Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.
BIOLOGIA
ED EVOLUZIONE
La biologia e la sua posizione nelle scienze
Ernst Mayr (1904-2005)
LA POSIZIONE DELLA BIOLOGIA
TRA LE ALTRE SCIENZE
Tutti gli aspetti della biologia dalle molecole alle popolazioni
rientran...
LA POSIZIONE DELLA BIOLOGIA
TRA LE ALTRE SCIENZE
Tutti gli aspetti della biologia dalle molecole alle popolazioni
rientran...
NON TUTTE LE SCIENZE
SONO UGUALI
Tutta scienza cerca spiegazioni naturali, 

vuole generalizzare e determinare le cause 

...
Ne è nata una "teoria conoscenza scientifica" centrata sulla
quantificazione e la riduzione ai componenti più
semplici, ma...
Ne è nata una "teoria conoscenza scientifica" centrata sulla
quantificazione e la riduzione ai componenti più
semplici, ma...
RIDUZIONISMO/
VITALISMO
A lungo infatti si sono confrontati nella storia del pensiero due punti di vista opposti ed
entram...
LA TERZA VIA: IL
PENSIERO BIOLOGICO
Secondo il pensiero evoluzionista i processi biologici si basano necessariamente
sulle...
Quando parliamo di organismi parliamo infatti di
sistemi con caratteristiche particolari, che non sono
sempre presenti ma ...
Quando parliamo di organismi parliamo infatti di
sistemi con caratteristiche particolari, che non sono
sempre presenti ma ...
In biologia è bandito il platonismo o "essenzialismo" ovvero l'idea
che l'universo sia fatto di forme variabili che sono l...
La biologia invece si basa sul concetto di popolazione ovvero sulla
idea che ogni individuo è unico, diverso da tutti gli ...
Il concetto biologico di specie non è semplice. Si basa
su quello di popolazione
1. Le specie si aggregano in popolazioni
...
Si chiama programma genetico l'informazione 

codificata nel nucleo di ogni cellula in una
macromolecola detta DNA
Il codi...
Si chiama programma genetico l'informazione 

codificata nel nucleo di ogni cellula in una
macromolecola detta DNA
Il codi...
Il programma genetico è il risultato di una storia che risale
all'origine della vita e incorpora le esperienze di tutti gl...
Uno dei concetti SPECIFICI e CONTROVERSI del mondo
organico è il sesso.
La fecondazione ha come risultato la creazione di ...
ALTRE CARATTERISTICHE
DELLA MATERIA VIVENTE
Ci sono altre unicità che fanno dell'oggetto della biologia qualcosa di unico
...
ALTRE CARATTERISTICHE
DELLA MATERIA VIVENTE
Ci sono altre unicità che fanno dell'oggetto della biologia qualcosa di unico
...
ALTRE CARATTERISTICHE
DELLA MATERIA VIVENTE
Ci sono altre unicità che fanno dell'oggetto della biologia qualcosa di unico
...
Come abbiamo detto: il mondo vivente è il mondo della
qualità e non solo della quantità. La supremazia delle
scienze fisic...
Come abbiamo detto: il mondo vivente è il mondo della
qualità e non solo della quantità. La supremazia delle
scienze fisic...
La biologia dunque non può essere trattata con gli stessi criteri
usati nelle scienze fisiche, non perché si tratta di una...
LE DUE FACCE
DELLA BIOLOGIA
La biologia presenta numerose discipline
specialistiche (citologia, genetica, biochimica,
cell...
LE DUE FACCE
DELLA BIOLOGIA
La biologia presenta numerose discipline
specialistiche (citologia, genetica, biochimica,
cell...
BIO FUNZIONALE
BIO EVOLUTIVA
Nessun problema biologico è completamente risolto se non si
viene a capo sia delle sue cause ...
L'aspetto più caratteristico della biologia evolutiva è che si
pone domande diverse da quelle che si pone la biologia
funz...
L'aspetto più caratteristico della biologia evolutiva è che si
pone domande diverse da quelle che si pone la biologia
funz...
Prochain SlideShare
Chargement dans…5
×

Filosofia ed evoluzione - La biologia e la sua posizione nelle scienze

280 vues

Publié le

Tutti gli aspetti della biologia dalle molecole alle popolazioni rientrano nell'ambito della teoria dell'evoluzione.
Meglio di qualsiasi altra scienza la biologia evolutiva è in grado di dare risposte alle grandi domande sull'universo e sull'uomo perché trasforma il nostro modo di considerare il mondo e il nostro posto in esso. Il punto di vista del padre della teoria sintetica dell'evoluzione su una nuova filosofia della scienza che abbia le sue radici nella biologia evolutiva.

Publié dans : Formation
  • Identifiez-vous pour voir les commentaires

  • Soyez le premier à aimer ceci

Filosofia ed evoluzione - La biologia e la sua posizione nelle scienze

  1. 1. BIOLOGIA ED EVOLUZIONE La biologia e la sua posizione nelle scienze Ernst Mayr (1904-2005)
  2. 2. LA POSIZIONE DELLA BIOLOGIA TRA LE ALTRE SCIENZE Tutti gli aspetti della biologia dalle molecole alle popolazioni rientrano nell'ambito della teoria dell'evoluzione. Meglio di qualsiasi altra scienza la biologia evolutiva è in grado di dare risposte alle grandi domande sull'universo e sull'uomo perché trasforma il nostro modo di considerare il mondo e il nostro posto in esso Accettare la teoria moderna dell'evoluzione significa rinunciare a molte delle idee trasmesse dall'antichità alle quali siamo affezionati perché vicine al senso comune
  3. 3. LA POSIZIONE DELLA BIOLOGIA TRA LE ALTRE SCIENZE Tutti gli aspetti della biologia dalle molecole alle popolazioni rientrano nell'ambito della teoria dell'evoluzione. Meglio di qualsiasi altra scienza la biologia evolutiva è in grado di dare risposte alle grandi domande sull'universo e sull'uomo perché trasforma il nostro modo di considerare il mondo e il nostro posto in esso Accettare la teoria moderna dell'evoluzione significa rinunciare a molte delle idee trasmesse dall'antichità alle quali siamo affezionati perché vicine al senso comune
  4. 4. NON TUTTE LE SCIENZE SONO UGUALI Tutta scienza cerca spiegazioni naturali, 
 vuole generalizzare e determinare le cause 
 delle cose, degli avvenimenti e dei processi. Non tutte le scienze hanno però lo stesso schema 
 concettuale. Ci sono differenze sostanziali 
 tra le scienze fisiche e quelle biologiche Il trionfo della fisica a partire dal 17° secolo
 le ha assicurato il posto d'onore 
 tra tutte le scienze e la filosofia della scienza 
 si è adattata perfettamente a questo stato di fatto prediligendo la fisica rispetto alla biologia come modello del pensiero “scientifico”.
  5. 5. Ne è nata una "teoria conoscenza scientifica" centrata sulla quantificazione e la riduzione ai componenti più semplici, ma il mondo degli organismi viventi è molto più ricco di quello degli oggetti inanimati la filosofia della scienza derivata dalle scienze fisiche ha ignorato perciò quasi interamente vaste sfere della struttura concettuale della biologia e in particolare della biologia dell'evoluzione. Non si può comprendere il mondo organico se si utilizza come base di spiegazione della scienza lo schema concettuale usato nelle scienze fisiche. Ma prima della teoria dell’evoluzione questo rifiuto poteva portare a grossi fraintendimenti
  6. 6. Ne è nata una "teoria conoscenza scientifica" centrata sulla quantificazione e la riduzione ai componenti più semplici, ma il mondo degli organismi viventi è molto più ricco di quello degli oggetti inanimati la filosofia della scienza derivata dalle scienze fisiche ha ignorato perciò quasi interamente vaste sfere della struttura concettuale della biologia e in particolare della biologia dell'evoluzione. Non si può comprendere il mondo organico se si utilizza come base di spiegazione della scienza lo schema concettuale usato nelle scienze fisiche. Ma prima della teoria dell’evoluzione questo rifiuto poteva portare a grossi fraintendimenti
  7. 7. RIDUZIONISMO/ VITALISMO A lungo infatti si sono confrontati nella storia del pensiero due punti di vista opposti ed entrambi errati che riguardavano il modo in cui considerare il vivente Secondo il punto di vista riduzionistico/cartesiano un animale non era che una macchina comprensibile studiandone le "parti". Ma se è vero che tutti i processi che avvengono negli organismi obbediscono alle leggi della chimica e della fisica questo non è sufficiente alla comprensione dell’organismo nel suo insieme. All'estremo opposto c'era il punto di vista "vitalistico" secondo cui la differenza tra mondo animato e animato sarebbe insormontabile. Ci sarebbe infatti una sorta di "forza vitale" che renderebbe il vivente assolutamente inconfrontabile con il mondo inanimato (anima, vita, elan vital). Dopo Darwin esiste una terza soluzione a questa storica opposizione tra meccanicismo e vitalismo che non rinnega le basi scientifiche della biologia e non finisce nella a-scientificità ma introduce una più complessa teoria della conoscenza
  8. 8. LA TERZA VIA: IL PENSIERO BIOLOGICO Secondo il pensiero evoluzionista i processi biologici si basano necessariamente sulle universali leggi della fisica e della chimica, ma la spiegazione puramente fisico-chimica non ne potrebbe spiegare il vero significato biologico. Come spiegare infatti con la chimica 
 e la fisica concetti come 
 la riproduzione, 
 la migrazione, la competizione, 
 la difesa del territorio, … Per farlo occorre vedere la vista da un punto 
 di vista evolutivo introducendo il tempo (la storia) 
 il cambiamento e l’organizzazione su più livelli 
 con proprietà specifiche emergenti
  9. 9. Quando parliamo di organismi parliamo infatti di sistemi con caratteristiche particolari, che non sono sempre presenti ma si sviluppano nel tempo e occorre usare concetti esclusivi del mondo organico come: 1. Popolazione 2. Specie 3. Programma genetico 4. Fecondazione 5. ….
  10. 10. Quando parliamo di organismi parliamo infatti di sistemi con caratteristiche particolari, che non sono sempre presenti ma si sviluppano nel tempo e occorre usare concetti esclusivi del mondo organico come: 1. Popolazione 2. Specie 3. Programma genetico 4. Fecondazione 5. …. La cosa straordinaria è che oggi la fisica e persino l’informatica hanno preso a usare concetti della biologia, parlano di intelligenza artificiale, di colori e sapori nelle particelle, di programmi che evolvono…
  11. 11. In biologia è bandito il platonismo o "essenzialismo" ovvero l'idea che l'universo sia fatto di forme variabili che sono le “ombre” empiriche di “idee” universali eterne e pure, forme di rifermento fisse e immutabili o "essenze" (idea di triangolo/molteplici triangoli). Questa antica filosofia invece trova ancora spazio nelle scienze fisico-matematiche dove è più facile ragionare per tipi astratti (costanti e discontinui). I fisici spesso lavorano proprio su forme astratte costituite da entità identiche. Il mondo dell'essenzialismo è un mondo statico il cambiamento avviene solo quando nuove forme emergono d'improvviso per costituire nuove classi di oggetti (particelle). 
 In questo contesto il concetto di una evoluzione graduale non ha posto (un triangolo non si trasformerà mai in un quadrato) 1. Popolazione
  12. 12. La biologia invece si basa sul concetto di popolazione ovvero sulla idea che ogni individuo è unico, diverso da tutti gli altri (almeno nelle specie a riproduzione sessuata). I gruppi di individui che condividono un particolare ambiente sono dette POPOLAZIONI. Non ha quindi senso parlare di individui “tipici" ma solo di caratteristiche medie statistiche entro popolazioni omogenee. Questa linea di pensiero nasce dall'empirismo e nominalismo inglese, ma fu osteggiato a lungo. Darwin prese l'idea dagli allevatori di animali i primi a osservare l'importanza della individualità biologica.
  13. 13. Il concetto biologico di specie non è semplice. Si basa su quello di popolazione 1. Le specie si aggregano in popolazioni 2. Le specie sono comunità di individui liberi di riprodursi e capaci di generare prole feconda 3. Le specie sono isolate 
 riproduttivamente le une dalle altre Il concetto biologico di specie 
 quindi non si basa su criteri 
 morfologici né quantitativi ma è un 
 CONCETTO DI RELAZIONE 2. Specie
  14. 14. Si chiama programma genetico l'informazione 
 codificata nel nucleo di ogni cellula in una macromolecola detta DNA Il codice in cui è scritto questo programma è uguale 
 per tutti gli esseri viventi Il possesso di un programma genetico è forse la differenza più decisiva tra gli organismi e la materia inanimata Il possesso di un programma genetico conferisce a ogni individuo una particolare dualità: il fenotipo (la sua apparenza come individuo) e il genotipo (il programma di sviluppo che ne sta alla base) 3. Programma genetico
  15. 15. Si chiama programma genetico l'informazione 
 codificata nel nucleo di ogni cellula in una macromolecola detta DNA Il codice in cui è scritto questo programma è uguale 
 per tutti gli esseri viventi Il possesso di un programma genetico è forse la differenza più decisiva tra gli organismi e la materia inanimata Il possesso di un programma genetico conferisce a ogni individuo una particolare dualità: il fenotipo (la sua apparenza come individuo) e il genotipo (il programma di sviluppo che ne sta alla base) 3. Programma genetico genotipo ambiente fenotipo
  16. 16. Il programma genetico è il risultato di una storia che risale all'origine della vita e incorpora le esperienze di tutti gli antenati Il programma genetico conferisce agli organismi una proprietà che la materia inanimata non ha: li conduce attraverso vari stati preordinati di sviluppo Il programma genetico presiede e controlla la propria esatta duplicazione. È possibile che durante la duplicazione insorgano degli errori (mutazioni) che diventano ereditari e che è sono fonte delle variazioni del genotipo e quindi alla base delle differenze individuali (fenotipo): il materiale su cui opera la selezione naturale.
  17. 17. Uno dei concetti SPECIFICI e CONTROVERSI del mondo organico è il sesso. La fecondazione ha come risultato la creazione di un programma genetico interamente nuovo (e quindi di un individuo UNICO) attraverso la fusione di due gameti di genitori a loro volta nati 
 dalla ricombinazione di due genotipi. Questo processo porta 
 a una estrema variabilità 
 individuale che è un’altra 
 fonte su cui opera 
 la selezione naturale 
 e che porta all'evoluzione. 4. Fecondazione
  18. 18. ALTRE CARATTERISTICHE DELLA MATERIA VIVENTE Ci sono altre unicità che fanno dell'oggetto della biologia qualcosa di unico L'oggetto della biologia non è una cosa ma un PROCESSO: la vita Gli organismi sono SISTEMI COMPLESSI, strutturati su livelli gerarchici in cui l'insieme delle parti è più della loro somma, ogni livello successivo infatti fa emergere nuove proprietà non deducibili da quelle del livello inferiore. Gli organismi sono altamente organizzati. Le varie parti non possono vivere da sole (gambe, braccia, ali...) eppure tutte le parti hanno un significato altamente adattativo e si sono evolute nel tempo Gli organismi hanno una composizione chimica unica, sono composti da MACROMOLECOLE molto complesse capaci di svolgere compiti specifici
  19. 19. ALTRE CARATTERISTICHE DELLA MATERIA VIVENTE Ci sono altre unicità che fanno dell'oggetto della biologia qualcosa di unico L'oggetto della biologia non è una cosa ma un PROCESSO: la vita Gli organismi sono SISTEMI COMPLESSI, strutturati su livelli gerarchici in cui l'insieme delle parti è più della loro somma, ogni livello successivo infatti fa emergere nuove proprietà non deducibili da quelle del livello inferiore. Gli organismi sono altamente organizzati. Le varie parti non possono vivere da sole (gambe, braccia, ali...) eppure tutte le parti hanno un significato altamente adattativo e si sono evolute nel tempo Gli organismi hanno una composizione chimica unica, sono composti da MACROMOLECOLE molto complesse capaci di svolgere compiti specifici Gli organismi si caratterizzano per la loro capacità di CAMBIAMENTO (nasciamo come cellule) e tranne per la nascita e la morte delle stelle non esiste nulla di simile nel mondo inanimato.
  20. 20. ALTRE CARATTERISTICHE DELLA MATERIA VIVENTE Ci sono altre unicità che fanno dell'oggetto della biologia qualcosa di unico L'oggetto della biologia non è una cosa ma un PROCESSO: la vita Gli organismi sono SISTEMI COMPLESSI, strutturati su livelli gerarchici in cui l'insieme delle parti è più della loro somma, ogni livello successivo infatti fa emergere nuove proprietà non deducibili da quelle del livello inferiore. Gli organismi sono altamente organizzati. Le varie parti non possono vivere da sole (gambe, braccia, ali...) eppure tutte le parti hanno un significato altamente adattativo e si sono evolute nel tempo Gli organismi hanno una composizione chimica unica, sono composti da MACROMOLECOLE molto complesse capaci di svolgere compiti specifici Gli organismi si caratterizzano per la loro capacità di CAMBIAMENTO (nasciamo come cellule) e tranne per la nascita e la morte delle stelle non esiste nulla di simile nel mondo inanimato.
  21. 21. Come abbiamo detto: il mondo vivente è il mondo della qualità e non solo della quantità. La supremazia delle scienze fisico-matematiche su tutte le altre ha fatto sì che le metodologie in uso in esse fossero considerate alla base di tutta la scienza. Si tratta della quantificazione e matematizzazione, della riduzione ai principi ultimi . In molta parte della biologia questo modello è altrettanto valido ma non è il solo. Nella biologia anche la QUALITÀ è fondamentale: lo studio di processi difficilmente quantificabili non deve essere considerato non-scientifico, ma occorre riconoscere anche l'importanza di fenomeni di relazione (specie, ecosistemi, comportamenti…) e del fattore tempo.
  22. 22. Come abbiamo detto: il mondo vivente è il mondo della qualità e non solo della quantità. La supremazia delle scienze fisico-matematiche su tutte le altre ha fatto sì che le metodologie in uso in esse fossero considerate alla base di tutta la scienza. Si tratta della quantificazione e matematizzazione, della riduzione ai principi ultimi . In molta parte della biologia questo modello è altrettanto valido ma non è il solo. Nella biologia anche la QUALITÀ è fondamentale: lo studio di processi difficilmente quantificabili non deve essere considerato non-scientifico, ma occorre riconoscere anche l'importanza di fenomeni di relazione (specie, ecosistemi, comportamenti…) e del fattore tempo. “Anche se a volte è possibile quantificare 
 i processi di relazione di solito 
 se ne perde gran parte del significato. Sarebbe come giudicare 
 un quadro basandosi solo sulle diverse 
 lunghezze d'onda dei colori presenti 
 sulla tela” - Ernst Mayr
  23. 23. La biologia dunque non può essere trattata con gli stessi criteri usati nelle scienze fisiche, non perché si tratta di una scienza "minore" ma perché ha a che fare con un oggetto di studio 
 (IL VIVENTE) che risponde a concetti diversi. Alla biologia bisogna avvicinarsi in base a una filosofia della scienza e a uno schema concettuale diversi, peculiari e questo vale in particolare per una branca della biologia: 
 quella EVOLUTIVA
  24. 24. LE DUE FACCE DELLA BIOLOGIA La biologia presenta numerose discipline specialistiche (citologia, genetica, biochimica, cellulare, zoologia, botanica...) ma la suddivisione sostanziale (secondo Ernst Mayr) è quello tra BIOLOGIA FUNZIONALE BIOLOGIA EVOLUTIVA
  25. 25. LE DUE FACCE DELLA BIOLOGIA La biologia presenta numerose discipline specialistiche (citologia, genetica, biochimica, cellulare, zoologia, botanica...) ma la suddivisione sostanziale (secondo Ernst Mayr) è quello tra BIOLOGIA FUNZIONALE BIOLOGIA EVOLUTIVA La biologia funzionale si occupa di CAUSE PROSSIME, 
 la biologia evolutive di CAUSE EVOLUTIVE Es: fecondazione / dimorfismo sessuale
  26. 26. BIO FUNZIONALE BIO EVOLUTIVA Nessun problema biologico è completamente risolto se non si viene a capo sia delle sue cause prossime che delle sue cause evolutive La biologia funzionale studia la traduzione e la codificazione dei programmi genetici, la biologia evolutiva si occupa della loro origine e cambiamento nel tempo Il metodo della biologia funzionale è sperimentale e vicino ai metodi delle scienze fisico-chimiche. il metodo fondamentale della biologia evolutiva è l'osservazione e il confronto (anche se le teorie quando possibile vengono verificate con la sperimentazione)
  27. 27. L'aspetto più caratteristico della biologia evolutiva è che si pone domande diverse da quelle che si pone la biologia funzionale: non "che cosa?" O "come?" ma "PERCHÉ". Dato che ogni fenomeno in natura è il risultato di un processo evolutivo è lecito chiedersi quali siano state le pressioni selettive e i vantaggi in termini di sopravvivenza che hanno fatto si che si sia costituito è conservato. Le domande basate sul perché non sono comuni nelle scienze fisiche (ci si chiede come il Sole splende non perché lo faccia) le domande teleonomiche che riguardano "lo scopo" di un adattamento sono invece comuni in biologia e non devono essere fraintese.
  28. 28. L'aspetto più caratteristico della biologia evolutiva è che si pone domande diverse da quelle che si pone la biologia funzionale: non "che cosa?" O "come?" ma "PERCHÉ". Dato che ogni fenomeno in natura è il risultato di un processo evolutivo è lecito chiedersi quali siano state le pressioni selettive e i vantaggi in termini di sopravvivenza che hanno fatto si che si sia costituito è conservato. Le domande basate sul perché non sono comuni nelle scienze fisiche (ci si chiede come il Sole splende non perché lo faccia) le domande teleonomiche che riguardano "lo scopo" di un adattamento sono invece comuni in biologia e non devono essere fraintese. La biologia funzionale ha molte somiglianze con le scienze fisiche mentre la biologia evolutiva 
 crea un ponte con le scienze sociali e umane Anche per questo la biologia evolutiva è quella che ha maggiore interesse per la filosofia e cerca di suggerire risposte a domande che tradizionalmente le appartengono.

×