Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

Pensa case studies open science ffhs june 2019 v2

35 vues

Publié le

Open Science SUPSI, FFHS, 27/06/2019.

Publié dans : Formation
  • Soyez le premier à commenter

  • Soyez le premier à aimer ceci

Pensa case studies open science ffhs june 2019 v2

  1. 1. open by default Iolanda Pensa Senior Researcher, Head of Research for “Culture and Territory” Area, Open Science Working Group. SUPSI University of Applied Sciences and Arts of Southern Switzerland Laboratory of visual culture / Department for Environment Constructions and Design iolanda.pensa@supsi.ch - FFHS, Regensdorf, Zurich, 27/06/2019.
  2. 2. Beta test Open Science SUPSI Case studies 2019
  3. 3. The Guidelines Open Science SUPSI / FFHS everything is open by default
  4. 4. Easy to find Easy to cite Easy to (re)use Include how you want content to be cited (write the exact reference) Add attribution in the metadata Use a unique identifier (DOI, ISBN) Use and include the open license cc0, cc by, cc by-sa Add instructions to facilitate reuse and edit Use repositories which remain open (non commercial) Open formats Allow to add content and interoperability (= collaborative work) Store content where people can find it Content and format editable Allow commercial use Store content where potential users are Free access Access without registration Use metadata (data understandable by computers) Open Science - What “open” means Research ethic always requires you to cite sources, even if the license doesn’t require it Archive it for >10 years All associated data accessible
  5. 5. Easy to find Easy to cite Easy to (re)use Include how you want content to be cited (write the exact reference) Add attribution in the metadata Use a unique identifier (DOI, ISBN) Use and include the open license cc0, cc by, cc by-sa Add instructions to facilitate reuse and edit Use repositories which remain open (non commercial) Open formats Allow to add content and interoperability (= collaborative work) Store content where people can find it Content and format editable Allow commercial use Store content where potential users are Free access Access without registration Use metadata (data understandable by computers) Open Science - What “open” means Research ethic always requires you to cite sources, even if the license doesn’t require it Archive it for >10 years All associated data accessible Check contracts, agreements and ethical issues
  6. 6. Easy to find Easy to cite Easy to (re)use Open Science - The Principles
  7. 7. Release content with an open license1 Add the attribution (how content has to be cited) Include the metadata Upload content on servers/repositories (archive it) Provide the related data 2 3 4 5 Open Science - In Practice
  8. 8. Open Science - who can be interested in finding content and (re)use it The author He/she may want to (re)use his/her content.This can be complicated if there are partners and if rights belong to the institution. Reviewers They may want to access data and check the methodology and results of a research. A research should be replicable. Project partners Without a license it is difficult to define who has rights and what can be done with content produced by joint research. Colleagues Your colleagues may want to develop further a research and to verify its results in other contests. Your institution The institutions may be interested in communicating research results and in having full access to content. Citizens They may want to access content produced by research but also contribute to research (citizens science). It is argued that publicly funded content should be public.
  9. 9. how to release content with an open license 1
  10. 10. why do we need a license
  11. 11. If nothing is written, it means that all rights are reserved
  12. 12. All rights reserved To do something with this content you need the authorization of its copyright owner. It means you can NOT copy it, use it, reuse it, modify it, distribute it, traslate it, correct it… It means you can cite content and have a limited pedagogical use.
  13. 13. To allow the (re)use of content you need to provide a license (otherwise people have to ask you every time or they can use it illegally)
  14. 14. Some rights reserved
  15. 15. Creative Commons attribution share-alike Creative Commons attribuzione condividi allo stesso modo Creative Commons zero - Public Domain Creative Commons zero - Pubblico dominio It does not require the attribution (on data is very difficult to attribute each data) For data For texts, images, video, music… Requires the attribution Guarantees content remains always open Sources should always be cited also when it is not requested by the license (research ethics) Easier to manage in case of partnerships Open Science - easy to (re)use Not all licenses are open, not all Creative Commons license are sufficiently open, and it is not sufficient to write “Creative Commons”.
  16. 16. who owns the copyright Grantmakers can request that research results are released under an open license and published in open access. In any case inform everyone and explain why you are choosing an open license. The copyright can be owned by the author or authors.All authors have to agree on the license. The copyright can be owned by the institutions employing the authors. Include the license of content produced by a project directly in the project description. Publishers can request all elusive rights. But you don’t necessarily have to give them. Not all content is under copyright. Data, and non original works are not under copyright and after 70 years from the death of an author content enters the public domain. You can always ask for an authorization Open Science - easy to (re)use
  17. 17. how to release content with an open license Legal value (you need to provide a link to the full text of the license) Understandable by computers (deve essere nei metadati o inserita con codice html) Understandable by humans (Creative Commons license with logo and link) Write the license on publications, websites, documents, projects… You need to specify the license (with a logo) You need to specify the attribution. You need to provide a link the full license. You need to include the license and the attribution in the metadata. Open Science - easy to (re)use
  18. 18. Choose your license on Creative Commons https://creativecommons.org/choose/
  19. 19. Choose your license on Creative Commons https://creativecommons.org/choose/
  20. 20. Choose your license on Creative Commons https://creativecommons.org/choose/
  21. 21. how to add the attribution (how your work should be cited) 2
  22. 22. Clearly state in the first page how you want your content to be cited (include the attribution in the metadata). In another page provide full credits (team, funders, logos…). Author, title, institution, date, license. facilitate the attribution of your work The attribution is how you want people to cite you work. It needs to be a short sentence, easy to copy and paste, and easy to use as a reference. Open Science - easy to cite
  23. 23. Attribute work and provide sources even if the license doesn’t requite it (citing sources is connected to the research ethics / research integrity). Author, title, institution, date, license. always attribute the work of others The attribution is how authors want their content to be cited. Open Science - research ethics / integrity
  24. 24. how to include the metadata 3
  25. 25. Metdata data understandable by a computer often you don’t see them they are inside the document (provided for example by using a html code on a website) they facilitate the work of search-engines Include the metadata In the metadata include at least ● the license ● the attribution Open Science - easy to cite and (re)use
  26. 26. where and how to upload content (to archive it) 4
  27. 27. where to upload content (and archive it) institutional servers and repositories Open repositories Repositories and websites with interested users, i.e. open online collaborative projects Open Science - easy to find and (re)use SUPSI server SUPSI instory (for papers) FFHS server OpenStreetMap Wikidata (cc 0) Wikipedia,Wikimedia Commons…
  28. 28. You want to use a format which facilitates (re)use, i.e. develop further content, replicate a research, review data, edit a text, republish an article, translate a text, publish an image… For example for texts a pdf is better than a scanned document; Markdown, Asciidoc, LaTeX or even Word are better than a pdf… Open format means I can copy content, download it, transfer it and modify it. Open format means also that I don’t need to buy a software to open a file or to access data. You provide source code, Open Science - easy to (re)use how to upload content (and archive it)
  29. 29. providing the related data 5
  30. 30. Access to data really makes the difference Provide the data which confirm your research results Open Science - easy to (re)use
  31. 31. Text on a single column. Facili da leggere in digitale Allow a text to be easily readable on different devices. Open Science - easy to use
  32. 32. Extra
  33. 33. Green open access An article or a book can be read for free on a personal or institutional website (self-archiving). Content is not in its edited, complete and citable form. Many publishers allow self-archiving. Gold open access An article or a book (in its edited, complete and citable form) is accessible for free on the website of the publisher and it is released with an open license. Publisher can ask a payment to the author/ institution to release content in open access (gold open access).
  34. 34. Open Science SUPSI - Procedura Open Science. Dove si trova la documentazione Progetto Ipotesi di procedure Materiale didattico Outline di progetto Indicazioni su contratti/ regolamenti e accordi, documentazione e la sua archiviazione; licenze. Scheda progetto Specificare diritti d’autore. Licenza CC by-sa salvo diversi accordi e CC0 per i dati del progetto (modelli di accordi) Crediti del progetto e attribuzione Indicazioni per il data management (dove inserire i dati) Indicazioni per le pubblicazioni (tipo di pubblicazioni) Preparazione progetto Implementazione progetto Chiusura progetto Scheda progetto Indicare dove si trova la documentazione (server SUPSI o link esterno) Caricare eventuali documenti Aggiornamento crediti del progetto e attribuzione Pubblicazioni Caricare dati pubblicazioni su INSTORY (versione pre- print o link alla versione finale integrale) Come si attribuiscono dei contenuti (indicazioni SUPSI) Che informazioni cercare nel contratto/regolamento di una rivista o casa editrice Cosa verificare in un contratto/ regolamento di partner, aziende e enti finanziatori Modelli di contratti con partner e aziende Caricare documentazione Slides e materiale del docente Firma del docente su diritti Licenza CC by-sa salvo diversi accordi Materiale di altri: cosa usare e come usarlo Condividere documentazione di riferimento ... Ricerche studenti Caricare documentazione Tesi e altro materiale Firma dello studente su diritti Licenza CC by-sa salvo diversi accordi Materiale di altri: cosa usare e come usarlo Etica della ricerca Come si attribuiscono dei contenuti (indicazioni SUPSI) Come si attribuiscono dei contenuti (indicazioni SUPSI) Dove trovare pubblicazioni open access
  35. 35. Beta test Open Science SUPSI Caso di studio 2019
  36. 36. Prima fase - Casi di studio. Situazione attuale Informazioni generali • Dipartimento/scuola affiliata, autore, data • Titolo Caso di studio o casi di studio • Gruppo di lavoro coinvolto Caso di studio • Descrizione del caso di studio: abstract • Contratti, regolamenti e partner/clienti. Che tipo di contratti sono stati firmati o automaticamente approvati (es. nell’ambito del regolamento di un ente finanziatore). Chi detiene attualmente i diritti della documentazione. • Documentazione e archiviazione. Documentazione che ha prodotto l’attività (testi, articoli, pubblicazioni, materiale di ricerca, materiale didattico, foto, mappe, dati, software, hardware…). Dove si trova attualmente la documentazione e dove potrebbe essere messa (cartaceo, digitale, server SUPSI, siti esterni, banche dati…). Case editrici e riviste con le quali attualmente si collabora e analisi di altre case editrici e riviste con osservazioni. Server e banche dati attualmente usate, testate e osservazioni (vantaggi, svantaggi, tempo necessario per il caricamento di contenuti…). • Licenze. Che tipo di licenza ha attualmente la documentazione. Possibilità di definire una nuova licenza libera (che consenta riuso anche per scopi commerciali) o più libera, in accordo con eventuali contratti, regolamenti, partner/clienti. Open Science SUPSI: Casi di studio - Casi di studio
  37. 37. !37Open Science SUPSI: Casi di studio - Calendario 2019 Definizione del caso di studio per dipartimento/scuola affiliata. Entro 15 aprile Incontro con il gruppo di lavoro dei casi di studio 21 Maggio Produrre la documentazione sul caso di studio o sui casi di studio. Contratti, regolamenti e partner/clienti; documentazione e archiviazione; licenze (vedi slide Prima fase con struttura della documentazione da produrre). 10 giugno Formazione-affiancamento. Licenze, contratti e etica della ricerca: dati da non rilasciare, privacy, eventuali conseguenze nel rilascio dei dati. Pubblicazioni e banche dati. Come valutare dove pubblicare e dove caricare dati e altri contenuti. 17-18-19 giugno (27 giugno FFHS) Modifica alla situazione attuale: server e banche dati testate e osservazioni (vantaggi, svantaggi, tempo necessario per il caricamento di contenuti…); case editrici e riviste con le quali attualmente si collabora e analisi di altre case editrici e riviste con osservazioni (vedi slide Seconda fase con struttura dei test da fare e della documentazione da produrre). 31 luglio Formazione-affiancamento. Comunicazione scientifica, riuso dei contenuti e Citizens Science: rendere accessibili dei contenuti in modo che possano essere utilizzati/ modificati/integrati/migliorati da noi stessi e da altri. Finanziamenti esistenti. Settembre Preparazione relazione del progetto “Open Science SUPSI: Casi di studio” e delle indicazioni. Settembre- ottobre Nomina di un referente Open Science per ogni dipartimento/scuola affiliata. entro ottobre Consegna relazione e indicazioni dei dipartimenti e delle scuole affiliate Ottobre Evento pubblico SUPSI di presentazione delle attività Open Science 21-28 ottobre Relazione finale del progetto con indicazioni e definizione delle misure di sostegno e accompagnamento necessarie Novembre
  38. 38. Cosa significa che la SUPSI ha un approccio Open Science !38Open Science SUPSI - Impatto Cosa comporta Misurazione All content is released with open license and it is accessible. Si motiva perché della documentazione non è accessibile. Redazione e approvazione delle linee guida. Indicazioni dei dipartimenti e delle scuole affiliate con informazioni su cosa non rendere aperto e accessibile (per accordi, contratti, etica della ricerca…). Si sa dov’è la documentazione[1] prodotta da collaboratori e studenti. Tutti i progetti hanno l’indicazione di dove si trova la documentazione relativa. Vi sono banche dati dove caricare il materiale didattico e le ricerche degli studenti. Altri possono usare la documentazione prodotta da collaboratori e studenti. Documentazione con metadati e identificativi, in una banca dati affidabile, in un formato aperto, con indicazione di licenza e attribuzione[2]. L’Open Science è declinato in processi che collaboratori e studenti includono all’interno delle loro attività. Implementazione delle Linee Guida Open Science SUPSI. Materiale di supporto, persone di riferimento e procedure. Risultati del questionario. Tutte le pubblicazioni realizzate nell’ambito delle attività della SUPSI sono disponibili online e possono essere lette gratuitamente. Pubblicazioni caricate con allegato su INSTORY [1] Con documentazione si intendono testi, relazioni, articoli, pubblicazioni, immagini, video, mappe, dati, materiale di ricerca, materiale didattico, software, hardware, brani musicali, pièce teatrali... [2] Questi sono i cosiddetti FAIR Data Principles, ovvero dati che sono findable, accessible, interoperable e reusable.
  39. 39. Obiettivi dei Casi di studio Scopo Implementare le Linee Guida Open Science SUPSI (e la strategia Open Access nazionale) Obiettivi • Definire delle pratiche per la condivisione di documentazione scientifica ed educativa all’interno dei diversi dipartimenti e scuole affiliate • Strutturare delle indicazioni che possano facilitare l’implementazione dell’Open Science da parte di collaboratori, ricercatori, studenti dei diversi dipartimenti e scuole affiliate • Creare un gruppo di lavoro che possa sostenere collaboratori, ricercatori, studenti • Valutare l’impegno e le necessità dei collaboratori nella disseminazione dei propri risultati • Definire le misure di sostegno e accompagnamento Open Science per il 2020 !39Open Science SUPSI: Casi di studio
  40. 40. Attività !40Open Science SUPSI: Casi di studio 
 1. Selezione di uno (o più) casi di studio per dipartimento/ scuola affiliata. 
 2. Nomina di un referente Open Access per ogni dipartimento/scuola affiliata. 3. Affiancamento (incontri di affiancamento e formazione). Una serie di incontri di formazione e affrancamento programmati per facilitare l’implementazione dell’Open Science all’interno dei diversi dipartimenti e delle scuole affiliate. Gli incontri di formazione e affiancamento sono realizzati in collaborazione con consulenti e sono pensati per fornire informazioni e per accompagnare il loro lavoro sui singoli casi di studio. Indicativamente 3-5 mezze giornate di lavoro
 Coinvolgimento di consulenti 4. Rendere accessibile la documentazione di un progetto/ iniziativa. 
 Indicativamente 1 giorno di lavoro 5. Produzione di indicazioni da poi dare ad altri colleghi o usare per altri progetti/pubblicazioni/iniziative. Indicativamente 2 giorni di lavoro per la redazione di un report e delle indicazioni
  41. 41. Selezione dei casi di studio Obiettivo dei casi di studio • Lavorare su situazioni reali • Definire delle pratiche realistiche (abbastanza semplici e rapide affinchè siano fattibili) Come scegliere i casi di studio • Partire dalle cose più semplici • Possibilmente contenuti (testi, immagini, dati, informazioni, relazioni, materiale di ricerca, materiale didattico…) che possono interessare a qualcuno • Caso di studio che coinvolgono una persona o un gruppo di lavoro abbastanza disponibile o potenzialmente interessato a una migliore comunicazione dei propri risultati di lavoro Possibili casi di studio • Progetti di ricerca conclusi di recente o in corso • Attività (servizi, ricerche) che producono dati e report • Pubblicazioni o iniziative di comunicazione previste !41Open Science SUPSI: Casi di studio - Attività
  42. 42. Questioni che emergono attraverso i casi di studio • Contratti, regolamenti e partner/clienti. Che tipo di contratti sono stati firmati o automaticamente approvati (es. nell’ambito del regolamento di un ente finanziatore). Chi detiene attualmente i diritti della documentazione. • Documentazione e archiviazione. Definire la documentazione che ha prodotto l’attività (testi, articoli, pubblicazioni, materiale di ricerca, materiale didattico, foto, mappe, dati, software, hardware…). Dove si trova attualmente la documentazione e dove potrebbe essere messa (cartaceo, digitale, server SUPSI, siti esterni, banche dati…). Provare l’uso di una o più banche dati e commentare lo strumento. • Licenze. Che tipo di licenza ha attualmente la documentazione. Possibilità di definire una nuova licenza libera (che consenta riuso anche per scopi commerciali) o più libera, in accordo con eventuali contratti, regolamenti, partner/clienti. !42Open Science SUPSI: Casi di studio - Attività
  43. 43. Risultato - Relazione progetto “Open Science SUPSI: Casi di studio” Informazioni generali • Dipartimento/scuola affiliata, autore, data • Titolo Caso di studio o casi di studio • Gruppo di lavoro coinvolto Caso di studio • Descrizione del Caso di studio o casi di studio analizzati • Situazione: contratti/regolamenti/partner-clienti; documentazione e archiviazione; licenze • Modifica alla situazione attuale: server e banche dati testate e osservazioni (vantaggi, svantaggi, tempo necessario per il caricamento di contenuti…); case editrici e riviste con le quali attualmente si collabora e analisi di altre case editrici e riviste con osservazioni Valutazione generale • Situazione emersa: aspetti non problematici (pratiche già utilizzate, situazione di archiviazione, persone già competenti e/o collaborative) e punti critici (problemi emersi, tempi di realizzazione più lunghi del previsto, difficoltà nel coinvolgere le persone, mancanza di informazioni) • Valutazione delle diverse banche dati testate e utilizzate • Analisi della situazione rispetto al dipartimento/scuola affiliata (situazioni probabilmente comuni o eccezionali) • Valutazione linee guida • Prossimi passi necessari • Misure di sostegno e accompagnamento necessarie !43Open Science SUPSI: Casi di studio - Risultati attesi (output) Primo documento da produrre Struttura indicativa - Modello
  44. 44. Risultato - Indicazioni Open Science [dipartimento/scuola affiliata] • Dove caricare copie pre-print degli articoli e delle pubblicazioni • Dove caricare il materiale didattico: indicazione di quale repository usare (indicazioni sui repository attualmente in uso) e quale licenza usare (se non vi sono altre restrizioni CC by-sa) • Dove mettere copia della documentazione di progetto e con quale licenza (se non vi sono altre restrizioni CC by-sa) • Dove caricare i dati: indicazione di quale repository usare (indicazioni sui repository attualmente in uso) e licenza CC0 • Dove caricare il software libero: indicazione di quale repository usare (indicazioni sui repository attualmente in uso) e licenza • Dove caricare i video: indicazione di quale repository usare (indicazioni sui repository attualmente in uso) e licenza • Dove caricare i brani musicali registrati: indicazione di quale repository usare (indicazioni sui repository attualmente in uso) e licenza • Dove caricare le ricerche degli studenti con indicazione della licenza (se non vi sono altre restrizioni CC by-sa) • Articoli: suggerimenti su dove pubblicare gli articoli (indicazioni su riviste con le quali attualmente si collabora) • Pubblicazioni: suggerimenti su case editrici (indicazioni su case editrici con le quali attualmente si collabora) • Indicazioni su contenuti da non rendere disponibili (in base ai contratti o a questioni etiche) • Indicazioni e raccomandazioni sui contratti • Indicazioni su come attribuire i contenuti prodotti nell’ambito del dipartimento/scuola affiliata Referente Open Science del dipartimento/scuola affiliata: [Nome e Cognome], link alla pagina !44Open Science SUPSI: Casi di studio - Risultati attesi (output) Secondo documento da produrre Struttura indicativa - Modello
  45. 45. Seconda fase - Casi di studio. Modifica della situazione e valutazione Caricamento su server e banche dati. Test di server/banche dati e osservazioni (vantaggi, svantaggi, tempo necessario per il caricamento di contenuti…). Contatti con case editrici e riviste con osservazioni. Valutazione • Situazione emersa: aspetti non problematici (pratiche già utilizzate, situazione di archiviazione, persone già competenti e/o collaborative) e punti critici (problemi emersi, tempi di realizzazione più lunghi del previsto, difficoltà nel coinvolgere le persone, mancanza di informazioni) • Valutazione delle diverse banche dati testate e utilizzate • Valutazione dell’applicabilità delle Linee Guida Open Science SUPSI • Valutazione delle misure di sostegno e accompagnamento che si ritengono necessarie Open Science SUPSI: Casi di studio - Casi di studio
  46. 46. Open Science SUPSI: Casi di studio - Organigramma Open Science Ricerca e innovazione (promozione/sostegno) Promuove l’Open Science all’interno della SUPSI Realizza iniziative a sostegno dell’Open Science (formazione, progetti, consulenze, indicazioni, sito www.openscience.supsi.ch) Mantiene i contatti a livello nazionale e internazionale sul tema Open Science Direzione SUPSI Approva le Linee Guida Open Science SUPSI Definisce un budget a sostegno dell’Open Science Biblioteche (implementazione/affiancamento) Affiancano collaboratori e studenti nell’implementazione dell’Open Science DACD DFA Conservatorio Teatro DimitriDTIDEASS FFHS Collaboratori SUPSI, ricercatori, docenti, studenti in collaborazione con partner, finanziatori, collaboratori esterni rendono disponibile la documentazione prodotta nell’ambito di ricerche e attività SUPSI Referenti Open Science Sostengono l’Open Science all’interno dei dipartimenti e delle scuole affiliate Facilitano l’Open Science attraverso indicazioni, decisioni e procedure Gruppo di lavoro Open Science SUPSI (consultivo) Coinvolge collaboratori attenti o interessati al tema Open Science (comprese biblioteche e laboratori come TME e RDCD del DFA) Suggerisce o avvia iniziative a sostegno dell’Open Science Fornisce indicazioni o consigli su iniziative e documenti interni Coordinato da Alberto Piatti e Emanuele Carpanzano Coinvolti attualmente: Giambattista Ravano, Loredana Alberti, Jean-Pierre Candeloro, Iolanda Pensa, Massimiliano Cannata, Lorenzo Sommaruga, Ivan Ureta Vaquero, Lucio Negrini, Luca Botturi, Demis Quadri, Daniel Zoebeli, Martina Perani, Michela Sabattini, Christine Butti, Luca Maria Gambardella, Hubert Eiholzer... Strumenti SUSPI - Banca dati INSTORY, progetti ricerca, banca dati collaboratori, server SUPSI, procedure interne correlate Bozza - In preparazione
  47. 47. Open Science SUPSI - Misure di sostegno e accompagnamento In corso -Report finale progetto Open Science Strumenti [osservazioni attualmente emerse durante le riunioni] • La banca dati INSTORY dovrebbe generare un identificativo unico. • Le pubblicazioni caricate sulla banca dati INSTORY dovrebbero apparire anche nelle schede progetti. • Le schede progetti devono includere un identificativo unico. • Le schede progetti devono permettere di inserire un link ai server SUPSI o link esterni su dove si trova la documentazione. • La scheda online dei collaboratori dovrebbe valorizzare meglio il loro lavoro e le loro pubblicazioni Altri elementi • Come inserire l’open science nella valutazione? E come premiare l’uso di pratiche Open Science?
  48. 48. Iolanda Pensa iolanda.pensa@supsi.ch - cc by-sa, 2019. Easy to find Easy to cite Easy to (re)use

×