Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

Dal 3 d al gis lezione 1

1 189 vues

Publié le

Slide relative alla prima lezione del Laboratorio "Dal 3D al GIS" organizzato dall'Associazione Minerva.

Publié dans : Formation
  • Soyez le premier à commenter

  • Soyez le premier à aimer ceci

Dal 3 d al gis lezione 1

  1. 1. Dal 3D Al GIS Laboratorio per l’archeologia – Ravenna – 25 Marzo 2018 2017 – Solak1 Ortofoto (MAC – ISMEO Saccone T.) LEZIONE – 1 Documentare il patrimonio archeologico con le tecnologie digitali
  2. 2. Elaborazione 3D in Archeologia  Laser Scanner  Foto Scansione 3D  Estrusione  Elaborazioni Complesse con sistemi di rilievo medici (TAC- Micro TAC)
  3. 3. Il Laser Scanner E’ il sistema di rilievo più preciso ed affidabile, ma anche il più costoso e complesso da usare. http://www.archicultura.it/
  4. 4. Laser Scanner Il risultato finale è eccezionale, preciso oltre ogni immaginazione. Il costo della strumentazione è molto elevato; quindi non adatto al rilievo archeologico. Chiesa di SantaCaterina (AQ) – Analisi post terremoto dell’edificio http://www.tracciatori.com/en/servizi/restauro/chiesa-santa-caterina
  5. 5. Laser Scanner portatile Isense è uno scanner 3D che funziona con iPad o iPhone. Ne esiste anche una versione per PC.
  6. 6. La Foto Scansione Consente di ottenere un’elaborazione 3D utilizzando delle immagini scattate con qualsiasi macchina fotografica. Il lavoro di elaborazione è semplice e consente di georeferenziare il modello. E’ un tecnologia a basso costo e adatta al rilievo archeologico. Editing by Saccone T. (ISMEO) https://skfb.ly/DGIX
  7. 7. Processo di lavoro:  Disposizione mire  Rilievo topografico  Acquisizione dati fotografici  Elaborazione 3D e GIS  Pubblicazione
  8. 8. Elaborazione per Estrusione Tecnica che crea elementi 3D avvalendosi di figure geometriche standard. Il risultato è esteticamente interessante ma non è una metodologia adatta ad un rilievo archeologico. Invece è estremamente utile in ambito comunicativo. Blender è il principale software di modellazione (Open Source) http://www.rendercad3d.com/
  9. 9. Elaborazione 3D da TAC. Questo metodo di elaborazione è estremamente sofisticato e consente di ottenere un modello 3D segmentando la scansione tomografica. Il metodo è applicato in ambiente antropologico. E’ estremamente utile nell’analisi metrica di campioni fossili. Margherita C. et al., 2016.
  10. 10. Il GIS e l’archeologia Nel corso degli ultimi 15 anni l’uso del GIS in archeologia è divenuto un’abitudine, ovviamente questi software non sono stati pensati per il lavoro archeologico. Nuove possibilità, specifiche per l’archeologia sono state pensate ed elaborate dal team di pyArchInit. pyArchInit è un plug-in gratuito di QGIS (Software Open) Source pensato ed elaborato per agevolare il lavoro di documentazione archeologica e di rilievo. I nostri dati sono finalmente organizzati grazie a tabelle pensate da archeologi per archeologi. Ad oggi non esiste alcuna disposizione legislativa che determini l’uso di questi sistemi nella gestione del patrimonio archeologico, le strategie di gestione dati possono variare da funzionario a funzionario… pyArchinit plug-in di QGIS per l’archeologia http://www.unaquantum.com/pyarchinit
  11. 11. Cos’è il GIS? La realtà può essere descritta su diversi livelli (layer) in base alle nostre esigenze
  12. 12. Cos’è il GIS? Un Sistema GIS non è altro che un software che consente di caratterizzare la realtà arricchendola con una serie di informazioni (Raster, Vettoriali, alfanumeriche, fotografiche…). Raster: Immagini Vettore: Poligono Alfanumerico: Database TABELLA ATTRIBUTI RILIEVO VETTORIALE
  13. 13. Cos’è il GIS? Open Source o con licenza a pagamento? Tepe Hissar (Iran) Editing by Saccone T. (ISMEO) http://iran.os-culture.org/index.php/en/hissar-gis
  14. 14. Elaborazioni da Shahr-i Sokhta (IRAN) I Quartieri Centrali e il Palazzo Bruciato (fasi) Saccone T. (ISMEO) http://iran.os-culture.org/index.php/en/shahr-i-sokhta In archeologia serve definire anche il tempo; i sistemi GIS consentono di organizzare i dati divisi per fasi. Siamo noi a definire i parametri di visualizzazione grazie alle informazioni inserite nella tabella degli attributi. Cos’è il GIS?

×