Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

FacciAmo Scuola - Lezione di Teoria

193 vues

Publié le

I cambiamenti climatici - L'importanza delle energie rinnovabili - Il fotovoltaico - Le pile a combustibile

Publié dans : Formation
  • Login to see the comments

  • Soyez le premier à aimer ceci

FacciAmo Scuola - Lezione di Teoria

  1. 1. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 1 Sentinelle dell'Energia “FACCIAMO SCUOLA”
  2. 2. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 2 Indice • Presentazione • I cambiamenti climatici • L’importanza degli impianti fotovoltaici • Dalla cella all'impianto fotovoltaico • La potenza e l'efficienza dei moduli e la superficie occupata • Fattori che influenzano la produzione di energia elettrica • L'inverter • Schema di un impianto fotovoltaico domestico • Le pile a combustibile
  3. 3. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 3 Presentazione
  4. 4. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 4 Chi siamo Associazione ambientalista di Pesaro 37 soci, di tutte le età Ci occupiamo di Energie rinnovabili, efficienza energetica, ecologia (rispetto dell'ambiente) e riduzione della povertà Sito internet: www.grupposelene.net Facebook: Sentinelle Dell'Energia – Selene Mail: grupposelene@gmail.com, Tel: 3407711315
  5. 5. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 5 Il progetto “A scuola di cucina solare” 1 Lezione di teoria in classe 1 Laboratorio pratico con kit fotovoltaico e kit con celle a combustibile
  6. 6. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 6 I cambiamenti climatici
  7. 7. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 7 Cambiamenti climatici Variazioni a diverse scale spaziali e storico temporali di uno o più parametri ambientali e climatici nei loro valori medi es. Temperatura (media, massima e minima) Precipitazioni Nuvolosità Temperatura degli oceani Distribuzione e sviluppo di piante e animali
  8. 8. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 8 Cambiamenti climatici Gli ultimi cinque anni, dal 2014 al 2018, sono stati i più caldi di sempre, secondo le rilevazioni del NOAA e della NASA statunitensi http://www.nationalgeographic.it/ambiente/clima/2019/02/07/news/ gli_ultimi_cinque_anni_sono_stati_i_piu_caldi_di_sempre-4286159/
  9. 9. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 9 Cambiamenti climatici Ormai quasi tutta la comunità scientifica mondiale (il 97% degli studiosi del clima) è concorde nell’affermare che i cambiamenti climatici attuali sono dovuti all’uomo. (https://www.reccom.org/2019/02/27/levidenza-della-crisi-climatica- causata-dalluomo-e-ora-classificata-al-livello-gold-standard/)
  10. 10. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 10 Cambiamenti climatici In particolare l’uomo attraverso l’estrazione e il consumo di combustibili fossili e le deforestazioni sta aumentando la concentrazione nell’atmosfera dei gas a effetto serra (CO2, CH4, N2O, SF6, vapore acqueo, ecc) L’aumento della concentrazione dei gas a effetto serra comporta un aumento della temperatura media globale terrestre e di conseguenza è responsabile di cambiamenti importanti del clima
  11. 11. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 11 Cambiamenti climatici Concentrazione atmosferica della CO2 da 800mila anni fa fino al 2015, misurata in parti per milione (ppm). I dati provengono da una serie di studi sui ghiacci polari e da siti di monitoraggio dell’aria nel mondo (https://www.epa.gov/climate-indicators/climate-change-indicators-atmospheric-concentrations-greenhouse-gases)
  12. 12. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 12 Cambiamenti climatici Nel 2016 sono stati superati i 400 ppm di CO2 in atmosfera. Nel 2017 si è registrato un aumento di 1,1°C della temperatura media globale. Per evitare effetti irreversibili sul clima la comunità scientifica ritiene che non si debbano superare gli 1,5°C di aumento della temperatura media globale. https://www.cmcc.it/ipccitalia/ipcc-special-report-global-warming-of-1-5-c/ Ma se non facciamo di più per impedirlo, questo aumento di temperatura sarà raggiunto Tra il 2030 e il 2052 (https://www.ipcc.ch/sr15/chapter/summary-for-policy-makers/). I cambiamenti climatici saranno molto più intensi se l’aumento della temperatura media globale dovesse arrivare a 2°C.
  13. 13. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 13 Cambiamenti climatici Fenomeni legati ai cambiamenti climatici Aumento dei fenomeni meteorologici estremi (alluvioni, siccità, tempeste), sia per intensità che frequenza Perdita di biodiversità Innalzamento del livello dei mari Scioglimento dei ghiacciai Variazione dell’incidenza di alcune malattie infettive (es. in Africa) Spostamento delle fasce climatiche Variazioni nelle produzioni agricole
  14. 14. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 14 Cambiamenti climatici Le emissioni nette globali di gas serra dovrebbero diminuire del 45% entro il 2030 rispetto ai valori del 2010 E dovrebbero arrivare a zero entro il 2050 (https://www.cmcc.it/ipccitalia/i-governi- approvano-la-sintesi-per-decisori-politici- dellipcc-special-report-on-global-warming-of- 1-5c/)
  15. 15. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 15 L’importanza degli impianti fotovoltaici
  16. 16. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 16 L’importanza degli impianti fotovoltaici Per raggiungere gli obiettivi climatici, Le energie rinnovabili dovranno coprire tra il 70% e l’85% dell’energia elettrica nel 2050 (https://www.ipcc.ch/sr15/chapter/summary- for-policy-makers/)
  17. 17. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 17 L’importanza degli impianti fotovoltaici GSE, Rapporto Statitico 2017, solare fotovoltaico, https://www.gse.it/documenti_site/Documenti%20GSE/Rapporti%20statistici/Solare %20Fotovoltaico%20-%20Rapporto%20Statistico%202017.pdf
  18. 18. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 18 L’importanza degli impianti fotovoltaici In Italia entro il 2030 il fotovoltaico presumibilmente dovrà produrre più di 80 TWh all’anno (https://www.qualenergia.it/articoli/20180619- i-nuovi-scenari-energetici-che-si-aprono-con- lobiettivo-2030/)
  19. 19. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 19 L’importanza degli impianti fotovoltaici 1 kW fotovoltaico → 1300 kWh/a 1 GW fotovoltaico → 1300 GWh/a → 1,3 TWh/a Quindi 80 TWh → 61,54 GW
  20. 20. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 20 L’importanza degli impianti fotovoltaici Dobbiamo passare da circa 20 GW del 2018 a più di 61 GW nel 2030! Sono quindi una media di 3,42 GW installati ogni anno! Attualmente ogni anno in Italia se ne installano circa 0,4 GW, quindi il nostro impegno nazionale deve aumentare tanto!
  21. 21. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 21 Dalla cella all'impianto fotovoltaico
  22. 22. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 22 La cella fotovoltaica La cella fotovoltaica è un dispositivo capace di convertire l'energia luminosa in energia elettrica. La cella fotovoltaica è realizzata con dei materiali semiconduttori, come ad esempio il silicio. In particolare il silicio è diviso in due “strati” o “porzioni”. Nel primo strato alcuni atomi di silicio sono sostituiti con atomi donatori di elettroni (atomi di tipo n), come il fosforo, l'arsenico e l'antimonio. Nel secondo strato, alcuni atomi di silicio sono sostituiti con atomi accettori di elettroni (atomi di tipo p), come il boro o l'alluminio. I due strati diversi si trovano affacciati tra loro nella zona di giunzione, detta giunzione p-n, che è una zona molto sottile ma con un campo elettrico di intensità molto elevata (10'000 V/cm), che tiene separati gli elettroni e le lacune della parte restante del silicio. Quando la radiazione solare colpisce la cella, grazie all'effetto fotovoltaico vengono liberati altri elettroni che si spostano verso l'area in cui sono presenti gli atomi donatori di elettroni. Mettendo due elettrodi alle estremità della cella è collegando gli elettrodi ad un carico, è possibile generare una corrente elettrica con la quale alimentare il carico. FONTE DELLE IMMAGINI 1 fonte wikipedia https://it.m.wikipedia.org/wiki/File:4inch_poly_solar_cell.jpg licenza CC BY-SA 3.0 2 fonte wikipedia https://en.wikipedia.org/wiki/P%E2%80%93n_junction#/media/File:Pn-junction-equilibrium.png licenza CC BY SA 3.0
  23. 23. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 23 Dalla cella al generatore fotovoltaico Cella fotovoltaica Modulo fotovoltaico = insieme di celle (spesso 48, 60, 72 o 96) Pannello solare = insieme di moduli connessi in serie e in parallelo Generatore o campo fotovoltaico = insieme di pannelli fotovoltaici collegati fra loro FONTE DELLE IMMAGINI 1 fonte wikipedia https://it.m.wikipedia.org/wiki/File:4inch_poly_solar_cell.jpg licenza CC BY-SA 3.0 2 fonte wikipedia https://commons.wikimedia.org/wiki/File:EffettoFotoelettrico.png licenza CC BY SA 3.0
  24. 24. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 24 Dalla cella al generatore fotovoltaico Generatore fotovoltaico formato da due pannelli fotovoltaici Ciascun pannello fotovoltaico è formato da 12 moduli fotovoltaici In ogni pannello i moduli sono 3 file (stringhe) di 4 moduli collegati in serie. Le file sono poi collegate in parallelo fra loro FONTE DELLE IMMAGINI Fonte wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Modulo_fotovoltaico immagine di dominio pubblico
  25. 25. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 25 La potenza e l'efficienza dei moduli fotovoltaici e la superficie occupata
  26. 26. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 26 Quale dev'essere la potenza del mio impianto fotovoltaico? Per sapere quale debba essere la potenza del mio impianto fotovoltaico, devo innanzitutto calcolare quanta energia elettrica consumo abitualmente in un anno. Poi devo sapere che nella nostra città, un impianto fotovoltaico da 1 kWp (1000 Wp) produce in un anno circa 1200 kWh. Quindi, se in un anno a casa io consumo 2400 kWh di energia elettrica, avrò bisogno di un impianto da 2 kWp (2000 Wp). Il Wp è il Watt di picco, indica cioè quanto produce il modulo fotovoltaico quando la radiazione solare vale 1000 W/m2 e la temperatura ambiente è di 25° C.
  27. 27. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 27 Quale dev'essere la potenza del mio impianto fotovoltaico? Il Wp è il Watt di picco, indica cioè quanto produce il modulo fotovoltaico quando la radiazione solare vale 1000 W/m2 e la temperatura ambiente è di 25° C. Per misurare i Wp di un modulo le aziende che producono i moduli fotovoltaici fanno degli appositi test di laboratorio che permettono di certificare il modulo stesso prima di poterlo mettere in vendita.
  28. 28. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 28 L'efficienza di conversione della radiazione solare (1) 100% della radiazione solare incidente - 3% Fenomeni di riflessione e presenza dei contatti metallici - 23% Fotoni poco energetici (no effetto fotovoltaico) - 32% Fotoni troppo energetici (no effetto fotovoltaico) - 8,5% Fenomeni di ricombinazione - 20% Gradiente elettrico all'interno della cella - 0,5% Perdite termiche dovute alla resistenza dei contatti = 13% Energia elettrica utilizzabile ai morsetti della cella Oggigiorno sul mercato si trovano moduli ad alta efficienza che possono convertire oltre il 22% della radiazione solare incidente
  29. 29. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 29 L'efficienza di conversione della radiazione solare (2) Se due moduli fotovoltaici hanno tutte le caratteristiche uguali fra loro (es. uguale potenza, uguale sensibilità rispetto alla temperatura) ma hanno delle efficienze diverse, avranno anche delle dimensioni diverse fra loro. ESEMPIO Ho due moduli fotovoltaici da 300 W, uno ha efficienza del 15% e uno ha efficienza del 20%. Allora, il primo occuperà una superficie di 2 m2, il secondo occuperà una superficie di 1,5 m2.
  30. 30. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 30 L'efficienza di conversione della radiazione solare (3) Proviamo allora a calcolare l'efficienza dei moduli fotovoltaici dei nostri kit! Superficie del modulo: S = 0,193 m * 0,245 m = 0,047 m2 Potenza del modulo: P = 5 Wp Radiazione solare di riferimento: Pirr = 1000 W/m2 Efficienza del modulo: P/Pirr/S = 5/1000/0,047 = 0,106 → 10,6%
  31. 31. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 31 Fattori che influenzano la produzione di energia elettrica
  32. 32. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 32 I fattori principali che influenzano la produzione di energia elettrica sono: - intensità della radiazione solare; - temperatura delle celle; - inclinazione e orientamento dei pannelli fotovoltaici Fattori che influenzano la produzione di energia elettrica
  33. 33. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 33 Quale dev'essere la potenza del mio impianto fotovoltaico? La radiazione solare varia nell'arco della giornata e nei diversi mesi dell'anno e per questo varia la potenza prodotta dai moduli fotovoltaici Quindi se ho un pannello da 5 Wp, questo mi produce 5 Wp quando la radiazione solare è di 1000 W/ m2, mentre ad esempio quando la radiazione è di 500 W/m2 mi produce 2,5 W.
  34. 34. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 34 La radiazione solare varia nell'arco della giornata e nei diversi mesi dell'anno e per questo varia la potenza prodotta dai moduli fotovoltaici Radiazione solare Fonte dai pvgis, per maggiori informazioni vedi https://www.grupposelene.net/radiazione_solare_e_produzione_da_fotovoltaico/
  35. 35. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 35 I moduli fotovoltaici producono meno energia quando la temperatura delle loro celle aumenta. Nelle schede tecniche dei moduli fotovoltaici, si trovano quindi descritti sia la temperatura normale di funzionamento o NOCT, sia il coefficiente della temperatura di Pmax, che indica di quanto si abbassa la potenza all'aumentare della temperatura delle celle. Ad esempio, se ho una temperatura di NOCT di 44°C e un coefficiente di temperatura di Pmax di -0,29, allora se durante il funzionamento dell'impianto fotovoltaico le celle si portassero a 70°C, allora la potenza diminuirebbe di 7,54 W! Effetto della temperatura
  36. 36. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 36 I moduli fotovoltaici producono al meglio quando la radiazione solare li colpisce perpendicolarmente alla loro superficie. Però, se abbiamo un impianto fotovoltaico fisso, ad esempio sul tetto, i raggi solari non saranno sempre perpendicolari, perché il sole nel corso del giorno si “sposta” (in realtà è la terra che gira) è durante l'anno cambia la propria altezza nel cielo. Per questo quando progettiamo un impianto fisso dobbiamo decidere quale inclinazione e quale orientamento dargli. Questa scelta dipende anche dalla latitudine della città in cui ci troviamo. Effetto dell'inclinazione e dell'orientamento dei pannelli
  37. 37. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 37 Effetto dell'inclinazione e dell'orientamento dei pannelli http://www.consulente-energia.com/ag-come-vanno-orientati-i-pannelli-fotovoltaici-il- corretto-orientamento-e-inclinazione-dei-pannelli-moduli-in-un-impianto-fotovoltaico.html
  38. 38. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 38 L'inverter
  39. 39. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 39 Un impianto fotovoltaico produce una corrente ed una tensione continue. Invece nelle nostre abitazioni, negli uffici e più in generale nei nostri edifici noi utilizziamo delle correnti e delle tensioni che sono alternate. Inverter pulsating direct variable alternating t i,v
  40. 40. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 40 Un impianto fotovoltaico produce una corrente ed una tensione continue. Invece nelle nostre abitazioni, negli uffici e più in generale nei nostri edifici noi utilizziamo delle correnti e delle tensioni che sono alternate. Inverter Per questo un impianto fotovoltaico ha bisogno di un inverter per convertire la corrente e la tensione da continue ad alternate. L'inverter inoltre comunica con l'impianto elettrico di casa e con la rete elettrica nazionale e protegge sia l'impianto fotovoltaico che l'impianto di casa e la rete elettrica da eventuali malfunzionamenti di uno dei circuiti.
  41. 41. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 41 Schema di un impianto fotovoltaico domestico
  42. 42. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 42 Le pile a combustibile
  43. 43. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 43 Le pile a combustibile Immagine tratta da wikipedia e rilasciata con Licenza CC BY 3.0 https://en.wikiversity.org/wiki/Materials_ Science_and_Engineering/Diagrams/ Transducers#/media/File:Fuell_cell-it.png Funzionamento - sono anche dette celle a combustibile (dall’inglese fuel cell); - dispositivo elettrochimico, permette di ottenere energia direttamente da sostanze come idrogeno o ossigeno, senza che avvenga un processo di combustione termica; - come nelle pile elettriche, nelle pile a combustibile si genera una forza elettromotrice per mezzo di una reazione elettrochimica; - inoltre come nelle pile elettriche, anche nelle pile a combustibile abbiamo un anodo (-) e un catodo (+), che sono generalmente al platino e fungono da catalizzatori; - la reazione avviene tra un “combustibile” e un “comburente”, che sono di solito l’idrogeno e l’ossigeno;
  44. 44. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 44 Le pile a combustibile Immagine tratta da wikipedia e rilasciata con Licenza CC BY 3.0 https://en.wikiversity.org/wiki/Materials_ Science_and_Engineering/Diagrams/ Transducers#/media/File:Fuell_cell-it.png - le pile a combustibile più diffuse sono le Pile a membrana a scambio protonico, o “PEM”; - durante la reazione nell’anodo l’idrogeno viene “spezzato” in ioni positivi ed elettroni. Questi ultimi, passando per un circuito esterno, generano elettricità; - l’idrogeno viene scelto perché è facile da Ionizzare (ha una bassa energia di attivazione); - successivamente gli ioni idrogeno passano per una membrana e raggiungono il catodo, dove si combinano con gli elettroni e l’ossigeno dell’aria generando acqua;
  45. 45. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 45 Le pile a combustibile VANTAGGI (in generale) Elevata efficienza di conversione diretta, che va dal 40% al 60% a seconda della temperatura di funzionamento (in parte ridotta poi dai consumi dei processi ausiliari di cella, come il pompaggio, il riscaldamento, il raffreddamento e la compressione dei reagenti gassosi). L’efficienza è indipendente dal carico e dalle dimensioni dell’impianto. Modularità, con la possibilità di aumentare la potenza installata all’aumentare del carico. Ridotto impatto ambientale. Possibile stoccaggio di energia quando impiegate assieme alle fonti rinnovabili.
  46. 46. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 46 Le pile a combustibile SVANTAGGI (in generale) L’idrogeno è ancora molto costoso da acquistare, anche se è facile trovare soluzioni economiche di autoproduzione e produzione da fonti rinnovabili. L’idrogeno può essere pericoloso, ma se si utilizzano fonti a rilascio controllato come gli idruri metallici, può essere più sicuro della benzina. Il catalizzatore è molto sensibile alle impurità, per cui l’idrogeno deve essere prodotto per elettrolisi oppure deve essere depurato se prodotto con il reforming. Il catalizzatore è costoso (attualmente al platino) Rischio ghiaccio: per umidificare le membrane si usa acqua, per cui c’è il rischio che si formi il ghiaccio. Tecnologia nuova, quindi costi elevati e assenza di infrastrutture.
  47. 47. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 47 Le pile a combustibile CAMPO DI APPLICAZIONE Elettronica: ci si aspetta che l’elettronica sia il primo campo di applicazione per le celle a combustibile (telefonini, computer e gruppi di Continuità). Automobili: sono allo studio diverse soluzioni per lo stoccaggio dell’idrogeno (gas compresso, idrogeno liquido, metanolo, idruri metallici. Insieme a impianti a fonte rinnovabile (intermittente): sistemi a idrogeno con impianto a energia rinnovabile, ciclo a idrogeno (idrolisi, stoccaggio e consumo) e batteria per lo stoccaggio di breve periodo. Efficienze fino al 65%. Centrali elettriche: pile (a ossido solido) in centrali a turbogas a ciclo combinato. Efficienze termiche fino al 70%. Immagine tratta da wikipedia https://commons.wikimedia.org/wiki/ File:Mercedes-Benz_Viano_Proton_ Motor_Fuel_Cells_IAA_2016_(2)_ Travelarz.JPG Author Travelarz [CC BY-SA 3.0 pl (https://creativecommons.org/ licenses/by-sa/3.0/pl/deed.en)]
  48. 48. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 48 Le pile a combustibile VANTAGGI E SVANTAGGI NELLE AUTOMOBILI Vantaggi Zero emissioni: se si opera con idrogeno puro l’unica emissione delle celle è l’acqua, mentre se si usa un reformer bisogna tenere conto delle sue emissioni Rapida risposta al carico: rapida risposta al carico durante la guida, mantenendo sempre una elevata efficienza Tempo di rifornimento confrontabile con quello dei veicoli endotermici tradizionali Svantaggi Assenza di infrastrutture, possibile consumo energetico per la produzione dell’idrogeno Necessità di soluzioni di stoccaggio (alta pressione, Idrogeno liquido, etc) Immagine tratta da wikipedia https://commons.wikimedia.org/wiki/ File:Mercedes-Benz_Viano_Proton_ Motor_Fuel_Cells_IAA_2016_(2)_ Travelarz.JPG Author Travelarz [CC BY-SA 3.0 pl (https://creativecommons.org/ licenses/by-sa/3.0/pl/deed.en)]
  49. 49. 31/05/2019 FacciAmo Scuola - I.C.S. Anna Frank - Scuola Media Montecalvo in Foglia 49 Sentinelle dell'Energia Tel: 3407711315 grupposelene@gmail.com

×