Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

Il Corpo Parla

Il Corpo Parla

  1. 1. IL CORPO PARLA Con la bocca possiamo raccontare bugie, con il corpo no
  2. 2. I tre aspetti della comunicazione <ul><li>7% LINGUAGGIO VERBALE </li></ul><ul><li>38% LINGUAGGIO PARAVERBALE </li></ul><ul><li>55% LINGUAGGIO NON VERBALE </li></ul>
  3. 3. ESSERE CONGRUENTI <ul><ul><li>Significa lanciare lo stesso messaggio con le parole e con il corpo. </li></ul></ul><ul><ul><li>Ogni messaggio è enormemente rafforzato quando è congruente; quando il linguaggio delle parole, cioè, è in sintonia con quello del corpo. </li></ul></ul>
  4. 4. VIAGGIO ATTRAVERSO IL CORPO
  5. 5. Le posizioni di chiusura corporea denotano chiusura psicologica o timore
  6. 6. Le posizioni di apertura corporea indicano apertura psicologica, cordialità, sicurezza
  7. 7. UN PIEDE PER BUSSOLA <ul><li>Tenere i piedi molto vicini, stretti, è sintomo d’insicurezza. </li></ul><ul><li>Tenere i piedi larghi, ben piantati, con le gambe divaricate indica sicurezza, addirittura aggressività. </li></ul>
  8. 8. LE GAMBE <ul><li>Tenerle incrociate in maniera stretta, forzata, indica chiusura e nervosismo. </li></ul><ul><li>Se la stessa posizione è morbida e rilassata, è semplicemente defaticante. </li></ul>
  9. 9. LA POSIZIONE SEDUTA <ul><li>Se è simmetrica e rigida è indice di soggezione, di mancanza di spontaneità. </li></ul><ul><li>Se asimmetrica, obliqua e rilassata, indica disinvoltura: la persona si trova a suo agio. </li></ul>
  10. 10. COME COLLABORARE DA SEDUTI <ul><li>Essere seduti di fronte indica rivalità e distacco. </li></ul><ul><li>Mettersi fianco a fianco favorisce la collaborazione </li></ul>
  11. 11. A BRACCIA APERTE <ul><li>Quanto più incroci strettamente le braccia, tanto più manifesti ostilità. </li></ul><ul><li>Se usi le braccia per aumentare il volume del torace manifesti aggressività. </li></ul>
  12. 12. Non sempre incrociare le braccia è sintomo di aggressività. <ul><li>Se le incroci sul petto con gesto morbido, indichi semplicemente uno stato di riposo. Il tuo atteggiamento è disteso, tranquillo, sereno. </li></ul>
  13. 13. LE SPALLE <ul><li>Chi ha le spalle curve è più depresso di chi le ha dritte, chi le ha larghe è più sicuro di chi le ha strette. </li></ul>
  14. 14. LA MANO DELLA VERITA’ <ul><li>Mostrare il palmo della mano indica due cose positive: intenzioni amichevoli e sincerità. </li></ul><ul><li>“Nascondere la mano” significa celare qualcosa. </li></ul><ul><li>Esibire il dorso della mano suscita sensazioni di chiusura, di ostilità. </li></ul>
  15. 15. IL LINGUAGGIO DELLE DITA <ul><li>L’indice, se viene puntato, conferisce alla comunicazione un tono impositivo. </li></ul><ul><li>Il pollice ostentato segnala superiorità. </li></ul>
  16. 16. COME MOSTRARE INTERESSE <ul><li>Portare indice e medio alla tempia, o alla fronte, come volessimo far entrare nel cervello le parole udite. </li></ul><ul><li>Accarezzarsi il mento rivela interesse e concentrazione. </li></ul>
  17. 17. LA STRETTA DI MANO <ul><li>Deve essere sufficientemente energica da far trasparire il nostro piacere nell’incontro. </li></ul><ul><li>Le strette fiacche lasciano la sensazione di disinteresse, oppure di timidezza o di scarsa grinta. </li></ul><ul><li>Deve durare dai 3 ai 5 secondi. </li></ul>
  18. 18. LA STRETTA DOMINANTE <ul><li>Con il palmo all’ingiù. </li></ul><ul><li>La usano persone importanti, o che si considerano tali. </li></ul><ul><li>Oppure persone arroganti, che tendono ad imporsi. </li></ul><ul><li>Oppure può essere usata da chi assume un atteggiamento paternalistico, di protezione. </li></ul>
  19. 19. LA STRETTA SOTTOMESSA <ul><li>Con il palmo all’insù. </li></ul><ul><li>Chi è cedevole porge la mano in questo modo. </li></ul><ul><li>Chi si pone volontariamente in condizione di inferiorità. </li></ul>
  20. 20. LA STRETTA COLLABORATIVA <ul><li>Con il palmo di taglio. </li></ul><ul><li>Due persone che vogliono collaborare e che si sentono allo stesso livello si danno la mano in questo modo: così nessuno domina e nessuno si sottomette. </li></ul>
  21. 21. IL POTERE DELLO SGUARDO <ul><li>Se voglio arrivare all’anima dell’altro, capire cosa pensa e comunicargli in modo chiaro e leale, devo guardarlo negli occhi. </li></ul>
  22. 22. Se l’incontro è di lavoro guarderò il mio interlocutore nel triangolo compreso tra gli occhi e la punta del naso
  23. 23. Se si tratta di un incontro per socializzare il triangolo scende fino alla punta del mento.
  24. 24. CHI MENTE E’ TRADITO <ul><li>Non guardiamo negli occhi, ma perlopiù in basso (appunto perché i nostri occhi potrebbero far trasparire il disagio. </li></ul><ul><li>Compiamo qualche movimento nervoso, come tormentarci le mani, o i capelli, o grattarci il viso </li></ul>
  25. 25. CHI MENTE E’ TRADITO <ul><li>Parliamo con un volume più basso del solito e scandendo le parole meno del solito. E’ facile anche incespicare sulle parole o cadere nel lapsus. </li></ul><ul><li>Gli individui particolarmente emotivi possono anche sudare, arrossire, sbiancare o balbettare soprattutto quando temono di venire scoperti. </li></ul>
  26. 26. Chi simula interesse nei tuoi confronti comincia a fingere dal sorriso. <ul><li>Il sorriso sincero si riconosce perché contrae i muscoli attorno agli occhi. Si formano così delle piccole piaghe sotto i bulbi oculari. </li></ul>
  27. 27. UNA POSTURA “DA VINCITORE” <ul><li>Sta’ ben eretto. </li></ul><ul><li>Non contrarre le spalle: devono essere rilassate e alla loro massima ampiezza. </li></ul><ul><li>Il baricentro del corpo deve essere teso in avanti per farci camminare in modo sciolto e sicuro allo stesso tempo. </li></ul><ul><li>Quando ti siedi scegli una sedia nella quale tu possa comunicare bene con il linguaggio del corpo. </li></ul><ul><li>Impariamo a muoverci con studiata lentezza. </li></ul>
  28. 28. UN SUGGERIMENTO <ul><li>Applica le regole della buona comunicazione soprattutto all’inizio di un incontro con qualcuno che ancora non conosci. </li></ul><ul><li>La prima impressione è quella che conta di più e si imprime nella mente nei primi 4 minuti e ancora di più nei primi 30 secondi. </li></ul>
  29. 29. THE END GRAZIE PER LA VISIONE

×