Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

Wordpress: pagine vs articoli - categorie vs tag

1 363 vues

Publié le

intervento di Laura Salvai e Laura Sacco al WP Meetup di Torino, dell'8 marzo 2016

Publié dans : Internet
  • Login to see the comments

  • Soyez le premier à aimer ceci

Wordpress: pagine vs articoli - categorie vs tag

  1. 1. Pagine vs Articoli Categorie vs Tag Laura Salvai & Laura Sacco
  2. 2. PAGINE ≠ ARTICOLI
  3. 3. PAGINE ➜ sono gli elementi statici del sito/blog (about, contatti ecc.) ➜ di solito accessibili dalla home page ➜ possono essere usate per definire l’identità del blog/sito, la sua struttura e la sua funzione ➜ aiutano l’utente a trovare le informazioni essenziali
  4. 4. PAGINE A
  5. 5. COME SI CREA UNA PAGINA ➜ per creare una pagina si clicca nel menu della bacheca la voce Pagine ➜ Aggiungi ➜ si apre un editor che consente di inserire titolo, testo e immagine della pagina ➜ la pagina può essere salvata come bozza e quindi risultare invisibile agli utenti finché non si sceglie di pubblicarla
  6. 6. L’ordine delle pagine nella home page si stabilisce con la funzione Aspetto ➜ Menu
  7. 7. IMPORTANTE! ➜ distribuire con chiarezza i contenuti nelle varie pagine, in modo che il lettore possa orientarsi a colpo d’occhio ➜ caratterizzare e strutturare ciascuna pagina a seconda delle sue funzioni ➜ aggiornare le pagine quando necessario
  8. 8. ARTICOLI ➜ rappresentano l’elemento dinamico del blog/sito perché vengono aggiornati con una certa frequenza ➜ contengono informazioni ordinate cronologicamente (blog) ➜ sono contrassegnati da categorie ed etichette (tags) che facilitano la navigazione
  9. 9. COME SI CREA UN ARTICOLO ➜ dal menu della bacheca selezionare Articoli del blog ➜ aggiungi ➜ si apre un editor che consente di inserire titolo, testo del post e fotografie ➜ il testo può essere salvato in modalità bozza e rimane invisibile agli utenti finché non si sceglie di pubblicarlo
  10. 10. IMPORTANTE! ➜ gli articoli devono sempre offrire qualcosa di utile al lettore (informazioni, aiuto, intrattenimento…) ➜ è fondamentale scrivere in modo semplice, chiaro e scorrevole per mantenere viva l’attenzione del lettore ➜ occorre scegliere con cura non soltanto il tema da trattare, ma anche il titolo, la foto e l’attacco del post (le prime righe, quelle che verranno visualizzate su Facebook e sugli altri social network)
  11. 11. … e poi ci sono le categorie e i tags, che consentono ai lettori di trovarci...
  12. 12. CATEGORIE ≠ TAG Sono entrambi strumenti utili alla organizzazione, catalogazione e archiviazione dei contenuti tematici del blog (presenti negli articoli) e a permettere ai lettori di scoprire nuovi contenuti. I tag sono delle parole chiave che caratterizzano e descrivono il post; le categorie, invece, sono dei contenitori che includono tutti gli articoli del blog. Si usano solo negli articoli (post). È cosa buona, definire categorie e tag in modo organico prima della scrittura degli articoli (es. attraverso mappe mentali)
  13. 13. Le categorie sono dei macroargomenti dal significato più ampio, come ad esempio musica e cinema, o primi piatti e antipasti. Negli articoli occorre sempre indicare 1 categoria. Nell’installazione standard è sempre presente la categoria NON CATALOGATE (o Uncategorized) che viene inserita di default se l’autore non ne indica altre. Una categoria non è gerarchicamente superiore a un tag. Sono due entità distinte, mentre la categoria è gerarchicamente superiore alla sotto- categoria. In linea di massima, le categorie coprono l’intero universo semantico affrontato dal blog: smembrano il tema in tanti micro-argomenti e li trasformano in contenitori. Categorie = contenitori in cui inserire i post
  14. 14. sono delle parole chiave che caratterizzano un contenuto: rappresentano delle etichette che definiscono i principali argomenti di un post. I tag servono a specificare l’argomento affrontato. Es. in un articolo che descrive la ricetta della pasta alla carbonara tag potrebbero essere: uova, guanciale, spaghetti. Sono semplici parole ma ATTENZIONE a NON esagerare: inserire troppi tag può essere un’azione deleteria per la buona organizzazione dei contenuti. Può esserci, infatti, una penalizzazione del blog per eccesso di contenuti duplicati definiti a causa di un eccessivo uso dei tag e delle categorie. In pratica, ogni volta che viene creata una pagina tag si riprende una parte del contenuto dell’articolo. Questo contenuto, ripetuto più volte per un numero di tag molto alto può creare dei contenuti aggregati duplicati all’ interno del blog. Per questo motivo, spesso si deindicizzano le pagine categorie e tag usando il robot.txt o un plugin come All In One SEO Pack o WordPress SEO by Yoast. TAG = etichette
  15. 15. Categorie e Tag sono dei link a tutti gli effetti e hanno una caratteristica particolare: possono essere condivisi e linkati come una qualsiasi pagina web. Se organizzati con cura tag e categorie sono molto utili perché permettono di condividere contenuti organizzati con un solo permalink. Ad esempio, tutti i post dedicati a un argomento possono essere raggruppati creando una pagina categorie o tag, che avrà uno specifico permalink, e utilizzando questo link condividere la pagina sui social o su altre pagine web Sfruttare Categorie e TAG
  16. 16. Ci sono due modi 1. direttamente dall’articolo (sideboard a destra) Creare categorie e TAG
  17. 17. Ci sono due modi 2. dalla bacheca Creare Categorie e TAG

×