Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

Uso la testa quando uso il mio smartphone!

1 027 vues

Publié le

Breve guida per genitori sull'uso sicuro di Facebook e Whatsapp.
Sportello di aiuto digitale a scuola.

Publié dans : Formation
  • Identifiez-vous pour voir les commentaires

Uso la testa quando uso il mio smartphone!

  1. 1. Uso la testa quando uso il mio smartphone! Gabriella Paolini Sportello di Aiuto Digitale - 3 Dicembre 2015
  2. 2. Un problema da non sottovalutare  Su un campione di circa 4.000 studenti di scuole medie e superiori:  2 studenti su 3 affermano che le proprie competenze digitali provengono in tutto o quasi da esperienze di apprendimento extra scolastico.  2 ragazzi su 3 ritengono che il cyberbullismo è in aumento e la metà ha avuto esperienza diretta o indiretta di fenomeni di questo tipo.  https://www.commissariatodips.it/uploads/media/COMUNICATO_STAMPA_ una_vita_da_social_3__edizione_01.pdf 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  3. 3. Quanti anni hanno i vostri figli ?  Se hanno meno di 13 anni non dovrebbero essere registrati su Facebook.  “L’utente si impegna a non usare Facebook se non ha raggiunto i 13 anni.”  Dai Termini del Servizio di WhatsApp: “If you are under 16 years of age, you are not permitted to use the WhatsApp Service.” (I termini del servizio sono l’unica cosa non tradotta nel sito di WhatsApp!)  Ma esistono altri programmi uguali a WhatsApp (es. Telegram sviluppato in Europa) che non hanno nessuna limitazione di età. 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  4. 4. Ma se ormai sono nella Rete…  Non lasciateli soli.  Cercate di stare al loro livello /passo tecnologico.  Cercate di capire il loro linguaggio e il loro modo di vivere la rete.  Non vietate ma cercate di controllare, di monitorare, di regolamentare e di valorizzare l’uso di questa forma di comunicazione.  Ma se si tratta di attività fuori legge, imponetevi e vietate. Si tratta della loro e della vostra sicurezza! 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  5. 5. E’ facile fingere di essere qualcun altro  Nei social network è facile fingere di essere qualcun altro e i controlli non bastano.  E allora spieghiamo che:  Bisogna dare l’amicizia soltanto a chi si conosce di persona, e possibilmente dopo averne parlato a voce.  Se si tratta di un adulto, anche se conosciuto, chiedere sempre il permesso.  Meglio avere pochi amici, ma buoni!  Uscire da Gruppi Whatsapp formati da persone che non sono nella rubrica e che non si conoscono. 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  6. 6. Non per tutti  Impostare tutto, anche la lista degli amici, in modo che sia visibile soltanto agli amici.  Fare attenzione a chi può vedere le tue foto quando le condividi.  Fare attenzione quando si aggiunge un tag @ o quando si è «taggato» in una foto. 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  7. 7. Tu sai dove sei? Allora perché devono saperlo gli altri? Disattivare la geolocalizzazione sul telefono: GPS, Wifi (come fare dipende dal Sistema Operativo del Telefono) 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  8. 8. Il mondo è lo stesso  Facebook o Whatsapp non sono un mondo parallelo.  Se una persona, una proposta, un’offerta su un social network sembra troppo bella per essere vera, quasi sicuramente non sarà vera.  Difficile vincere qualcosa, soprattutto se non ci si è iscritti ad un concorso. 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  9. 9. Le chiavi di casa  Daresti le chiavi di casa ad uno sconosciuto?  Non fidarti mai di messaggi che ti chiedono la password e non seguire link che non conosci: di solito sono trappole per rubarti la password, che va custodita come le chiavi di casa.  Non dare la tua password nemmeno ad amici. Il tuo profilo è come la tua vita. E’ tuo e non deve essere condiviso con nessuno. 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  10. 10. Mi fido, ma …  «Mi presti un attimo il telefono?»  «Lascio il telefono incustodito, tanto cosa vuoi che succeda, e poi su WhatsApp ho la password.»  Basta un attimo e il vostro telefono può diventare un megafono della vostra vita. Attenzione alle SPY Apps!  Sono app (Malware) che possono essere installate sul vostro telefono e permettere a male intenzionati di accedere a tutte le vostre informazioni. 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  11. 11. Pensare prima di …  Pensare prima di scrivere uno stato, un commento o un messaggio  Pensare prima di condividere  Tutto quello che viene pubblicato su un social network un giorno potrebbe cambiare significato. Potrebbe essere usato contro di te. Potrebbe farti apparire diverso da come sei. 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  12. 12. Ma che bel selfie…  Fai attenzione alle foto che pubblichi.  Ricorda che ogni informazione che pubblichi o invii a qualcuno, sia essa un pensiero, un commento, una foto o un video, potrebbe essere copiata, incollata e distribuita in modi che non ritieni opportuni.  Prima di pubblicare qualcosa, chiediti "Cosa succederebbe se questo contenuto fosse condiviso pubblicamente con tutti?” 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  13. 13. Quando i cattivi sono i suoi compagni  Se dovesse ricevere messaggi, post o commenti offensivi, ricorda che a seconda della serietà della situazione puoi:  ignorare il messaggio (se si limita ad uno);  chiedere alla persona che lo ha pubblicato di smetterla;  rimuovere dagli amici o bloccare la persona;  Rivolgersi alla polizia postale. Tutti meritano di essere trattati con rispetto! 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  14. 14. E se il cattivo è nostro figlio? Capire Controllare Intervenire. Fargli capire la "regola d'oro": Tratta gli altri come vorresti che trattassero te. 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  15. 15. Non lasciamoli soli  Se succede qualcosa di strano devono poterne parlare subito con noi o con gli insegnanti.  Non colpevolizzarli. Sia che siano la vittima che l’aggressore.  Facebook e Whatsapp fanno parte del loro mondo. Non vanno demonizzati.  Accompagnarli, seguirli.  Tutti commettiamo errori. Se viene detto o fatto qualcosa di inappropriato, ricordargli che non è mai troppo tardi per chiedere scusa. 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  16. 16. Usare la testa… sta li per questo!  Da ricordare:  Quello che dici può veramente offendere qualcuno o ritorcersi contro di te.  Pensa prima di pubblicare qualsiasi cosa e chiediti se vuoi veramente dire quello che stai scrivendo e pensa a quali conseguenze avrà.  Una foto o un video potrebbe essere copiati, incollati e distribuiti in modi che non ritieni opportuni. 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  17. 17. Riferimenti:  https://www.facebook.com/safety/  http://attivissimo.blogspot.ch/2014/06/facebook-e- twitter-manuale-di.html  http://geronimostilton.com/IT-it/il-manuale-di- internet-di-geronimo-stilton__6615/  https://www.commissariatodips.it/uploads/media/int erno_opuscolo_vita_da_social.pdf 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini
  18. 18. Grazie!  Gabriella.Paolini@gmail.com  https://twitter.com/gabipaolini Il contenuto di questa presentazione è rilasciato secondo i termini della licenza Creative Commons - Attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo - 3.0 Italia 3 dicembre 15 Sportello di Aiuto Digitale - Gabriella Paolini

×