute nel periodo 2015/2007 - in milioni di euro costanti
  3. 3. 68.000 68.500 69.000 69.500 70.000 70.500 71.000 71.500 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 La ristorazione riparte? (stima) Fonte: elaboraz. C.S. Fipe su dati Istat in casa fuori casa 2007 150.693 70.701 2008 144.938 70.455 2009 142.025 70.406 2010 142.161 70.574 2011 141.063 70.539 2012 135.462 70.040 2013 132.200 69.050 2014 131.799 69.699 2015 132.326 70.357 2016 131.911 71.119 spesa delle famiglie - mln. di euro reali
  4. 4. 2,3 -0,3 -0,1 0,2 -0,0 -0,7 -1,4 0,9 0,9 1,1 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 Ma il peggio è passato Fonte: elaboraz. C.S. Fipe su dati Istat spesa delle famiglie - var. % annue a prezzi costanti (stima)
  5. 5. Gli italiani non si sono chiusi in casa in casa vs. fuori casa (Spesa delle famiglie - N.I. 2007=100) Fonte: elaborazione C.S. Fipe su dati Istat -12,3% +0,6% stima (stima) 80 85 90 95 100 105 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 in casa fuori casa
  6. 6. I tagli nei consumi alimentari in Europa (*) valori 2014 Fonte: elaborazione C.S. Fipe su dati Eurostat Alimentari e bevande non alcoliche Ristorazione Totale alimentari Unione Europea (28 Paesi) -318 -21.639 -21.957 Area Euro (19 Paesi) -7.897 -15.378 -23.275 Belgio 2.109 402 2.511 Bulgaria* -145 145 1 Repubblica Ceca 1.385 -90 1.295 Danimarca 385 381 766 Germania -4.728 2.575 -2.152 Estonia 225 -65 160 Irlanda -200 581 381 Grecia -4.686 -3.879 -8.565 Spagna -2.095 -14.340 -16.435 Francia 10.042 -696 9.346 Italia -18.367 -344 -18.711 Cipro 258 16 274 Croazia n.d. n.d. n.d. Lettonia -313 -141 -454 Lituania -549 145 -405 Lussemburgo 94 80 174 Ungheria -418 573 154 Malta -90 143 53 Olanda 1.628 -1.463 165 Austria -335 676 342 Polonia -1.044 889 -155 Portogallo 1.278 -1.344 -66 Romania 4.170 -1.220 2.951 Slovenia -99 16 -84 Slovacchia 327 -387 -61 Finlandia 736 -590 146 Svezia 1.870 2.015 3.885 Regno Unito -443 -7.124 -7.567 periodo 2007-2015 – valori in milioni di euro costanti
  7. 7. Quanto vale la spesa alimentare? mld. di euro correnti Fonte: stima C.S. Fipe su dati Istat anno 2016 Totale 222 In casa 144escluse bevande alcoliche Fuori casa 78 35,1% del totale
  8. 8. Agli italiani piace fuori casa Fonte: Indagine Fipe - Format, 2016
  9. 9. Il profilo dei segmenti HEAVY AVERAGE LOW 53,9% 35-44 anni 23,7% N.O. 29,5% 51,7% 18-24 anni 29,1% Centro29,8% 54,8% Oltre 64 anni 24,8% N.O. 26,8% Fonte: Indagine Fipe - Format, 2016
  10. 10. Frequenza dei consumi Nel corso del 2016, | frequenza consumi extradomestici nel «mese tipo»…(colazione, pranzo e cena) Una volta ogni quindici giorni Almeno 1 o 2 volte a settimana Almeno 3 o 4 volte alla settimana Tutti i giorni Una o due volte al mese Mai COLAZIONE 63,0% PRANZO 67,0% CENA 61,7% Fonte: Indagine Fipe - Format, 2016
  11. 11. Consumatori Luoghi Prodotti Spesa media (euro) Colazione 63% 5 mln. ogni giorno Bar caffè –Bar pasticcerie 2,40€ Pranzo Infra -settimanale 67% 10,4 mln. 3-4 volte a settimana Bar caffè 11€ (tra 5€-10€ - 45,5%) Fine -settimana 64,5% 7,7 mln. almeno 2 volte al mese Ristorante/ pizzeria 16€ Cena 66,8% 8,8 mln. almeno 3 volte al mese Ristorante/trattoria 21,20€ La mappa dei consumi alimentari fuori casa
  12. 12. 2000 2015 diff. assoluta % alimentari e bevande non alcoliche 148.650 132.326 -16.324 -11,0 pane e cereali 24.767 22.878 -1.889 -7,6 carne 34.509 31.410 -3.099 -9,0 pesce e frutti di mare 11.649 9.178 -2.470 -21,2 latte, formaggi e uova 19.858 17.863 -1.995 -10,0 olii e grassi 5.911 4.194 -1.717 -29,1 frutta 12.799 11.320 -1.479 -11,6 vegetali 19.102 17.009 -2.094 -11,0 zucchero, marmellata, miele, cioccolato e pasticceria 6.381 5.760 -620 -9,7 generi alimentari n.a.c. 2.267 2.600 333 14,7 caffè, tè e cacao 4.024 3.447 -577 -14,3 acque minerali, bevande gassate e succhi 7.501 6.625 -875 -11,7 Fonte: elaboraz. C.S. Fipe su dati Istat il totale non è uguale alla somma degli addendi perché si tratta di valori concatenati Possiamo dire che gli italiani sono salutisti?
  13. 13. 100 99 99 101 103,23 100 104 104,59 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 Dinamica dell'occupazione N.I. 2008=100 Fonte: stima C.S. Fipe su dati di contabilità nazionale
  14. 14. I voucher sono il problema del mercato del lavoro in Italia? Regione n. aziende che hanno acquistato voucher n. voucher acquistati voucher acquistati per azienda bar 26.488 6.174.684 233 discoteche 375 260.839 696 mense e catering 379 276.599 730 fornitura di pasti preparati 1.854 807.128 435 ristoranti 31.552 10.998.932 349 stabilimenti balneari 2.007 437.060 218 Totale PE 62.655 18.955.242 303 Totale turismo 73.678 24.030.777 326 Fonte: elaborazione C.S. Fipe su dati Inps 9.600 ula 1,1% costo lavoro
  15. 15. -1,0 -0,5 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott 2013 2014 2015 2016 prezzi al consumo servizi di ristorazione Deflazione? per fortuna c’è la ristorazione var% dei prezzi sullo stesso mese dell'anno precedente Fonte: elaboraz. C.S. Fipe su dati Istat
  16. 16. I prezzi della tazzina dell’espresso al bar in 15 anni di euro Anno 2002 Novembre 2016 Provincia lire euro euro Biella 1.600 0,83 0,94 Cuneo 1.500 0,77 1,02 Torino 1.600 0,83 1,04 Aosta 1.700 0,88 1,02 Cremona 1.600 0,83 1,04 Lecco 1.700 0,88 0,98 Lodi 1.600 0,83 1,01 Milano 1.700 0,88 1,00 Genova 1.600 0,83 1,00 Trento 1.600 0,83 1,06 Pordenone 1.600 0,83 1,02 Udine 1.500 0,77 1,03 Padova 1.700 0,88 1,06 Venezia 1.600 0,83 1,01 Verona 1.600 0,83 1,01 Bologna 1.600 0,83 1,08 Firenze 1.500 0,77 1,01 Pistoia 1.500 0,77 0,98 Pesaro e Urbino 1.500 0,77 n.d. Roma 1.200 0,62 0,87 Pescara 1.600 0,83 n.d. Napoli 1.200 0,62 0,86 Bari 1.300 0,67 0,76 Vibo valentia 1.200 0,62 n.d. media 1.533 0,79 0,98 +24,4% Fonte: Fipe e Istat
  17. 17. 0 0,5 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4 4,5 5 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010* 2011 2012 2013 2014 2015 2016* +28,8% L'inflazione nella tazzina var. % sull'anno precedente Fonte: elaborazione C.S.Fipe su dati Istat (*) le variazioni dal 2010 fanno riferimento alla voce "caffetteria" della nuova classificazione Coicop (**) nov 2016/nov 2015 +26,2% Intera economia
  18. 18. n. imprese 2016/2008 2008 2016 var. ass. var. % ristorazione con servizio 88.260 103.804 15.544 17,6 ristorazione take away 23.894 32.261 8.367 35,0 gelaterie e pasticcerie 11.927 13.134 1.207 10,1 bar 126.378 121.444 - 4.934 -3,9 Italia 250.459 270.643 20.184 8,1 Macro-trend sulla demografia d’impresa Fonte: indagine Fipe, Unioncamere-SiCamera
  19. 19. La mortalità imprenditoriale 19.509 Servizi di ristorazione Gen.-Sett. 2016 Fonte: elaborazione C.S. Fipe su dati Infocamere 11.638 12.001 12.713 13.549 14.166 13.656 11.713 11.893 12.302 13.025 13.256 13.121 2010 2011 2012 2013 2014 2015 ristoranti bar

×