SlideShare une entreprise Scribd logo
1  sur  4
Il Flexible Benefit
Le aziende metalmeccaniche, a partire dal 1° giugno 2017, devono mettere a disposizione una
serie di buoni spesa per il welfare dei dipendenti e dei loro familiari.
L’ipotesi di accordo di rinnovo del CCNL per le aziende metalmeccaniche e dell’installazione di
impianti, datata 26.11.2016, ha varato un nuovo istituto contrattuale che prevede dei particolari
contributi economici a favore dei lavoratori: il flexible benefit.
La logica del flexible benefit è strettamente correlata con il welfare aziendale: l’istituto può,
dunque, essere visto come quel naturale completamento economico, mirante a sostituire
parzialmente alcuni elementi variabili della retribuzione, con beni e servizi in natura che godono di
specifici vantaggi fiscali. Ma vediamo meglio nel dettaglio di cosa si tratta.
A decorrere dal 1° giugno 2017, le aziende dovranno mettere a disposizione dei lavoratori
strumenti di welfare per un valore pari a:
- 100 euro, relativo al periodo 01.06.2017 – 31.05.2018;
- 150 euro, relativo al periodo 01.06.2018 – 31.05.2019;
- 200 euro, relativo al periodo 01.06.2019 – 31.05.2020.
In sostanza, si tratta di in una sorta di “paniere” di beni e servizi all’interno del quale i dipendenti
potranno scegliere il bene o servizio che più soddisfa i loro interessi. Il plafond va a scadere
improrogabilmente il 31 maggio dell’anno successivo. Pertanto, entro tale data dovrà essere
utilizzato. Una volta goduto per il totale annuale previsto, i lavoratori hanno finito di fruire di quei
determinati benefit, ma il plafond verrà ricaricato sulla base dei valori sopra indicati e i beneficiari
potranno ricominciare a “pescare” nuovamente i beni o servizi ivi previsti.
In linea di massima, quindi, le aziende non dovranno erogare dei soldi, ma avranno l’obbligo di
comporre il citato “paniere” in base a una scelta di beni e servizi più o meno corrispondenti alle
esigenze della propria forza lavoro aziendale. Tale scelta sarà concordata con le RSU (non è,
invece, necessario alcun accordo coi sindacati):
“Le aziende si confronteranno con la RSU per individuare, tenuto conto delle esigenze dei
lavoratori, della propria organizzazione e del rapporto con il territorio, una gamma di beni e servizi
coerente con le caratteristiche dei dipendenti e finalizzata a migliorare la qualità della loro vita
personale e familiare, privilegiando quelli con finalità di educazione, istruzione, ricreazione e
assistenza sociale e sanitaria o culto.”
Da un punto di vista contrattuale, il flexible benefit costituisce un dovere per il datore di lavoro e
un diritto per il lavoratore. L’azienda eventualmente soggetta a verifica – riteniamo – potrà
dimostrare di aver adempiuto all’obbligo tramite LUL, poiché, essendo retribuzione in natura, la
stessa dovrà ovviamente essere indicata come figurativa.
Si rileva, poi, che la norma contrattuale nazionale è, di per sé stessa, sufficiente ad avviare il piano
di welfare, senza dover aspettare ulteriori definizioni a livello territoriale. Conseguentemente,
l’azienda, nella pratica, potrà procedere in forma libera, disciplinando l’istituto in parola anche
mediante una semplice comunicazione scritta rivolta a tutto il personale.
Sempre in ossequio al disposto normativo, si rammenta che gli importi sono comprensivi
esclusivamente dei costi fiscali o contributivi a carico dell'azienda. Ciò significa che i datori di
lavoro, nella quantificazione dei vari benefit, dovranno tenere in considerazione i limiti previsti dal
TUIR, onde evitare di predisporre dei “voucher” superiori alle prescritte soglie di esenzione, atteso
che tale eventuale surplus dovrà essere regolarmente assoggettato a imposte e contributi.
Ebbene, onde semplificare l’applicazione del provvedimento, le Parti contrattuali hanno condiviso
nell’ipotesi di accordo (a titolo esemplificativo, ma non esaustivo), un elenco di strumenti di
welfare, con le rispettive condizioni per poter usufruire della normativa tributaria e contributiva di
vantaggio, che riepiloghiamo di seguito.
A) Opere e servizi per finalità sociali
Riferimento normativo: Art. 51, comma 2, lett. f del TUIR.
Non è ammessa l'erogazione sostitutiva in denaro.
Beni e servizi erogabili: Corsi di formazione e orientamento allo studio, abbonamenti a cinema,
teatro, pay-tv, palestre, centri sportivi, impianti sciistici, SPA, giornali, viaggi, biblioteche, musei,
assistenza domiciliare, badanti, servizi di accompagnamento, cure mediche specialistiche, visite
odontoiatriche, check-up e analisi, pellegrinaggi in luoghi di culto.
B) Somme, servizi e prestazioni di educazione e istruzione, e per l’assistenza a familiari anziani
e/o non auto-sufficienti
Riferimento normativo: Art. 51, comma 2, lett. f-bis, f-ter del TUIR.
In questi casi è ammesso (se appositamente inserito nel “paniere”) il rimborso monetario da parte
del datore di lavoro per le spese sostenute dal lavoratore, previa presentazione di idonea
documentazione.
Beni e servizi erogabili: Asili nido, servizi di baby-sitting, spese di iscrizione e frequenza a scuola
materna, elementare, media e superiore, università e master, libri di testo scolastici e universitari,
doposcuola o pre-scuola, buoni pasto, mense scolastiche, scuolabus, gite didattiche, corsi di
lingue, campus estivi e invernali, ludoteche, borse di studio, case di cura e di riposo.
C) Beni e servizi esclusivamente in natura
Riferimento normativo: Art. 51, comma 3 del TUIR.
Beni e servizi erogabili: Buoni spesa per generi alimentari, per shopping (es: commercio
elettronico), per acquisti vari, buoni carburante, ricariche telefoniche.
D) Servizi di trasporto collettivo per il raggiungimento del posto di lavoro
Riferimento normativo: Art. 51, comma 2, lett. d) del TUIR.
Non è ammessa l'erogazione sostitutiva in denaro.
Beni e servizi erogabili: Abbonamenti e biglietti (forniti sia da gestori pubblici che privati), anche in
convenzione, nonché noleggi o auto messe a disposizione dall’azienda.
In generale, peraltro, tutti i sopra indicati beni e servizi potranno essere erogati direttamente
dall’azienda o da terze parti, previa specifica indicazione del datore di lavoro.
Venendo ai soggetti interessati, le categorie dei lavoratori che beneficiano del flexible benefit
sono: gli operai, gli impiegati e i quadri; restano esclusi i dirigenti, il cui rapporto di lavoro è
disciplinato da uno specifico CCNL.
In pratica, hanno diritto al benefit tutti i lavoratori, superato il periodo di prova, in forza al 1°
giugno di ciascun anno, o successivamente assunti entro il 31 dicembre di ciascun anno:
- con contratto a tempo indeterminato;
- con contratto a tempo determinato, che abbiano maturato almeno tre mesi, anche non
consecutivi, di anzianità di servizio nel corso di ciascun anno (1° gennaio – 31 dicembre).
Sono, viceversa, esclusi i lavoratori in aspettativa non retribuita, né indennizzata, nel periodo 1°
giugno – 31 dicembre di ciascun anno.
Da tenere presente che i suddetti valori non sono riproporzionabili per i lavoratori part-time; i
quali, dunque, percepiranno il contributo in misura intera come coloro che sono assunti con
contratto di lavoro a tempo pieno.
Infine, quanto sopra previsto si aggiunge alle eventuali offerte di beni e servizi già presenti in
azienda, sia unilateralmente riconosciute per regolamento, lettera di assunzione o altre modalità
di formalizzazione, che derivante da accordi collettivi. In tale ultima ipotesi, il provvedimento
invita le Parti firmatarie dei medesimi accordi, ad armonizzare i criteri e le modalità di
riconoscimento previsti.
I lavoratori hanno comunque la possibilità di destinare i suddetti valori, di anno in anno, ai fondi
integrativi (pensione o assistenza sanitaria), secondo le regole e le modalità dagli stessi fondi
previste, fermo restando che il costo massimo a carico dell'azienda non potrà superare gli anzidetti
importi (100, 150 e 200 euro, rispettivamente per il triennio contrattualmente previsto: 2017 –
2019).
Le strutture territoriali delle Organizzazioni stipulanti forniranno adeguate informazioni a imprese
e lavoratori sui contenuti della presente disciplina e ne monitoreranno l'applicazione nel rispettivo
territorio di riferimento. Viceversa, in sede nazionale, saranno le Parti firmatarie dell’ipotesi di
accordo che avranno il compito di svolgere tale attività di valutazione, tenendo conto
dell'evoluzione normativa, anche al fine di definire congiuntamente indicazioni e/o soluzioni
rivolte in particolare alle PMI. Oltre a ciò, nel corso della fase di prima applicazione, le Parti
stipulanti si incontreranno per verificare il puntuale adempimento contrattuale nei confronti di
tutti gli aventi diritto.
In conclusione, pare appena il caso di precisare che, al momento, UNIONMECCANICA e CONFAPI
non hanno ancora provveduto a sottoscrivere la disciplina in argomento: le parti si sono
incontrate, l’ultima volta, lo scorso 25 maggio, senza peraltro addivenire a un’ipotesi di accordo di
rinnovo. Ergo, le aziende che applicano il relativo CCNL, tecnicamente, non sono obbligate ad
attivare il flexible benefit. Cionondimeno, è opportuno che gli imprenditori interessati si
incomincino già a strutturare, posto che, ben presto, anche in tale contratto verrà inserito il nuovo
istituto.

Contenu connexe

Tendances

Incentivo INPS Garanzia Giovani
Incentivo INPS Garanzia GiovaniIncentivo INPS Garanzia Giovani
Incentivo INPS Garanzia GiovaniAntonio Palmieri
 
Pacchetto lavoro decreto del fare 12 07 2013_slide totali 1
Pacchetto lavoro decreto del fare 12 07 2013_slide totali 1Pacchetto lavoro decreto del fare 12 07 2013_slide totali 1
Pacchetto lavoro decreto del fare 12 07 2013_slide totali 1Deca & Associati s.r.l.
 
Il distacco dei dipendenti presso un'impresa estera
Il distacco dei dipendenti presso un'impresa esteraIl distacco dei dipendenti presso un'impresa estera
Il distacco dei dipendenti presso un'impresa esteraPaolo Soro
 
O.SA.TE. Reddito minimo garantito condizionato
O.SA.TE. Reddito minimo garantito condizionatoO.SA.TE. Reddito minimo garantito condizionato
O.SA.TE. Reddito minimo garantito condizionatoreddito per tutti
 
Circolare Microcredito Consulenti del Lavoto
Circolare Microcredito Consulenti del LavotoCircolare Microcredito Consulenti del Lavoto
Circolare Microcredito Consulenti del LavotoAntonio Palmieri
 
Prestazioni di sostegno al reddito EBLART
Prestazioni di sostegno al reddito EBLARTPrestazioni di sostegno al reddito EBLART
Prestazioni di sostegno al reddito EBLARTFRANCO CERVINI
 
Pos per professionisti circolare cdl
Pos per professionisti circolare cdlPos per professionisti circolare cdl
Pos per professionisti circolare cdlAntonio Palmieri
 
Circolare numero 95 del 13 05-2015
Circolare numero 95 del 13 05-2015Circolare numero 95 del 13 05-2015
Circolare numero 95 del 13 05-2015Fabio Bolo
 
Fondo solidarietà comunicato slc 28-6-13
Fondo solidarietà comunicato slc 28-6-13Fondo solidarietà comunicato slc 28-6-13
Fondo solidarietà comunicato slc 28-6-13Fabio Bolo
 
Messaggio numero 1288 del 20 03-2020 allegato n 1
Messaggio numero 1288 del 20 03-2020 allegato n 1Messaggio numero 1288 del 20 03-2020 allegato n 1
Messaggio numero 1288 del 20 03-2020 allegato n 1Vincenzo Coluccio
 
Decreto "Cura Italia"
Decreto "Cura Italia"Decreto "Cura Italia"
Decreto "Cura Italia"CaafLazio
 
Legge di stabilita' 2014 IMU DE
Legge di stabilita'  2014  IMU DELegge di stabilita'  2014  IMU DE
Legge di stabilita' 2014 IMU DEProserin
 
Convenzione ABI, Ministero del Lavoro e Sindacati
Convenzione ABI, Ministero del Lavoro e SindacatiConvenzione ABI, Ministero del Lavoro e Sindacati
Convenzione ABI, Ministero del Lavoro e SindacatiVincenzo Coluccio
 
Ldb FlashForward Paciello welfare
Ldb FlashForward Paciello  welfare Ldb FlashForward Paciello  welfare
Ldb FlashForward Paciello welfare laboratoridalbasso
 
Decreto assunzioni aspi giugno 2013
Decreto assunzioni aspi giugno 2013Decreto assunzioni aspi giugno 2013
Decreto assunzioni aspi giugno 2013Antonio Palmieri
 

Tendances (20)

All 2 bando
All 2   bandoAll 2   bando
All 2 bando
 
MASTER IN BUSINESS MANAGEMENT - Parte 2
MASTER IN BUSINESS MANAGEMENT - Parte 2MASTER IN BUSINESS MANAGEMENT - Parte 2
MASTER IN BUSINESS MANAGEMENT - Parte 2
 
Incentivo INPS Garanzia Giovani
Incentivo INPS Garanzia GiovaniIncentivo INPS Garanzia Giovani
Incentivo INPS Garanzia Giovani
 
Pacchetto lavoro decreto del fare 12 07 2013_slide totali 1
Pacchetto lavoro decreto del fare 12 07 2013_slide totali 1Pacchetto lavoro decreto del fare 12 07 2013_slide totali 1
Pacchetto lavoro decreto del fare 12 07 2013_slide totali 1
 
Il distacco dei dipendenti presso un'impresa estera
Il distacco dei dipendenti presso un'impresa esteraIl distacco dei dipendenti presso un'impresa estera
Il distacco dei dipendenti presso un'impresa estera
 
O.SA.TE. Reddito minimo garantito condizionato
O.SA.TE. Reddito minimo garantito condizionatoO.SA.TE. Reddito minimo garantito condizionato
O.SA.TE. Reddito minimo garantito condizionato
 
Circolare Microcredito Consulenti del Lavoto
Circolare Microcredito Consulenti del LavotoCircolare Microcredito Consulenti del Lavoto
Circolare Microcredito Consulenti del Lavoto
 
Prestazioni di sostegno al reddito EBLART
Prestazioni di sostegno al reddito EBLARTPrestazioni di sostegno al reddito EBLART
Prestazioni di sostegno al reddito EBLART
 
Pos per professionisti circolare cdl
Pos per professionisti circolare cdlPos per professionisti circolare cdl
Pos per professionisti circolare cdl
 
Circolare numero 95 del 13 05-2015
Circolare numero 95 del 13 05-2015Circolare numero 95 del 13 05-2015
Circolare numero 95 del 13 05-2015
 
Fondo solidarietà comunicato slc 28-6-13
Fondo solidarietà comunicato slc 28-6-13Fondo solidarietà comunicato slc 28-6-13
Fondo solidarietà comunicato slc 28-6-13
 
Messaggio numero 1288 del 20 03-2020 allegato n 1
Messaggio numero 1288 del 20 03-2020 allegato n 1Messaggio numero 1288 del 20 03-2020 allegato n 1
Messaggio numero 1288 del 20 03-2020 allegato n 1
 
Mercato del lavoro
Mercato del lavoroMercato del lavoro
Mercato del lavoro
 
Decreto "Cura Italia"
Decreto "Cura Italia"Decreto "Cura Italia"
Decreto "Cura Italia"
 
Legge di stabilita' 2014 IMU DE
Legge di stabilita'  2014  IMU DELegge di stabilita'  2014  IMU DE
Legge di stabilita' 2014 IMU DE
 
Convenzione ABI, Ministero del Lavoro e Sindacati
Convenzione ABI, Ministero del Lavoro e SindacatiConvenzione ABI, Ministero del Lavoro e Sindacati
Convenzione ABI, Ministero del Lavoro e Sindacati
 
MASTER IN BUSINESS MANAGEMENT - Parte 3
MASTER IN BUSINESS MANAGEMENT - Parte 3MASTER IN BUSINESS MANAGEMENT - Parte 3
MASTER IN BUSINESS MANAGEMENT - Parte 3
 
Ldb FlashForward Paciello welfare
Ldb FlashForward Paciello  welfare Ldb FlashForward Paciello  welfare
Ldb FlashForward Paciello welfare
 
Decreto assunzioni aspi giugno 2013
Decreto assunzioni aspi giugno 2013Decreto assunzioni aspi giugno 2013
Decreto assunzioni aspi giugno 2013
 
OSS 2 - Sesta lezione II
OSS 2 - Sesta lezione IIOSS 2 - Sesta lezione II
OSS 2 - Sesta lezione II
 

Similaire à Il flexible benefit

GF Legal - La contrattazione aziendale in tema di ammortizzatori sociali, con...
GF Legal - La contrattazione aziendale in tema di ammortizzatori sociali, con...GF Legal - La contrattazione aziendale in tema di ammortizzatori sociali, con...
GF Legal - La contrattazione aziendale in tema di ammortizzatori sociali, con...Mario Fusani
 
Il lavoro nella Riforma del Terzo Settore - Alcuni spunti
Il lavoro nella Riforma del Terzo Settore - Alcuni spuntiIl lavoro nella Riforma del Terzo Settore - Alcuni spunti
Il lavoro nella Riforma del Terzo Settore - Alcuni spuntiUneba
 
Comunicato firma CCNL Appalto Assicurativo
Comunicato firma CCNL Appalto AssicurativoComunicato firma CCNL Appalto Assicurativo
Comunicato firma CCNL Appalto AssicurativoFisac-Cgil Varese
 
1969 accordi gd 10 1994 - 1995 pag 231 - 243
1969 accordi gd 10   1994 - 1995  pag 231 - 2431969 accordi gd 10   1994 - 1995  pag 231 - 243
1969 accordi gd 10 1994 - 1995 pag 231 - 243Fiom GD
 
Accordi gd 10 1994 - 1995 pag 231 - 243
Accordi gd 10   1994 - 1995  pag 231 - 243Accordi gd 10   1994 - 1995  pag 231 - 243
Accordi gd 10 1994 - 1995 pag 231 - 243Fiom GD
 
Circolare INPS Incentivi per Assunzioni 2015
Circolare INPS Incentivi per Assunzioni 2015Circolare INPS Incentivi per Assunzioni 2015
Circolare INPS Incentivi per Assunzioni 2015Antonio Palmieri
 
Circolare numero 17 del 29 01-2015
Circolare numero 17 del 29 01-2015Circolare numero 17 del 29 01-2015
Circolare numero 17 del 29 01-2015EnricoPanini
 
Circ. SANARTI 2014 10 rinnovo ccnl tessile moda-ccnl tac pmi
Circ. SANARTI 2014 10   rinnovo ccnl tessile moda-ccnl tac pmiCirc. SANARTI 2014 10   rinnovo ccnl tessile moda-ccnl tac pmi
Circ. SANARTI 2014 10 rinnovo ccnl tessile moda-ccnl tac pmiancllivorno
 
Jobs Act: Il contratto di somministrazione
Jobs Act: Il contratto di somministrazione Jobs Act: Il contratto di somministrazione
Jobs Act: Il contratto di somministrazione Memento Pratico
 
INDICAZIONI PER UNA RAPIDA LETTURA DELLA BUSTA PAGA
INDICAZIONI  PER UNA RAPIDA LETTURA DELLA BUSTA PAGAINDICAZIONI  PER UNA RAPIDA LETTURA DELLA BUSTA PAGA
INDICAZIONI PER UNA RAPIDA LETTURA DELLA BUSTA PAGADario Vinci
 
Scheda lettura decreti attuativi job act 16 01 2015
Scheda lettura decreti attuativi job act 16 01 2015Scheda lettura decreti attuativi job act 16 01 2015
Scheda lettura decreti attuativi job act 16 01 2015piergiorgiocarrescia
 
L'impiego dei lavoratori italiani all'estero
L'impiego dei lavoratori italiani all'esteroL'impiego dei lavoratori italiani all'estero
L'impiego dei lavoratori italiani all'esteroPaolo Soro
 
Comunicato sindacale su Nota Ministeriale CCNL Appalto Assicurativo
Comunicato sindacale su Nota Ministeriale CCNL Appalto AssicurativoComunicato sindacale su Nota Ministeriale CCNL Appalto Assicurativo
Comunicato sindacale su Nota Ministeriale CCNL Appalto AssicurativoFisac-Cgil Varese
 
Riforma del Lavoro Legge 92 articolo 1
Riforma del Lavoro Legge 92 articolo 1Riforma del Lavoro Legge 92 articolo 1
Riforma del Lavoro Legge 92 articolo 1Fabio Bolo
 

Similaire à Il flexible benefit (20)

GF Legal - La contrattazione aziendale in tema di ammortizzatori sociali, con...
GF Legal - La contrattazione aziendale in tema di ammortizzatori sociali, con...GF Legal - La contrattazione aziendale in tema di ammortizzatori sociali, con...
GF Legal - La contrattazione aziendale in tema di ammortizzatori sociali, con...
 
News SSL 23 2014
News SSL 23 2014News SSL 23 2014
News SSL 23 2014
 
Adapt 23383grandi 2013_38
Adapt 23383grandi 2013_38Adapt 23383grandi 2013_38
Adapt 23383grandi 2013_38
 
Il lavoro nella Riforma del Terzo Settore - Alcuni spunti
Il lavoro nella Riforma del Terzo Settore - Alcuni spuntiIl lavoro nella Riforma del Terzo Settore - Alcuni spunti
Il lavoro nella Riforma del Terzo Settore - Alcuni spunti
 
Decretobrunetta
DecretobrunettaDecretobrunetta
Decretobrunetta
 
Comunicato firma CCNL Appalto Assicurativo
Comunicato firma CCNL Appalto AssicurativoComunicato firma CCNL Appalto Assicurativo
Comunicato firma CCNL Appalto Assicurativo
 
107 jobs act
107   jobs  act107   jobs  act
107 jobs act
 
1969 accordi gd 10 1994 - 1995 pag 231 - 243
1969 accordi gd 10   1994 - 1995  pag 231 - 2431969 accordi gd 10   1994 - 1995  pag 231 - 243
1969 accordi gd 10 1994 - 1995 pag 231 - 243
 
Accordi gd 10 1994 - 1995 pag 231 - 243
Accordi gd 10   1994 - 1995  pag 231 - 243Accordi gd 10   1994 - 1995  pag 231 - 243
Accordi gd 10 1994 - 1995 pag 231 - 243
 
Circolare INPS Incentivi per Assunzioni 2015
Circolare INPS Incentivi per Assunzioni 2015Circolare INPS Incentivi per Assunzioni 2015
Circolare INPS Incentivi per Assunzioni 2015
 
Circolare numero 17 del 29 01-2015
Circolare numero 17 del 29 01-2015Circolare numero 17 del 29 01-2015
Circolare numero 17 del 29 01-2015
 
Circ. SANARTI 2014 10 rinnovo ccnl tessile moda-ccnl tac pmi
Circ. SANARTI 2014 10   rinnovo ccnl tessile moda-ccnl tac pmiCirc. SANARTI 2014 10   rinnovo ccnl tessile moda-ccnl tac pmi
Circ. SANARTI 2014 10 rinnovo ccnl tessile moda-ccnl tac pmi
 
Jobs Act: Il contratto di somministrazione
Jobs Act: Il contratto di somministrazione Jobs Act: Il contratto di somministrazione
Jobs Act: Il contratto di somministrazione
 
La retribuzione
La retribuzioneLa retribuzione
La retribuzione
 
INDICAZIONI PER UNA RAPIDA LETTURA DELLA BUSTA PAGA
INDICAZIONI  PER UNA RAPIDA LETTURA DELLA BUSTA PAGAINDICAZIONI  PER UNA RAPIDA LETTURA DELLA BUSTA PAGA
INDICAZIONI PER UNA RAPIDA LETTURA DELLA BUSTA PAGA
 
Scheda lettura decreti attuativi job act 16 01 2015
Scheda lettura decreti attuativi job act 16 01 2015Scheda lettura decreti attuativi job act 16 01 2015
Scheda lettura decreti attuativi job act 16 01 2015
 
L'impiego dei lavoratori italiani all'estero
L'impiego dei lavoratori italiani all'esteroL'impiego dei lavoratori italiani all'estero
L'impiego dei lavoratori italiani all'estero
 
Comunicato sindacale su Nota Ministeriale CCNL Appalto Assicurativo
Comunicato sindacale su Nota Ministeriale CCNL Appalto AssicurativoComunicato sindacale su Nota Ministeriale CCNL Appalto Assicurativo
Comunicato sindacale su Nota Ministeriale CCNL Appalto Assicurativo
 
News SSL 32 2015
News SSL 32 2015News SSL 32 2015
News SSL 32 2015
 
Riforma del Lavoro Legge 92 articolo 1
Riforma del Lavoro Legge 92 articolo 1Riforma del Lavoro Legge 92 articolo 1
Riforma del Lavoro Legge 92 articolo 1
 

Plus de Paolo Soro

Circolari e risoluzioni amministrative
Circolari e risoluzioni amministrativeCircolari e risoluzioni amministrative
Circolari e risoluzioni amministrativePaolo Soro
 
Escapologia fiscale
Escapologia fiscaleEscapologia fiscale
Escapologia fiscalePaolo Soro
 
Lavoratori migranti
Lavoratori migrantiLavoratori migranti
Lavoratori migrantiPaolo Soro
 
Aspetti critici del patent box
Aspetti critici del patent boxAspetti critici del patent box
Aspetti critici del patent boxPaolo Soro
 
Lavoro dipendente svolto allestero da cittadini italiani
Lavoro dipendente svolto allestero da cittadini italianiLavoro dipendente svolto allestero da cittadini italiani
Lavoro dipendente svolto allestero da cittadini italianiPaolo Soro
 
Università di cagliari
Università di cagliariUniversità di cagliari
Università di cagliariPaolo Soro
 
Stabile organizzazione occulta
Stabile organizzazione occultaStabile organizzazione occulta
Stabile organizzazione occultaPaolo Soro
 
Voluntary disclosure bis
Voluntary disclosure bisVoluntary disclosure bis
Voluntary disclosure bisPaolo Soro
 
L'unione fa la forza
L'unione fa la forzaL'unione fa la forza
L'unione fa la forzaPaolo Soro
 
Framework fiscali internazionali
Framework fiscali internazionaliFramework fiscali internazionali
Framework fiscali internazionaliPaolo Soro
 
Pianificazione fiscale internazionale
Pianificazione fiscale internazionalePianificazione fiscale internazionale
Pianificazione fiscale internazionalePaolo Soro
 
Pianificazione fiscale etica
Pianificazione fiscale eticaPianificazione fiscale etica
Pianificazione fiscale eticaPaolo Soro
 
Il distacco in italia di dipendenti stranieri
Il distacco in italia di dipendenti stranieriIl distacco in italia di dipendenti stranieri
Il distacco in italia di dipendenti stranieriPaolo Soro
 
Elusione fiscale mondiale
Elusione fiscale mondialeElusione fiscale mondiale
Elusione fiscale mondialePaolo Soro
 
La mappa internazionale del lavoro
La mappa internazionale del lavoroLa mappa internazionale del lavoro
La mappa internazionale del lavoroPaolo Soro
 

Plus de Paolo Soro (20)

Circolari e risoluzioni amministrative
Circolari e risoluzioni amministrativeCircolari e risoluzioni amministrative
Circolari e risoluzioni amministrative
 
Escapologia fiscale
Escapologia fiscaleEscapologia fiscale
Escapologia fiscale
 
Lavoratori migranti
Lavoratori migrantiLavoratori migranti
Lavoratori migranti
 
America first
America firstAmerica first
America first
 
Aspetti critici del patent box
Aspetti critici del patent boxAspetti critici del patent box
Aspetti critici del patent box
 
Lavoro dipendente svolto allestero da cittadini italiani
Lavoro dipendente svolto allestero da cittadini italianiLavoro dipendente svolto allestero da cittadini italiani
Lavoro dipendente svolto allestero da cittadini italiani
 
Università di cagliari
Università di cagliariUniversità di cagliari
Università di cagliari
 
Iva a dubai
Iva a dubaiIva a dubai
Iva a dubai
 
Alitalia
AlitaliaAlitalia
Alitalia
 
Stabile organizzazione occulta
Stabile organizzazione occultaStabile organizzazione occulta
Stabile organizzazione occulta
 
Ttip e tpp
Ttip e tppTtip e tpp
Ttip e tpp
 
Voluntary disclosure bis
Voluntary disclosure bisVoluntary disclosure bis
Voluntary disclosure bis
 
L'unione fa la forza
L'unione fa la forzaL'unione fa la forza
L'unione fa la forza
 
Framework fiscali internazionali
Framework fiscali internazionaliFramework fiscali internazionali
Framework fiscali internazionali
 
Pianificazione fiscale internazionale
Pianificazione fiscale internazionalePianificazione fiscale internazionale
Pianificazione fiscale internazionale
 
Pianificazione fiscale etica
Pianificazione fiscale eticaPianificazione fiscale etica
Pianificazione fiscale etica
 
Il gruppo iva
Il gruppo ivaIl gruppo iva
Il gruppo iva
 
Il distacco in italia di dipendenti stranieri
Il distacco in italia di dipendenti stranieriIl distacco in italia di dipendenti stranieri
Il distacco in italia di dipendenti stranieri
 
Elusione fiscale mondiale
Elusione fiscale mondialeElusione fiscale mondiale
Elusione fiscale mondiale
 
La mappa internazionale del lavoro
La mappa internazionale del lavoroLa mappa internazionale del lavoro
La mappa internazionale del lavoro
 

Il flexible benefit

  • 1. Il Flexible Benefit Le aziende metalmeccaniche, a partire dal 1° giugno 2017, devono mettere a disposizione una serie di buoni spesa per il welfare dei dipendenti e dei loro familiari. L’ipotesi di accordo di rinnovo del CCNL per le aziende metalmeccaniche e dell’installazione di impianti, datata 26.11.2016, ha varato un nuovo istituto contrattuale che prevede dei particolari contributi economici a favore dei lavoratori: il flexible benefit. La logica del flexible benefit è strettamente correlata con il welfare aziendale: l’istituto può, dunque, essere visto come quel naturale completamento economico, mirante a sostituire parzialmente alcuni elementi variabili della retribuzione, con beni e servizi in natura che godono di specifici vantaggi fiscali. Ma vediamo meglio nel dettaglio di cosa si tratta. A decorrere dal 1° giugno 2017, le aziende dovranno mettere a disposizione dei lavoratori strumenti di welfare per un valore pari a: - 100 euro, relativo al periodo 01.06.2017 – 31.05.2018; - 150 euro, relativo al periodo 01.06.2018 – 31.05.2019; - 200 euro, relativo al periodo 01.06.2019 – 31.05.2020. In sostanza, si tratta di in una sorta di “paniere” di beni e servizi all’interno del quale i dipendenti potranno scegliere il bene o servizio che più soddisfa i loro interessi. Il plafond va a scadere improrogabilmente il 31 maggio dell’anno successivo. Pertanto, entro tale data dovrà essere utilizzato. Una volta goduto per il totale annuale previsto, i lavoratori hanno finito di fruire di quei determinati benefit, ma il plafond verrà ricaricato sulla base dei valori sopra indicati e i beneficiari potranno ricominciare a “pescare” nuovamente i beni o servizi ivi previsti. In linea di massima, quindi, le aziende non dovranno erogare dei soldi, ma avranno l’obbligo di comporre il citato “paniere” in base a una scelta di beni e servizi più o meno corrispondenti alle esigenze della propria forza lavoro aziendale. Tale scelta sarà concordata con le RSU (non è, invece, necessario alcun accordo coi sindacati): “Le aziende si confronteranno con la RSU per individuare, tenuto conto delle esigenze dei lavoratori, della propria organizzazione e del rapporto con il territorio, una gamma di beni e servizi coerente con le caratteristiche dei dipendenti e finalizzata a migliorare la qualità della loro vita personale e familiare, privilegiando quelli con finalità di educazione, istruzione, ricreazione e assistenza sociale e sanitaria o culto.” Da un punto di vista contrattuale, il flexible benefit costituisce un dovere per il datore di lavoro e un diritto per il lavoratore. L’azienda eventualmente soggetta a verifica – riteniamo – potrà dimostrare di aver adempiuto all’obbligo tramite LUL, poiché, essendo retribuzione in natura, la stessa dovrà ovviamente essere indicata come figurativa. Si rileva, poi, che la norma contrattuale nazionale è, di per sé stessa, sufficiente ad avviare il piano di welfare, senza dover aspettare ulteriori definizioni a livello territoriale. Conseguentemente,
  • 2. l’azienda, nella pratica, potrà procedere in forma libera, disciplinando l’istituto in parola anche mediante una semplice comunicazione scritta rivolta a tutto il personale. Sempre in ossequio al disposto normativo, si rammenta che gli importi sono comprensivi esclusivamente dei costi fiscali o contributivi a carico dell'azienda. Ciò significa che i datori di lavoro, nella quantificazione dei vari benefit, dovranno tenere in considerazione i limiti previsti dal TUIR, onde evitare di predisporre dei “voucher” superiori alle prescritte soglie di esenzione, atteso che tale eventuale surplus dovrà essere regolarmente assoggettato a imposte e contributi. Ebbene, onde semplificare l’applicazione del provvedimento, le Parti contrattuali hanno condiviso nell’ipotesi di accordo (a titolo esemplificativo, ma non esaustivo), un elenco di strumenti di welfare, con le rispettive condizioni per poter usufruire della normativa tributaria e contributiva di vantaggio, che riepiloghiamo di seguito. A) Opere e servizi per finalità sociali Riferimento normativo: Art. 51, comma 2, lett. f del TUIR. Non è ammessa l'erogazione sostitutiva in denaro. Beni e servizi erogabili: Corsi di formazione e orientamento allo studio, abbonamenti a cinema, teatro, pay-tv, palestre, centri sportivi, impianti sciistici, SPA, giornali, viaggi, biblioteche, musei, assistenza domiciliare, badanti, servizi di accompagnamento, cure mediche specialistiche, visite odontoiatriche, check-up e analisi, pellegrinaggi in luoghi di culto. B) Somme, servizi e prestazioni di educazione e istruzione, e per l’assistenza a familiari anziani e/o non auto-sufficienti Riferimento normativo: Art. 51, comma 2, lett. f-bis, f-ter del TUIR. In questi casi è ammesso (se appositamente inserito nel “paniere”) il rimborso monetario da parte del datore di lavoro per le spese sostenute dal lavoratore, previa presentazione di idonea documentazione. Beni e servizi erogabili: Asili nido, servizi di baby-sitting, spese di iscrizione e frequenza a scuola materna, elementare, media e superiore, università e master, libri di testo scolastici e universitari, doposcuola o pre-scuola, buoni pasto, mense scolastiche, scuolabus, gite didattiche, corsi di lingue, campus estivi e invernali, ludoteche, borse di studio, case di cura e di riposo. C) Beni e servizi esclusivamente in natura Riferimento normativo: Art. 51, comma 3 del TUIR. Beni e servizi erogabili: Buoni spesa per generi alimentari, per shopping (es: commercio elettronico), per acquisti vari, buoni carburante, ricariche telefoniche. D) Servizi di trasporto collettivo per il raggiungimento del posto di lavoro
  • 3. Riferimento normativo: Art. 51, comma 2, lett. d) del TUIR. Non è ammessa l'erogazione sostitutiva in denaro. Beni e servizi erogabili: Abbonamenti e biglietti (forniti sia da gestori pubblici che privati), anche in convenzione, nonché noleggi o auto messe a disposizione dall’azienda. In generale, peraltro, tutti i sopra indicati beni e servizi potranno essere erogati direttamente dall’azienda o da terze parti, previa specifica indicazione del datore di lavoro. Venendo ai soggetti interessati, le categorie dei lavoratori che beneficiano del flexible benefit sono: gli operai, gli impiegati e i quadri; restano esclusi i dirigenti, il cui rapporto di lavoro è disciplinato da uno specifico CCNL. In pratica, hanno diritto al benefit tutti i lavoratori, superato il periodo di prova, in forza al 1° giugno di ciascun anno, o successivamente assunti entro il 31 dicembre di ciascun anno: - con contratto a tempo indeterminato; - con contratto a tempo determinato, che abbiano maturato almeno tre mesi, anche non consecutivi, di anzianità di servizio nel corso di ciascun anno (1° gennaio – 31 dicembre). Sono, viceversa, esclusi i lavoratori in aspettativa non retribuita, né indennizzata, nel periodo 1° giugno – 31 dicembre di ciascun anno. Da tenere presente che i suddetti valori non sono riproporzionabili per i lavoratori part-time; i quali, dunque, percepiranno il contributo in misura intera come coloro che sono assunti con contratto di lavoro a tempo pieno. Infine, quanto sopra previsto si aggiunge alle eventuali offerte di beni e servizi già presenti in azienda, sia unilateralmente riconosciute per regolamento, lettera di assunzione o altre modalità di formalizzazione, che derivante da accordi collettivi. In tale ultima ipotesi, il provvedimento invita le Parti firmatarie dei medesimi accordi, ad armonizzare i criteri e le modalità di riconoscimento previsti. I lavoratori hanno comunque la possibilità di destinare i suddetti valori, di anno in anno, ai fondi integrativi (pensione o assistenza sanitaria), secondo le regole e le modalità dagli stessi fondi previste, fermo restando che il costo massimo a carico dell'azienda non potrà superare gli anzidetti importi (100, 150 e 200 euro, rispettivamente per il triennio contrattualmente previsto: 2017 – 2019). Le strutture territoriali delle Organizzazioni stipulanti forniranno adeguate informazioni a imprese e lavoratori sui contenuti della presente disciplina e ne monitoreranno l'applicazione nel rispettivo territorio di riferimento. Viceversa, in sede nazionale, saranno le Parti firmatarie dell’ipotesi di accordo che avranno il compito di svolgere tale attività di valutazione, tenendo conto dell'evoluzione normativa, anche al fine di definire congiuntamente indicazioni e/o soluzioni rivolte in particolare alle PMI. Oltre a ciò, nel corso della fase di prima applicazione, le Parti
  • 4. stipulanti si incontreranno per verificare il puntuale adempimento contrattuale nei confronti di tutti gli aventi diritto. In conclusione, pare appena il caso di precisare che, al momento, UNIONMECCANICA e CONFAPI non hanno ancora provveduto a sottoscrivere la disciplina in argomento: le parti si sono incontrate, l’ultima volta, lo scorso 25 maggio, senza peraltro addivenire a un’ipotesi di accordo di rinnovo. Ergo, le aziende che applicano il relativo CCNL, tecnicamente, non sono obbligate ad attivare il flexible benefit. Cionondimeno, è opportuno che gli imprenditori interessati si incomincino già a strutturare, posto che, ben presto, anche in tale contratto verrà inserito il nuovo istituto.