Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

Facciamo il burro

Cucina italiana: facciamo il burro in casa

  • Soyez le premier à commenter

  • Soyez le premier à aimer ceci

Facciamo il burro

  1. 1. Ingrediente, uno solo:2)250 ml. panna per dolci, da monta’Però ce vònno l’attrezzi:2)‘na caraffa;3) ‘o sbattitore elettrico4) un piattino co’ un pezzo de garza.5)’o spalmaburro pe’ dopo.
  2. 2. “Ma se dovemo compra’ ‘a panna pe’ fa er burro nun famo prima a compra’ er burro bell’e fatto? Eccerto, famo prima ma nun famo mejo! Perché ‘sto burro è de qualità sopraffina, mica è un burro mercenario! Perciò famolo e basta!
  3. 3. Pe’ prima cosa versamo ‘a panna liquida nella caraffa che è alta, così nun ce schizza addosso;
  4. 4. Poi coll’aiuto de lo sbattitore cominciamo amonta’ ‘a panna; aumentate la velocità mano a mano: io ce n’ho 5 come le marce, voi nun lo so: fate come potete, pure a mano, se nunvolete caccia’ i sòrdi pe’ compra’ o sbattitore.
  5. 5. ‘o vedete: ‘a panna incorpora aria e se gonfia, diventa soffice;ma girate sempre ne la stessa direzione che sennò da ‘na partemontate e dall’altra smontate: pe’ carità, nun m’impiccio e ve ce potete pure spassa’ a fa’ così, ma ‘a panna nun se monta.
  6. 6. Dopo che sarete arrivati alla consistenza de la pannamontata continuate ancora a monta’ . Questa è vista da sopra dopo qualche minuto, già addensata.
  7. 7. Continuando ‘a sbattitura ‘apanna sembra che se restrigne:perchè cambia de consistenza ete (certo che nun sap gnente pe’ conto vostro!)
  8. 8. defatti ‘a parte grassa s’è separata dal siero (‘a parte più gialla) e l’impasto è diventato granuloso
  9. 9. Rovesciamo tutto sul piattinodove c’è la garza e poi ‘a tiramosu pe’ i quattro lati, in modo da pote’ spreme’ l’impastoe separallo dal siero, che rimane giù e che dopo buttamo.
  10. 10. L’impasto è diventato ‘na pallina e mo’ levamo la garza che nun ceserve più, niente paura nun s’attacca. Ch’è ‘sta faccia: pare brutto?
  11. 11. Allora je daremo ‘na forma (certo che siete rompini forte): io ciò un ottagono che ècaruccio; metto un fojo de pellicola sotto, sennò come ‘o stacco da lo stampo? Ce presso bene er burro.
  12. 12. dopo aveccelo premuto per bene, almeno me pare, ‘o giramo sottosopra pe’ mettelo sulpiattino, dove io ciò messo un fojo de carta da forno perché ‘o vojo pesa’
  13. 13. Ammappelo: quann’era panna montata sembravatanto innocente e innocua, invece, la possino…
  14. 14. Ho fatto ‘a scoperta, il siero che avemo buttato era poco: ‘a panna è grassa! Quasi burro assoluto!!!
  15. 15. Però, ‘na volta tanto, sentite che bontà: sa de doppia panna!Sia co’ la marmellata
  16. 16. che spalmato su una fetta de pane abbrustolito: la morte sua è coll’alici sott’olio!
  17. 17. Uhm!... Ma che ’o dico a fa’: Provatelo e poi me direte sevaleva la pena de fasselo a casa!
  18. 18. Me scordavo: nun ce stannoconservanti, perciò fatenesolo a quantità che ve servee consumate al massimoentro il giorno dopo. Fatto da Gina in pochi minuti e spiegato da Zafulla in du’ ore! Testo, foto e grafica: GiEffebis@alice.it

×