Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.
Roma, 28 marzo 2012Comunicare la pace e la cooperazione internazionale…ai     tempi di internet – SECONDA PARTE
INIZIO SECONDA PARTE
 Soggetti che producono informazioni Aumenta la trasparenza Aumenta il confronto con   volontari/sostenitori/altre ong...
Diventa necessario sfidare   l’abitudine consolidata del  “controllo” sui messaggi chepossono uscire all’esterno e creares...
Cooperazione 2.0 >>   A liter of light
Cosa cambia per chi comunicaLe prioritàGli obiettiviIl coinvolgimento dell’audienceGli strumenti
Come sopravvivere al  cambiamento?
case study: Ong 2.0
In principio era la rivista cartacea
Oggi è anche: una testata on line
Uno spazio di conversazione sui social               network
Che moltiplica l’informazione
Un servizio di in-formazione on              line
PER CONNETTERE LE ESPERIENZE
E CAMBIARE IL MONDO CON ILWEB
www.facebook.com/volontariperlosviluppoWeb 2.0 per le ong e il no profit   www.twitter.com/rivistavps                grazie!
Prochain SlideShare
Chargement dans…5
×

Comunicare la pace e la cooperazione internazionale - II parte

  • Soyez le premier à commenter

  • Soyez le premier à aimer ceci

Comunicare la pace e la cooperazione internazionale - II parte

  1. 1. Roma, 28 marzo 2012Comunicare la pace e la cooperazione internazionale…ai tempi di internet – SECONDA PARTE
  2. 2. INIZIO SECONDA PARTE
  3. 3.  Soggetti che producono informazioni Aumenta la trasparenza Aumenta il confronto con volontari/sostenitori/altre ong Possibilità di integrare il web 2.0 nei progetti per la creazione del sapere collettivo
  4. 4. Diventa necessario sfidare l’abitudine consolidata del “controllo” sui messaggi chepossono uscire all’esterno e crearespazio per la conversazione online
  5. 5. Cooperazione 2.0 >> A liter of light
  6. 6. Cosa cambia per chi comunicaLe prioritàGli obiettiviIl coinvolgimento dell’audienceGli strumenti
  7. 7. Come sopravvivere al cambiamento?
  8. 8. case study: Ong 2.0
  9. 9. In principio era la rivista cartacea
  10. 10. Oggi è anche: una testata on line
  11. 11. Uno spazio di conversazione sui social network
  12. 12. Che moltiplica l’informazione
  13. 13. Un servizio di in-formazione on line
  14. 14. PER CONNETTERE LE ESPERIENZE
  15. 15. E CAMBIARE IL MONDO CON ILWEB
  16. 16. www.facebook.com/volontariperlosviluppoWeb 2.0 per le ong e il no profit www.twitter.com/rivistavps grazie!

×