Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.
Ingredienti per 400-500 gr. di              pasta fresca (secondo la               grandezza delle uova):        1        ...
Sbattiamo le tre uova con il sale e l’olio poi  mettiamo dapprima 300 gr. di farina e neaggiungiamo poco a poco quanta ne ...
che raccoglieremo a palla efaremo riposare, coperta con   un canovaccio, per una          mezz’ora.
Ora iniziamo a lavorare l’impasto,           in questo esempio, utilizzando la               “nonna-papera” di acciaio.Div...
Al primo giro la pasta si  “straccerà” ed è normale,ma ripiegatela su se stessa,ripassatela di nuovo fra i rullie, poco a ...
Al secondo giro va già meglio! Ad ogni girata non dimenticate diinfarinarla, così che non si attacchi  ai rulli della macc...
Ripiegatela su sé stessa, ad ogni     giro, come vedete qui, econtinuate a ripassarla, tutta, fra i    rulli stringendo lo...
Visto? Non sembra più così difficile  “trattarla” com’era al primo giro!
Ora comincia a somigliare alla sfoglia classica che  conosciamo, ma deve     essere più sottile.
Questo con la mia “nonna-papera”corrisponde al penultimo giro ed è ancoraun po’ grossa: va bene però se intendete tagliarl...
Questa “stesa” è all’ultimo giro della miamacchinetta e ne risulta una pasta perfetta per le fettuccine, lasagne o pappard...
La macchinetta dispone dei rullianche per tagliare e basta inserire la foglia, girare e raccoglierla a          “taglio pe...
1- infariniamo per bene lasfoglia e arrotoliamo la pasta su sé stessa, partendo dailembi esterni verso l’interno, come fos...
Dopo il taglio, basterà afferrare le pappardelledalla parte della piegatura e si srotoleranno da                      sole.
Bella pasta, no?
Ed ora proviamo a tirare la sfoglia  a mano, dallo stesso impasto che,naturalmente, si presterà ottimamente   anche per fa...
La “palla” dell’impasto va “tirata” con ilmattarello. Infarinate per bene iltavolo prima e poi cominciate facendodap-prima...
Continuate a lavorarla girandola diun quarto per volta, in senso orario oantiorario, non ha importanza, bastache venga “st...
Questa è la sfoglia finale, bella sottile e più porosa, rispetto a quella dellamacchinetta perché i rulli la rendono   più...
Ora arrotoliamo la sfoglia per tagliarla, sempre a        mano, così come abbiamo visto prima:  arrotoliamo la pasta a can...
Questa è la tipica porosità della    sfoglia tirata a mano!
Profumo di pasta fresca, di uova e farina!
Adatta a qualsiasi condimento!    Testo, foto e realizzazione:        zafulla1@yahoo.it
La pasta fatta in casa a
Prochain SlideShare
Chargement dans…5
×

La pasta fatta in casa a

Pasta fatta in casa.

  • Soyez le premier à commenter

  • Soyez le premier à aimer ceci

La pasta fatta in casa a

  1. 1. Ingredienti per 400-500 gr. di pasta fresca (secondo la grandezza delle uova): 1 1- farina 0 o doppio 0 2- tre uova 3- un cucchiaio di olio 4- un pizzico di sale3 2 4
  2. 2. Sbattiamo le tre uova con il sale e l’olio poi mettiamo dapprima 300 gr. di farina e neaggiungiamo poco a poco quanta ne occorre per un impasto piuttosto sodo,
  3. 3. che raccoglieremo a palla efaremo riposare, coperta con un canovaccio, per una mezz’ora.
  4. 4. Ora iniziamo a lavorare l’impasto, in questo esempio, utilizzando la “nonna-papera” di acciaio.Dividiamo l’impasto in tre “fette”grossolane e cominciamo a pas- sarle tra i rulli girando la mano-pola sul numero corrispondente allo spazio più largo.
  5. 5. Al primo giro la pasta si “straccerà” ed è normale,ma ripiegatela su se stessa,ripassatela di nuovo fra i rullie, poco a poco, vedrete che risulterà più omogenea.
  6. 6. Al secondo giro va già meglio! Ad ogni girata non dimenticate diinfarinarla, così che non si attacchi ai rulli della macchinetta e strin-gete la distanza, di una tacca o un numero, secondo il modello.
  7. 7. Ripiegatela su sé stessa, ad ogni giro, come vedete qui, econtinuate a ripassarla, tutta, fra i rulli stringendo lo spazio.
  8. 8. Visto? Non sembra più così difficile “trattarla” com’era al primo giro!
  9. 9. Ora comincia a somigliare alla sfoglia classica che conosciamo, ma deve essere più sottile.
  10. 10. Questo con la mia “nonna-papera”corrisponde al penultimo giro ed è ancoraun po’ grossa: va bene però se intendete tagliarla a “tonnarello” o “alla chitarra” o come vogliate chiamarla.
  11. 11. Questa “stesa” è all’ultimo giro della miamacchinetta e ne risulta una pasta perfetta per le fettuccine, lasagne o pappardelle larghe.
  12. 12. La macchinetta dispone dei rullianche per tagliare e basta inserire la foglia, girare e raccoglierla a “taglio perfetto”.Ma vediamo anche come si taglia a mano.
  13. 13. 1- infariniamo per bene lasfoglia e arrotoliamo la pasta su sé stessa, partendo dailembi esterni verso l’interno, come fosse un cannellone;2- ripieghiamo i due cannelloni esterni verso l’interno, fino acombaciare sovrapponendosi, come da figura 2;3- ora tagliamo con un grossocoltello a poco più di un cm. di larghezza, e cioè il doppio delle fettuccine, per ottenere le pappardelle.N.b: dopo il taglio tirate su daquesto lato e la pasta si sro-tolerà molto facilmente.
  14. 14. Dopo il taglio, basterà afferrare le pappardelledalla parte della piegatura e si srotoleranno da sole.
  15. 15. Bella pasta, no?
  16. 16. Ed ora proviamo a tirare la sfoglia a mano, dallo stesso impasto che,naturalmente, si presterà ottimamente anche per farne tortelli, tortellini, agnolotti o ravioli ripieni, secondo preferenza.
  17. 17. La “palla” dell’impasto va “tirata” con ilmattarello. Infarinate per bene iltavolo prima e poi cominciate facendodap-prima un po’ forza, lavorando inogni direzione e girandola poi alrovescio
  18. 18. Continuate a lavorarla girandola diun quarto per volta, in senso orario oantiorario, non ha importanza, bastache venga “stesa” in ogni sua parte.
  19. 19. Questa è la sfoglia finale, bella sottile e più porosa, rispetto a quella dellamacchinetta perché i rulli la rendono più liscia. La porosità del legno permette un migliore assorbimento del sugo.
  20. 20. Ora arrotoliamo la sfoglia per tagliarla, sempre a mano, così come abbiamo visto prima: arrotoliamo la pasta a cannellone partendo dall’e- sterno verso l’interno (figura1), dai due lati opposti,fino a sovrapporsi (figura2), poi tagliamo a “pappar- delle” (figura3).
  21. 21. Questa è la tipica porosità della sfoglia tirata a mano!
  22. 22. Profumo di pasta fresca, di uova e farina!
  23. 23. Adatta a qualsiasi condimento! Testo, foto e realizzazione: zafulla1@yahoo.it

×