Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.
Quello che ce vò:1) 1 chilo de farina de grano tenero “0”       2) 1 panetto de lievito de birra       3) Olio d’oliva de ...
In un bicchiere graduato mettete:Due dita d’olio, il panetto de lievitosbriciolatoe tanta acqua tiepida (dev’esse’ a tempe...
Intanto rovesciate tutto er pacco de farinasulla spianatoia facendoce la “fontana” nelmezzo, mischiata a un cucchiaino (da...
Unite la parte liquidaalla farina partendodal centro; impastatebene co’ le mani:dev’esse’ un impastomorbido; poi, manmano ...
Fatene un filoncino come questo
Poi incidete pe’ lungo co’ uncoltello, affondando la lamap’un centimetro, come nellafigura e spolverate lasuperficie con l...
Coprite co’ un tovaglioloe lasciate lievita’ p’un paiod’ore o anche meno sel’ambiente è caldo.
Ogni tanto potete controlla’ come procede.
La lievitazione è completata quando la pagnotta sepresenta così: il taglio centrale non se vede più
e la superficie fa le smagliature come la cellulite!A ‘sto punto potreste inforna’ ma io consijo, seciavete tempo, da reim...
Perciò lo rilavoramo eje damo la forma d’unfiloncino, incidiamo contagli trasversali o pe’lungo come prima.Pe’ comodità io...
Ogni tantoricontrollamo chevada tutto bene
E questa è la fine della secondalievitazione; ce vorrà un po’ meno dellaprima. Adesso lo infornamo a fornofreddo, lo mette...
E questo è il risultato dopo la cottura
Peccato che non se senta er profumo, oltre aquello che se spande pe’ la casa; e er sapore …Uhm, come mangià un biscotto: e...
Quello che non consumate se conserva,avvolto in un telo, pe’ tre/quattro giorni.                                   Testo, ...
Facciamo il pane a
Prochain SlideShare
Chargement dans…5
×

Facciamo il pane a

Cucina italiana: facciamo

  • Soyez le premier à commenter

  • Soyez le premier à aimer ceci

Facciamo il pane a

  1. 1. Quello che ce vò:1) 1 chilo de farina de grano tenero “0” 2) 1 panetto de lievito de birra 3) Olio d’oliva de quello bòno 4) Sale fino 5) Acqua tiepida Fa’ er pane a casa non è difficile: ce vò più a dillo che a fallo.
  2. 2. In un bicchiere graduato mettete:Due dita d’olio, il panetto de lievitosbriciolatoe tanta acqua tiepida (dev’esse’ a temperaturacorporea, infilate un dito, non ve deve scottà)fino arriva’ a mezzo litro scarso in tutto, poimescolate bene tutta la parte liquida.
  3. 3. Intanto rovesciate tutto er pacco de farinasulla spianatoia facendoce la “fontana” nelmezzo, mischiata a un cucchiaino (da tè) desale fino; Teneteve un pugno de farina a lato, che servirà p’infarina’ la spianatora.
  4. 4. Unite la parte liquidaalla farina partendodal centro; impastatebene co’ le mani:dev’esse’ un impastomorbido; poi, manmano che lavorate,vedrete che non ves’appiccicherà più a lemani.
  5. 5. Fatene un filoncino come questo
  6. 6. Poi incidete pe’ lungo co’ uncoltello, affondando la lamap’un centimetro, come nellafigura e spolverate lasuperficie con la farina.
  7. 7. Coprite co’ un tovaglioloe lasciate lievita’ p’un paiod’ore o anche meno sel’ambiente è caldo.
  8. 8. Ogni tanto potete controlla’ come procede.
  9. 9. La lievitazione è completata quando la pagnotta sepresenta così: il taglio centrale non se vede più
  10. 10. e la superficie fa le smagliature come la cellulite!A ‘sto punto potreste inforna’ ma io consijo, seciavete tempo, da reimpastarlo pe’ la seconda voltae fallo rilievità ancora … sarà più morbido!
  11. 11. Perciò lo rilavoramo eje damo la forma d’unfiloncino, incidiamo contagli trasversali o pe’lungo come prima.Pe’ comodità io lo mettosulla placca co’ un fogliode carta-forno così, asuo tempo, sarà prontope’ la cottura. Coprimo elasciamo lievità.
  12. 12. Ogni tantoricontrollamo chevada tutto bene
  13. 13. E questa è la fine della secondalievitazione; ce vorrà un po’ meno dellaprima. Adesso lo infornamo a fornofreddo, lo mettemo a 200 gradi perun’ora precisa senza apri’ mai il forno.
  14. 14. E questo è il risultato dopo la cottura
  15. 15. Peccato che non se senta er profumo, oltre aquello che se spande pe’ la casa; e er sapore …Uhm, come mangià un biscotto: er pane caldo è‘na bonta’, pure da solo!
  16. 16. Quello che non consumate se conserva,avvolto in un telo, pe’ tre/quattro giorni. Testo, grafica e fotografie: zafulla1@yahoo.it

×