Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

Pavia2014 i mostri “mangiafuturo v017

415 vues

Publié le

Convegno Psicologia dell'Orientamento
SIO - Pavia 2014

I Mostri Mangiafuturo, i terribili nemici dell'orientamento

Andrea Laudadio - Eulab Consulting

Publié dans : Recrutement & RH
  • Soyez le premier à commenter

Pavia2014 i mostri “mangiafuturo v017

  1. 1. I mostri «mangiafuturo», i terribili nemici dell’orientamento Andrea Laudadio SIMPOSIO 7: PERCORSI VERSO IL LAVORO
  2. 2. 0 0 #hashtag #Orientamento #Politiche #MobilitàSociale #Equità #ClasseSociale #Povertà #Efficacia Andrea Laudadio
  3. 3. 0 0 Cosa penso dell’orientamento Art. 3, secondo comma: «È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.» Art. 4, secondo comma: «Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.» Andrea Laudadio
  4. 4. 0 0 La sensazione che ho io… Andrea Laudadio
  5. 5. 0 0 Siamo solo sull’Ontosistema! (la candela) Bronfenbrenner (1996) evidenzia come lo sviluppo sia il risultato dall’interazione di diversi livelli dei sistemi che riguardano il soggetto. Andrea Laudadio o Macrosistema (la cultura, il sistema politico) o Exosistema (la comunità, il territorio) o Microsistema (la famiglia) o Ontosistema (caratteristiche interne)
  6. 6. 0 0 Come dovrebbe andare il mondo [...] il dio, quando vi ha plasmato, nella generazione di quelli tra voi che sono capaci di esercitare il potere ha mescolato dell'oro, perciò sono i più pregevoli; in quella delle guardie, argento; ferro e bronzo nei contadini e negli altri artigiani. In quanto dunque siete tutti congeneri, per lo più genererete una discendenza simile a voi, tuttavia può accadere che dall'oro nasca prole d'argento e dall'argento d'oro, e così via secondo tutte le possibilità. Perciò a coloro che detengono il potere il dio ordina in primo luogo e soprattutto che di nulla siano così buoni guardiani e di nulla abbiano una cura più attenta come dei loro figli, per vedere quale di questi metalli sia mescolato nella loro anima; e se uno di essi presenta tracce di bronzo o di ferro, non se ne impietosiscano in alcun modo, ma concedendo alla sua natura la dignità che le spetta, lo respingano fra gli artigiani o fra i contadini, e se d'altra parte nascono fra costoro alcuni che presentino tracce d'oro e d'argento, rendano loro l'onore dovuto ed elevino gli uni al rango di difensori, gli altri a quello di guardie » Platone, La Repubblica, III 415A - 415C Andrea Laudadio
  7. 7. 0 0 Mostri «mangiafuturo» In realtà il mondo non va così, ma è infestato da terribili mostri che mangiano il futuro delle persone a cui faccio orientamento. Lo divorano e loro rimangono disperati, senza futuro. Andrea Laudadio
  8. 8. 0 0 Mostro Cristallizzazione In Italia, il detto «tale padre, tale figlio» è terribilmente vero. Siamo un paese ingessato! Dove il cambiamento di «classe» sociale è meno diffusa di quanto dovrebbe. Andrea Laudadio Tab. 10.1 - Differenze di mobilità sociale tra due diverse strutture sociali Classe Classe sociale attuale sociale di origine Società A Società B Superiore Media Inferiore Superiore Media Inferiore Superiore 10,0 0,0 0,0 10,0 0,0 0,0 Media 0,0 30,0 0,0 10,0 20,0 0,0 Inferiore 0,0 0,0 60,0 0,0 30,0 30,0 Totale 10,0 30,0 60,0 20,0 50,0 30,0 Fonte: Tratto da Pisati (2000), La mobilità sociale
  9. 9. 0 0 Mobilità sociale in Italia Andrea Laudadio L’ISTAT nel 2003 ha realizzato un approfondito studio sulla mobilità sociale nel nostro Paese. Classe occupazionale del padre Classe occupazionale attuale Borghesia Classe media impiegatizia Piccola borghesia urbana Piccola borghesia agricola Classe operaia urbana Classe operaia agricola Totale Borghesia 34,0 34,0 16,7 0,8 14,0 0,4 100,0 Classe media impiegatizia 17,9 49,4 13,1 0,7 18,4 0,4 100,0 Piccola borghesia urbana 12,1 31,0 30,4 1,0 24,4 1,1 100,0 Piccola borghesia agricola 8,1 23,6 20,3 15,5 29,6 3,0 100,0 Classe operaia urbana 7,3 30,1 16,6 0,6 44,4 1,0 100,0 Classe operaia agricola 4,7 16,6 19,8 2,6 46,2 10,1 100,0 Totale 12,5 32,3 19,2 2,2 32,1 1,7 100,0 Fonte: elaborazione e-Laborando su dati ISTAT, “Famiglie e soggetti sociali”, 2003
  10. 10. 0 0 Un laureato ha sempre una marcia in più? Andrea Laudadio Se il figlio di un operaio che ha conseguito la laurea o il diploma ha il 14,6% di probabilità di accedere alla classe borghese questa percentuale crolla al 2,1% nel caso di possesso della licenza media o della licenza elementare. Titolo di studio del padre Titolo di studio del figlio Elementare Medie inf. Diploma Laurea Nessun titolo 38,3% 40,7% 18,5% 2,5% Elementare 12,7% 43,9% 36,7% 6,7% Medie inferiori 1,3% 32,8% 53,2% 12,8% Diploma 0,6% 25,3% 51,2% 22,8% Laurea 0,0% 17,0% 35,9% 47,2% Fonte: elaborazione Gruppo e-Laborando su dati ISFOL-PLUS, 2006
  11. 11. 0 0 A parità di istruzione, conta la famiglia di origine Andrea Laudadio Pisati (2000), al di là del titolo di studio posseduto, la competizione per l’occupazione dello spazio sociale continua a essere influenzata direttamente dalla classe di origine. A parità di istruzione e talento personale, l’influenza della classe sociale di origine è determinante nel processo di acquisizione della classe di destinazione.
  12. 12. 0 0 Un nostro studio (2008) È stata condotta una indagine su un campione accidentale di convenienza composto da 1515 studenti di scuola superiore della Calabria. L’età media del campione è di 18 anni e 3 mesi. Il 53,4% sono femmine e il restante 46,6% maschi. Andrea Laudadio A ciascun soggetto è stato chiesto di compilare un questionario carta-e-matita in cui veniva chiesto di indicare la scuola frequentata, il titolo di studio e l’occupazione dei propri genitori. Inoltre, veniva chiesto di raccontare – all’interno di una domanda aperta – il processo di scelta che li aveva portati a scegliere la scuola superiore.
  13. 13. 0 0 Risultati Dal nostro studio emerge che il 56,9% dei figli di padri laureati frequenta un liceo scientifico e il 38,0% un liceo classico, percentuale che scende allo 0,7% (classico) e 8,1% (scientifico) nel caso in cui il padre possegga come titolo di studio la licenza elementare. Andrea Laudadio Nessun figlio di laureati viene inviato in un istituto professionale contro il 32,4% nel caso di figli di persone con licenza elementare e il 30,8% di figli di persone con licenza media. Si evince – chiaramente – l’esistenza di una relazione diretta tra il titolo di studio del padre e la scelta di scuola superiore del figlio. La possibilità previsionale del modello aumenta inserendo anche il titolo di studio della madre e la professione svolta dal padre.
  14. 14. 0 0 Quadro sintetico Andrea Laudadio Scuola frequentata Classe culturale dei genitori Bassa Media Alta Liceo classico o scientifico La scelta è guidata dai buoni voti scolastici. I genitori sono coinvolti in modo marginale nella scelta. Gli insegnanti hanno un ruolo predominante. La scelta è guidata sia dalla prestazione scolastica sia da un coinvolgimento molto alto dei genitori. Viene dato per scontato il proseguimento degli studi. La scelta è indipendente dai voti scolastici. I genitori hanno un ruolo centrale nella scelta. Viene dato per scontato il proseguimento degli studi. La scelta sarà quella universitaria. Istituto tecnico o psico-socio-pedagogico La scelta viene fatta in modo autonomo dai ragazzi su consiglio degli insegnanti. I genitori sono coinvolti in modo marginale. I genitori sono coinvolti nel processo di scelta. Nonostante i buoni voti scolastici viene preferito un percorso che dia comunque una qualifica professionale piuttosto che un liceo. Non è possibile identificare un quadro comune. Spesso i genitori hanno conseguito la laurea dopo un percorso tecnico o magistrale. Istituto professionale I genitori sono coinvolti in modo marginale. I ragazzi riferiscono di aver scelto autonomamente. Sono spesso attratti dagli aspetti applicativi del percorso. La scelta è fortemente influenzata dalla prestazione scolastica precedente. I genitori sono coinvolti ma preferiscono rinviare una riflessione sul proseguo degli studi. Nessun caso registrato. Fonte: Gruppo e-Laborando, 2008
  15. 15. 0 0 Mostro Ineguaglianza L’equità può essere misurata in vari modi, ma il metodo più diffuso è il coefficiente di Gini, un indice di concentrazione il cui valore può variare tra 0 e 1. Valori bassi indicano una distribuzione omogenea e – al contrario – valori alti una distribuzione disuguale. Andrea Laudadio
  16. 16. 0 0 Indice di Gini Andrea Laudadio La “Gini-Growing inequality impact”, una importante ricerca finanziata all’interno del VII Programma Quadro dell’UE ha rilevato nei primi 10 anni del 2000 – per l’Italia – un indice di Gini pari a 0,34. Questo significa che due individui – estratti a caso nella popolazione italiana – avranno mediamente, tra di loro, una distanza di reddito pari al 34% de reddito nazionale!
  17. 17. 0 0 Indice di Gini Andrea Laudadio
  18. 18. 0 0 Un nostro studio (2009) Chiedemmo a 167 ragazzi di raccontare il proprio futuro, abbiamo classificato i soggetti sulla base del «reddito presunto» delle famiglie di origine. Andrea Laudadio 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0 Progettualità Apertura temporale Orientamento al futuro Concretezza Bassa Media Alta
  19. 19. 0 0 Mostro Infelicità Andrea Laudadio Tipologia di contratto SWLS Socio di cooperativa o di società 5,6 Coadiuvante familiare 5,5 Alternanza scuola – lavoro 5,4 Contratto formazione lavoro (CFL) 5,3 Titolare d’attività – Imprenditore 5,3 Tirocinio 5,2 Lavoro a tempo indeterminato 5,1 Apprendistato 5,1 Attività in proprio (Partita IVA) 5,0 Collaborazioni coordinate e continuative (Co.Co.Pro.) 4,9 Lavoro a tempo determinato 4,9 Lavoro interinale o a somministrazione 4,9 Contratto d’inserimento 4,8 Lavoro a progetto 4,6 Stage 4,4 Job sharing o lavoro ripartito 3,8 Associati in partecipazione 2,9 Lavoro intermittente o a chiamata 2,8
  20. 20. 0 0 Quando i mostri «mangiafuturo» entrano in gioco Abbiamo ricontattato 200 giovani che abbiamo intervistato in modalità CAWI replicando alcune domande fatte durante il percorso di orientamento. Avevano 19 anni al momento del percorso orientativo. Andrea Laudadio
  21. 21. 0 0 Cosa è stato del loro progetto? Ulteriormente specificato 22,1% Andrea Laudadio Mantenuto 17,8% Cambiato 60,1%
  22. 22. 0 0 Reddito (familiare) e cambiamento del progetto Andrea Laudadio Bassa Media Alta 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Series1 67.90% 41.80% 27.30%
  23. 23. 0 0 Come possiamo cambiare il mondo? Andrea Laudadio
  24. 24. Keep in touch Andrea Laudadio www.EulabConsulting.it a.laudadio@eulabconsulting.it @AndreaLaudadio .

×