Ce diaporama a bien été signalé.

CILS - 6. Somministrazione Orale. Parte 2

1

Partager

Chargement dans…3
×
1 sur 18
1 sur 18

Plus De Contenu Connexe

Livres associés

Gratuit avec un essai de 14 jours de Scribd

Tout voir

Livres audio associés

Gratuit avec un essai de 14 jours de Scribd

Tout voir

CILS - 6. Somministrazione Orale. Parte 2

  1. 1. LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS ISTRUZIONI PER LO SVOLGIMENTO DEL TEST DI PRODUZIONE ORALE (II)
  2. 2. LE TIPOLOGIE TESTUALI  parlato bidirezionale faccia a faccia  con presa di parola libera (livelli autonomi e competenti)  con presa di parola non libera (livelli basici)  parlato monodirezionale faccia a faccia
  3. 3. PARLATO FACCIA A FACCIA BIDIREZIONALE con presa di parola libera  conversazione libera  secondo un copione nel quale occorre interpretare dei ruoli (role play) con presa di parola non libera  conversazione guidata, in base a una scaletta predefinita e secondo il grado di autonomia nella lingua
  4. 4. CONVERSAZIONE LIBERA Argomenti secondo i livelli di competenza:  temi di ambito quotidiano nel dominio strettamente personale (apprendenti basici)  temi di ambito quotidiano nei domini personale, educativo e pubblico (apprendenti autonomi)  tematiche di attualità nei domini occupazionale, pubblico e educativo (apprendenti competenti)
  5. 5. ESEMPI DI CONVERSAZIONE LIBERA Prova n.1- Dialogo- B1 L’esaminatore fa un dialogo con il candidato su uno dei seguenti argomenti:  il tipo di vacanza che vuoi o vorresti fare;  l’importanza di una sana alimentazione;  l’importanza di imparare una lingua straniera;  una persona importante nella tua vita. Prova n.1- Dialogo - C2 Il candidato deve sostenere una discussione con l'esaminatore, esprimendo le proprie opinioni in proposito, su uno dei seguenti argomenti:  Oggi sono sempre più numerosi i single cioè quelle persone che, per scelta o a seguito dell’allontanamento o della separazione legale, vivono da sole, magari con uno o più figli. Secondo te, quali sono i motivi di questo fenomeno e quali problemi comporta?  È sempre più di attualità il problema della difesa dell’ambiente. Quali sono le tue considerazioni in proposito?  Il progresso della medicina e della biologia consente ormai, secondo molti scienziati e ricercatori, di intervenire sugli individui prima della nascita, per curare e prevenire malattie e malformazioni o anche, a giudizio di alcuni, per migliorarne i caratteri individuali. Quali sono le tue considerazioni in proposito?
  6. 6. ROLE PLAY Tecnica utilizzata per • apprendenti basici, con produzione di lingua limitata e legata a situazioni e domini presenti nel profilo di riferimento • apprendenti autonomi nella comunicazione quotidiana • apprendenti competenti in situazioni di formalità e in settori professionali
  7. 7. ESEMPI DI ROLE PLAY Prova 1- Dialogo – A2 adulti Italia Il candidato deve dimostrare di saper interagire in una delle seguenti situazioni:  vuoi comprare una bicicletta per tuo figlio. Vai in un negozio e chiedi informazioni.  hai comprato in un negozio di vernici un barattolo di vernice blu. Quando vai a casa e apri il barattolo, ti accorgi che il colore è bianco. Torni al negozio e chiedi spiegazioni. Durata della conversazione: 2-3 minuti circa. Prova n.1- Dialogo – C1 Il candidato deve dimostrare di saper assumere il ruolo richiesto in una delle seguenti situazioni:  hai ricevuto una bolletta della luce molto più alta del solito, vai all’ufficio clienti dell’ente che distribuisce energia elettrica e chiedi spiegazioni. L’esaminatore assume il ruolo dell’impiegato;  un tuo compagno ha intenzione di abbandonare gli studi universitari. Parli con lui e lo inviti a riflettere approfonditamente sulle conseguenze della sua eventuale decisione. L’esaminatore assume il ruolo del compagno;
  8. 8. CONVERSAZIONE GUIDATA Tecnica utilizzata per • candidati con competenza di non autonomia comunicativa (A1/A2) e costante bisogno di aiuto da parte dell’interlocutore Svolgimento del test • il candidato risponde a una serie di domande predefinite che svolgono la funzione di input Caratteristiche • la comunicazione assume un carattere fortemente asimmetrico e perde l’elemento della reciprocità dell’interazione • il compito presenta un alto grado di affidabilità e comparabilità: il somministratore rivolge a tutti i candidati le medesime domande
  9. 9. CONVERSAZIONE GUIDATA Prova n.1- Dialogo - A1 adulti estero Il candidato deve dimostrare di sapersi presentare e di saper parlare di sé rispondendo alle seguenti domande: Come ti chiami? hai? Dove vivi? Con chi vivi? Ti piace la tua città Da quanti anni/mesi frequenti la scuola di italiano? Ti piace studiare la lingua italiana? Conosci la cucina italiana? Conosci ristoranti italiani? Le domande costituiscono una traccia per permettere all’esaminatore di sviluppare una breve conversazione con il candidato, pertanto non è necessario rivolgere al candidato tutte le domande proposte Durata della conversazione: 2-3 minuti circa
  10. 10. LO SVOLGIMENTO DELLA PRIMA PROVA DEL TEST: IL DIALOGO • Il somministratore instaura un breve dialogo di presentazione con il candidato • il candidato sceglie un argomento tra quattro • il candidato può riflettere qualche minuto per organizzare le proprie idee senza supporti scritti • Il somministratore trascrive i dati del candidato su una tabella o su un foglio da allegare al cd • il candidato o il somministratore registrano il nome e la matricola del candidato • il somministratore deve prendere parte attiva al dialogo (da 1,5 a 4 minuti secondo i livelli di competenza)
  11. 11. IL RUOLO DEL SOMMINISTRATORE NELLA PROVA DIALOGICA  il dialogo dovrebbe riprodurre un atto comunicativo paritario, spontaneo e naturale, mentre un esame non è sentito come tale, anche perché uno solo dei due locutori sarà sottoposto a giudizio  il compito principale del somministratore è rendere il dialogo il più possibile vicino a una conversazione reale, pur vincolata dal tempo, dagli argomenti, dal fine della locuzione, che è quello dell’accertamento della competenza linguistica
  12. 12. PARLATO FACCIA A FACCIA MONODIREZIONALE Caratteristiche • rilevanza dell’argomento per l’apprendente • necessità di tempo per la progettazione del testo • maggiore formalità rispetto al dialogo Compiti, secondo i livelli di competenza • descrizione di immagini, anche solo come input per avviare l’esposizione • descrizione di esperienze/racconto di un episodio • espressione di opinioni • argomentazione su temi di attualità • argomentazione sulle proprie scelte professionali
  13. 13. ESEMPI DI MONOLOGO Prova n. 2- Monologo- A2 adulti estero La prova ha le caratteristiche di un parlato faccia a faccia monodirezionale. L’esaminatore inviterà il candidato a parlare su uno dei seguenti argomenti:  descrivi un dolce tradizionale del tuo paese;  descrivi un oggetto che porti sempre con te;  l’immagine allegata. Durata dell’esposizione: 1 minuto e mezzo circa
  14. 14. ESEMPI DI MONOLOGO Prova n. 2- Monologo- B2  La prova ha le caratteristiche di un parlato faccia a faccia monodirezionale. L’esaminatore inviterà il candidato a descrivere:  un evento o una storia che ti ha particolarmente impressionato;  i tuoi progetti per il futuro;  la situazione dell’immagine n.1;  la situazione dell’immagine n.2. Durata dell’esposizione: 1 minuto e mezzo circa.
  15. 15. ESEMPI DI MONOLOGO Prova n.2- Monologo- C2 Il candidato deve dimostrare di essere in grado di fare un'esposizione sintetica, ma caratterizzata da completezza, su uno dei seguenti argomenti:  La crisi energetica che sta attraversando tutto il pianeta suggerisce che dobbiamo intraprendere strade alternative. Le cosiddette fonti di energia alternative, ancora poco utilizzate, devono essere maggiormente sfruttate per far fronte al fabbisogno mondiale. Esponi il tuo pensiero in proposito.  La schiavitù, cioè l’assoggettamento totale di un essere umano a scopo di sfruttamento, affonda le proprie radicinel mondo antico. Oggi è legalmente abolita in tutte le regioni del globo, ma è davvero sparita? Esponi il tuo pensiero in proposito.  Il fenomeno del consumismo è una delle malattie della società e dell'uomo contemporanei. Si compra più di quanto serva, si acquistano oggetti non tanto per la loro necessità o per il piacere di adoperarli, il cosiddetto valore d’uso, quanto per quello che rappresentano, perché sono degli status symbol, per il loro cosiddetto valore di scambio. Esponi il tuo pensiero in proposito. Durata dell’esposizione: 2-3 minuti circa.
  16. 16. LO SVOLGIMENTO DELLA SECONDA PARTE DEL TEST: IL MONOLOGO • il candidato • sceglie un argomento tra quattro • può riflettere qualche minuto per organizzare la propria esposizione senza supporti scritti • sostiene un’esposizione autonoma (da 1,5 a 3 minuti) • il somministratore non deve prendere parte a questo secondo momento del test, a meno che il candidato non presenti evidenti difficoltà di eloquio
  17. 17. LA VALUTAZIONE DEL TEST DI PRODUZIONE ORALE Per ridurre al minimo l’intervento di variabili soggettive nella valutazione delle prestazioni i valutatori CILS hanno previsto:  in fase di costruzione del test, una griglia di valutazione che esplicita i criteri di riferimento relativi al compito e al livello di competenza, in base a descrittori della competenza richiesta  in fase di valutazione del test, controlli incrociati sulla valutazione di campioni di prestazioni, adottando la stessa scala e le stesse procedure di valutazione (standardizzazione dei valutatori nell’uso dei criteri di valutazione)
  18. 18. LA GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL PARLATO INDICATORI SOTTOINDICATORI Efficacia comunicativa – - Fluenza - Coerenza - Prontezza nell’esecuzione del compito e velocità di orientamento nella risposta - Realizzazione (positiva esecuzione del compito) - Flessibilità nell’adattarsi alle novità del compito Correttezza morfosintattica - Correttezza morfologica e sintattica Adeguatezza e ricchezza lessicale - Ampiezza del lessico e del repertorio linguistico - Padronanza del lessico in relazione a registro e varietà linguistica Pronuncia e intonazione - Padronanza fonologica

×