Ce diaporama a bien été signalé.
Le téléchargement de votre SlideShare est en cours. ×

017 Struttura informativa

Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Publicité
Chargement dans…3
×

Consultez-les par la suite

1 sur 19 Publicité

Plus De Contenu Connexe

Diaporamas pour vous (20)

Publicité

Plus par Frisoni_Andrea (20)

Plus récents (20)

Publicité

017 Struttura informativa

  1. 1. Struttura informativa degli enunciati Criteri pragmatici che regolano l'informazione negli enunciati
  2. 2. Categorie semantico-pragmatiche A livello pragmatico, il contenuto informativo di ogni enunciato si può sintetizzare così: ci deve essere un argomento rispetto al quale si "dice" qualcosa. In questo processo l’informazione va normalmente dal noto al nuovo, ovvero si comincia da ciò che si assume come "dato" (da condizioni esterne al testo o da elementi contenuti nel testo stesso) e si aggiungono poi le informazioni che si presentano come nuove. Es. Cesare ha scritto un discorso brevissimo.
  3. 3. Tema e rema Per studiare la struttura informativa degli enunciati, ai concetti di soggetto e predicato vanno affiancati altre categorie: nella terminologia della Scuola di Praga ciò di cui si parla è detto tema; ciò che si dice del tema è detto rema (o rhema). Es. Cesare ha scritto un discorso brevissimo. Le etichette inglesi corrispondenti sono rispettivamente: topic ("argomento") e comment ("commento").
  4. 4. Tema e rema La parte tematica dell'enunciato (ciò di cui si parla) coincide di solito, ma non necessariamente con il dato; la parte rematica (ciò che si dice sul tema) coincide invece con il nuovo.
  5. 5. Tema e rema Il rema nella disposizione normale delle frasi italiane tende a occupare la fine degli enunciati e dei loro segmenti; il tema tende ad essere all’inizio (Simone è il fratello di Luca). Nella progressione di un testo o di un discorso la parte rematica di un enunciato può diventare il tema "dato” degli enunciati che lo seguono (Simone è il fratello di Luca. Quest’ultimo ha frequentato il liceo con me).
  6. 6. Proposizioni non marcate In latino, negli enunciati costituiti da una sola proposizione, l'ordine dei costituenti era tendenzialmente SOV (soggetto- oggetto-verbo), ma c'era molta più libertà di collocazione poiché i morfemi delle parole indicavano anche la loro desinenza. In italiano l'ordine normale dei costituenti è SVO (soggetto-verbo-oggetto diretto) e SVOOI (soggetto-verbo- oggetto diretto-oggetto indiretto). In questa struttura canonica, detta non marcata, basica o normale, il soggetto grammaticale funziona come tema, mentre tutta la parte di enunciato successiva, che predica l'informazione sul soggetto, si configura come rema.
  7. 7. Proposizioni non marcate Nelle proposizioni non marcate hanno il ruolo di tema anche quei costituenti che possono occupare la posizione tipica del soggetto, a sinistra del predicato (Ieri e oggi è stato bel tempo. Guardare troppa televisione fa male.), compresi i cosiddetti soggetti psicologici, per esempio nella frase A Mario piace la musica classica l'espressione A Mario è il soggetto psicologico (indica l’argomento esperiente del verbo) e non coincide con il soggetto grammaticale la musica classica.
  8. 8. Soggetto posposto Rispetto alla posizione canonica, in italiano il soggetto può essere normalmente posposto al predicato nei seguenti casi: • per espressività, marcatezza, enfatizzazione (È buonissima la pizza.) • per contrasto (È venuto Giovanni, non Mario.) • nelle frasi interrogative, esclamative, esortative con i cosiddetti verba dicendi (Ha detto Paolo di andare subito da lui. Ha chiesto il nonno a che ora vieni.) • con determinati verbi inaccusativi di accadimento (È arrivato il treno. È affondata la nave.) • quando il soggetto è "appesantito" da altri elementi, per esempio una subordinata relativa (Ha parlato Giovanni, che aveva studiato bene l'argomento.)
  9. 9. Proposizioni marcate La costruzione normale (o basica o non marcata) delle proposizioni è quella più neutra possibile, appropriata al maggior numero di contesti possibile. Per es. la frase Luca ha comprato una moto. è un costrutto non marcato risponde a diverse domande in diversi possibili contesti: «Di che si tratta?» «Cosa ha fatto Luca?» «Chi ha comprato una moto?» «Come ha procurato la moto Luca?» «Che cosa ha comprato Luca?»… Nel linguaggio parlato, come nei linguaggi scritti che lo emulano o in quelli meno formali, si preferiscono spesso andamenti sintattici che adottano un ordine diverso da quello normale per spostare il "fuoco" informativo su uno dei componenti della frase. Tali frasi sono dette costrutti marcati. Per esempio per rispondere alla sola domanda «Chi ha comprato una moto?» si può sottolineare la parola “Luca” con la sola intonazione (o facendola seguire da una virgola), oppure, con mezzi sintattici, si possono spostare o modificare i costituenti della frase in costrutti come È Luca che ha comprato una moto. La qualifica di costrutto marcato può riguardare l'intonazione, la sintassi, la dimensione testuale e pragmatica degli enunciati.
  10. 10. Dislocazione a sinistra con ripresa Nelle lingue romanze sono frequenti costruzioni in cui un costituente diverso dal soggetto viene tematizzato, ovvero enfatizzato (ed assunto a tema) tramite la collocazione a sinistra del predicato/rema. • costrutto non marcato: Mio marito legge il giornale alla sera. • costrutto marcato: [«Quando leggete il giornale a casa vostra?»] «Il giornale mio marito lo legge alla sera, io lo leggo alla mattina.» Tale dislocazione a sinistra implica anche una connessione sintattica tramite ripresa pronominale anaforica tra l'elemento anteposto e il resto della frase.
  11. 11. Dislocazione a sinistra con ripresa In italiano la dislocazione a sinistra con ripresa pronominale anaforica più frequente è quella del complemento oggetto, ma può avvenire anche con altri costituenti: • con complementi indiretti: A tuo padre gli ho già parlato. Di tua sorella non ne so niente. • con la parte nominale di un predicato nominale o con il complemento predicativo del soggetto: Stupido Arturo lo è sempre stato. Avvocato non lo diventerò presto. • con intere proposizioni: Che non sarei venuto te l'avevo già detto da tempo.
  12. 12. Dislocazione a sinistra con ripresa La dislocazione a sinistra con ripresa è molto comune, specie nel parlato, nello scritto informale o nella narrativa contemporanea, ma viene evitata negli scritti formali e negli scritti scientifici o settoriali. Questo perché, soprattutto nel caso dei complementi indiretti che possono essere anticipati senza ripresa pronominale, la dislocazione a sinistra comporta una ridondanza pronominale avvertita come fortemente colloquiale (A tuo fratello gli ho parlato ieri.)
  13. 13. Dislocazione a sinistra senza ripresa In italiano può avvenire anche la dislocazione a sinistra senza ripresa pronominale anaforica. Essa non è una tematizzazione, esprime solo una funzione contrastiva, anche nota come topicalizzazione contrastiva, (nel costrutto [Io] Giovanni ho visto [non Paolo]. Giovanni, che viene messo in rilievo, è l'elemento nuovo, non il tema). Raramente la dislocazione a sinistra senza ripresa può rappresentare anche una forma letteraria ricercata (Tavoli di mogano intarsiato, candelabri d'argento ed altro ancora trovammo nella stanza.).
  14. 14. Altri tipi di tematizzazione La tematizzazione di un costituente è possibile anche con altre costruzioni che mettono in rilievo l'elemento centrale dal punto di vista informativo. Per esempio… • trasformando un complemento in complemento di limitazione tematizzato, che indica un ambito o un punto di vista (In quanto a te, regoliamo dopo i conti. Riguardo al menu ho già deciso). • trasformando una frase dalla forma attiva alla forma passiva: l'oggetto della frase attiva diventa soggetto grammaticale e tema della frase passiva (Il furto è stato commesso dalla Banda Bassotti).
  15. 15. Tema sospeso Il tema sospeso (detto anche tema libero, nominativo assoluto o anacoluto) è un costrutto formato da un costituente del tutto esterno alla frase ma con apparente funzione di soggetto, collocato a sinistra e seguito da una virgola e da una costruzione non congruente e senza collegamento pronominale (Gli asparagi, adesso non è stagione.) Il tema sospeso è un costrutto perlopiù limitato alla lingua parlata (che rispetto alla scritta è meno pianificata) e ad alcuni brani letterari (anche illustri) che simulano la lingua parlata (Quelli che moiono, bisogna pregare Iddio per loro.).
  16. 16. Dislocazione a destra con anticipazione La dislocazione a destra consiste nella collocazione di un costituente in posizione finale, a destra, e nella sua anticipazione con un pronome cataforico (Gliel'avevo detto, a Paolo. Lo so che sei in ritardo). La differenza rispetto alla costruzione normale è la presenza del pronome in posizione tematica. L'elemento noto, il tema, viene presentato in forma pronominale e ripetuto nel pezzo finale della frase (senza il quale la frase sarebbe comunque completa e comprensibile). La dislocazione a destra ricorre perlopiù nel parlato informale o nelle forme scritte fortemente espressive ed è più comune nelle varianti meridionali dell'italiano.
  17. 17. Frase scissa La frase scissa è un periodo costituito da due proposizioni: • una che contiene il verbo essere e il rema • l'altra, introdotta dal pronome che, che contiene il tema, l’informazione presupposta Es. È Giovanni che mi ha detto di te. È a te che penso in continuazione. Tale costrutto ha la funzione di far identificare più facilmente l'elemento nuovo (generalmente un nome o un pronome, ma anche un avverbio, un sintagma preposizionale, …), di enfatizzarlo, ma anche di spezzare il contenuto della frase per mantenere una continuità referenziale con il discorso precedente.
  18. 18. Frase pseudoscissa La frase pseudoscissa, analogamente alla frase scissa, è un periodo costituito da due proposizioni (nelle quali l’ordine di tema e rema è inverso rispetto alla frase scissa): • una, introdotta dal pronome chi o pronome dimostrativo + che, che contiene il tema, l’informazione presupposta • l'altra che contiene il verbo essere e il rema Es. Ciò che vediamo è che l'agricoltura sta scomparendo. Quello che non capisco è perché ti comporti così. Si parla di frase scissa e pseudoscissa solo in determinate condizioni informative: nella frase scissa il contenuto nuovo precede quello noto, mentre nella pseudoscissa accade il contrario; la condizione indispensabile è la presupposizione di un contenuto noto, altrimenti non si parla di frase scissa, ma di normale subordinazione relativa.
  19. 19. C'è presentativo Un tipo particolare di frase scissa è formato dalla struttura c'è + che (C'è Giovanni che vuole entrare. dove C'è segnala l'effettiva presenza di Giovanni, ma anche C'è mio fratello che non ti crede). In questo caso non ci sono dati o presupposti già noti all’atto della comunicazione, ma solo elementi rematici. Il fine di questo costrutto è quello di spezzare l’informazione in due momenti distinti e più semplici, a vantaggio sia del locutore, che pianifica meglio l’enunciato, sia del destinatario che lo riceve in due fasi distinte ciascuna contenente un’informazione più semplice dell’originale.

Notes de l'éditeur

  • Spesso alla parte tematica appartengono anche le informazioni come le determinazioni di tempo e di luogo, dette di setting.
    La Scuola di Praga era un gruppo di critici letterari e linguisti cechi e russi della prima metà del ventesimo secolo che elaborò il concetto di funzione nel linguaggio.
    Nella frase presa come esempio, il tema coincide con il soggetto grammaticale mentre il rema con il predicato verbale.
  • Nella progressione del linguaggio la parte rematica può diventare il tema "dato" in un enunciato che segua o immediatamente a distanza.
    Le coppie tema-rema e dato-nuovo vanno distinte perché la prima fa riferimento alla programmazione dell’enunciato del emittente, la seconda al punto di vista del ricevente.
  • Il latino era una lingua più flessiva dell’italiano perché i suoi monemi grammaticali contenevano anche l’informazione del caso.
  • Occorre distinguere le diverse definizioni di soggetto che ci sono in linguistica: il soggetto grammaticale è quello che si accorda col verbo; il soggetto psicologico è il punto di partenza informativo dell’emittente; il soggetto logico è colui che compie l’azione
  • Alcune lingue, per esempio il somalo o il coreano, hanno addirittura una segnalazione morfologica dei ruoli informativi tema e rema.
  • In altre lingue, come il francese esiste la dislocazione a sinistra con ripresa pronominale anche del soggetto. Per enfatizzare il soggetto nella nostra lingua si ricorre ad altri costrutti (Sua sorella, quella sì che è furba. Marco, è furbo.).
  • La ripresa col pronome atono del complemento oggetto invece è ormai molto accettata (Il giornale lo leggo alla sera).
  • Tavoli di mogano intarsiato, candelabri d'argento ed altro ancora trovammo nella stanza. L’esempio è tratto da La grande Eulalia di Paola Capriolo.
  • Tavoli di mogano intarsiato, candelabri d'argento ed altro ancora trovammo nella stanza. L’esempio è tratto da La grande Eulalia di Paola Capriolo.
  • [Sono le parole che Renzo rivolge a Lucia quando la ritrova al lazzaretto e dopo aver sentito che ha fatto voto di castità alla Madonna «ma non è giusto, né anche per questo, che quelli che vivono abbiano a viver disperati...»]
  • La catafora in linguistica è il contrario dell’anafora: l’anafora rimanda a qualcosa di già detto, la catafora a qualcosa che ancora non è stato espresso.
    La dislocazione a destra nel parlato può rappresentare anche una correzione del messaggio, un ripensamento non pianificato: L'ho già salutata, [intendo] tua sorella.

    Quando c’è la virgola sarebbe come dire "ho dimenticato di dire il tema, di cosa stavo parlando”.
  • Il nesso è detto pseudo relativo perché in realtà l’elemento relativizzato ripreso dal pronome che può essere solo soggetto.
  • La frase scissa è stata stigmatizzata a lungo dalla norma grammaticale perché individuata come costrutto francesizzante (identico in francese: C’est vous qui l’avez dit.).
  • Il nesso è detto pseudo relativo perché in realtà il pronome relativo che non introduce una subordinata, ma la proposizione principale della frase (della quale l’altra è un’estensione).

×