Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

Presentazione IBM i virtualizzazione su Power System

737 vues

Publié le

Evento 28 settembre 2016 - Torino Spazio La Stampa - Formazione Power/AS400

Publié dans : Technologie
  • Soyez le premier à commenter

Presentazione IBM i virtualizzazione su Power System

  1. 1. ©  2016   IBM  Corporation 1 Rosa  Pagano   Client  Technical  Specialist  – POWER  -­ IBM  i e-­mail:  paganorosa@it.ibm.com IBM  i  V7R3:  moderno   e   in  continua    evoluzione
  2. 2. ©  2016   IBM  Corporation 2 ……… 6.1 7.1 6.1.1     7.1  TRs                       ………… i  next+1 … … 2008 2009 2010 2011 2013 20142012 2015 28 Aprile 2015 7.2 TR2 e 7.1 TR10 5 Ottobre 2015 7.2 TR3 e 7.1 TR11 IBM  i 7.3 Annuncio  12  Aprile  2016 GA  15  Aprile 2016 IBM  i 7.2  TR4 Annuncio  12  Aprile  2016 GA  20  Maggio  2016     2016         7.2 7.3 La  roadmap  IBM  i
  3. 3. ©  2016   IBM  Corporation 3 IBM  i e  Technology  Refresh Non  verranno più rilasciati TR  per  la  7.1     STABILIZZATA
  4. 4. ©  2016   IBM  Corporation 4 Il  supporto di  IBM  i 7.3   http://www-­01.ibm.com/support/docview.wss?uid=ssm1platformibmi TR8
  5. 5. ©  2016   IBM  Corporation 55 LifeCycle 5.4  e  6.1   IBM  i  5.4  LifeCycle:   IBM  i 6.1  LifeCycle:   Service   Only EOL 9/30/18 EOM 12/2014 EOS 9/30/15 2011 2012 2013 2014 2015 20162008 2009 2010 6.1  Marketed  and  Serviced GTS  Fee-­ based  service   2017 2018 (since  2006) EOM  =  End  of  Marketing          EOS  =  End  of  Service        EOL  =  End  of  Life
  6. 6. ©  2016   IBM  Corporation 6 IBM  i – Obiettivi principali
  7. 7. ©  2016   IBM  Corporation 7 DB2  for  i  da  sempre  garantisce • Integrazione • Semplicità • Robusta  scalabilità • Soluzioni  strategiche  con  standard  open • Elevata  sicurezza  e  Availability
  8. 8. ©  2016   IBM  Corporation 8 Miglioramenti DB2  in  IBM  i V7R2 https://libreria  servizi_in_developerworks
  9. 9. ©  2016   IBM  Corporation 9 Le  principali  novità  di  IBM  i  7.3 § DB2  for  i include  ora il supporto per  la  gestione dei dati storici (system-­period   temporal  tables)  e  la  possibilità di  utilizzare colonne generate  (generated  columns)   per  funzionidi  auditing § Nuova  funzionalità di  Security  Authority  Collection  (STRAUTCOL)  che permette una più accurata ed efficace gestione della sicurezza § Miglioramenti a  livello di  integrazione tra IBM  i e  il mondo Open  Source § Nuova  versione di  IBM  DB2  Web  Query  for  I § IBM  PowerHA  SystemMirror for  i 7.2  HyperSwap Cluster     § …  e  molto altre novità che riguardano IBM  i Access  for  Web  Mobile,  IBM  Navigator,   PowerVC,  limiti di  sistema,  ……….
  10. 10. ©  2016   IBM  Corporation 1010 DB2  for  i:  continui  investimenti IBM  i:  integrazione  spinta 2.300  soluzioni  registrate,  realizzate  da  oltre  850  ISV    certificati
  11. 11. ©  2016   IBM  Corporation 11 System-­period  temporal  table § Soluzione “dato-­centrica”  che demanda al  DB2  la  gestione dello storico dei dati IBM  i  7.3
  12. 12. ©  2016   IBM  Corporation 12 Colonne  generate § Soluzione “dato-­centrica”  che demanda al  DB2  la  gestione dell’auditing § Tramite l’utilizzo delle generated  column,  DB2  for  i è  in  grado di  memorizzare automaticamente informazionirelative  all’utente,  all’indirizzo TCP/IP  del  client,  al   nome del  job,  …,  che hanno eseguito l’aggiornamento della riga OLAP  (On  line  Analytical Processing) V6R1: RANK,   DENSE_RANK ROW_NUMBER V7R3: Aggregates  (SUM,  COUNT,  etc.)   LAG  e  LEAD   NTILE   FIRST_VALUE,  NTH_VALUE,  and  LAST_VALUE   RATIO_TO  REPORT   CUME_DIST   Funzioni  statistiche: Correlation   Covariance   Percentile   Median   Linear regression (slope,  intercept,  etc.)   Utile  il post:    Mike  Cain  Blog
  13. 13. ©  2016   IBM  Corporation 13 DB2  for  i e  “Temporal  Tables” Esempi di  cosa si potrà fare  con  le  nuove funzioni di “Temporal  Table”  &  “Generated  columns”: o Mostrare i rappresentanti di  2  anni fa:   SELECT  CLIENT_REP  FROM  ACCOUNTS  FOR  SYSTEM_TIME  AS  OF  CURRENT  TIMESTAMP   – 2  YEARS   o Produrre un  inventario a  partire da  una data  e  ora SET  CURRENT  TEMPORAL  SYSTEM_TIME  '2016-­03-­22  17:00:00';;  CALL   GENERATE_INVENTORY_REPORT();;   o Chi  ha  cancellato il record  ?   SELECT  AUDIT_USER,  AUDIT_JOB  FROM  SALES  FOR  SYSTEM_TIME  FROM  CURRENT  DATE   – 1  MONTH  TO  CURRENT  DATE  WHERE  AUDIT_OP  =  ‘D’   o Chi  ha  aggiornato il record  ?   SELECT  AUDIT_USER,  AUDIT_CLIENT_IP  FROM  ITEM_FACT  WHERE  ITEM_KEY  =  ‘125A16’  
  14. 14. ©  2016   IBM  Corporation 14 IBM  i Security  Authority  Collection § Qual è  il livello minimo di  sicurezza che deve essere impostato per  un  oggetto al  fine  di  garantire il corretto funzionamento delle applicazioni e  non  causare problemi all’utente finale? ‒ spesso le  applicazioni abusano di  public  authority  che potrebbero essere la  causa di  problemi a  livello di  sicurezza § Security  Authority  Collection ‒ il sistema operativo è  ora in  grado di  catturare e  salvare tutti i dati legati al  controllo sulle autorizzazioni,  inclusa l’informazione chiave di  quali autorizazioni sono necessarie sull’oggetto per   superare i controlli stessi ‒ i dati raccolti possono essere analizzati per  stabilire il giusto  livello di  autorizzazione da  impostare sugli oggetti STRAUTCOL DLTAUTCOL   ENDAUTCOL QSYS2.AUTHORITY_COLLECTION  (vista  per  visualizzare/analizzare)
  15. 15. ©  2016   IBM  Corporation 15 Analisi  dei  dati  e  modernizzazione  di  soluzioni  di  rapportistica su  DB2  for  i   Soluzione  ad  alto  valore  aggiunto  per  la  sostituzione  di  Query/400 Implementa  tecnologia  di  astrazione  via  Metadati Sfrutta le  tecnologie di  DB2  for  i Advanced  Query  Optimization Intuitivo,  semplice,  modulare Accesso  alle informazioni di  business  per  interrogazioni,  rapportistica ed analisi IBM  DB2  Web  Query  for  i Installazione  ed  esecuizione su  IBM  i Accesso  via  http  (browser,  mobile)
  16. 16. ©  2016   IBM  Corporation 16 IBM  DB2  Web  Query  V2.2   q Annunciato il 12  Aprile 2016 q Con  SWMA  di  prodotto attiva aggiornamento  senza costi aggiuntivi dalle versioni precedenti q Supportato  con  IBM  i  7.1,  7.2  e  7.3 q ATTENZIONE:  la  V2.2  è  l’unica  versione  supportata  con  IBM  i  7.3 q Principali  novità q Nuove  funzioni  del  Developer  Workbench  (HTML  Canvas)  Mobile q Nuovi formati di  output  dei report q Integrazioni  con  database:  MS  SQL  Server,  MySQL,  Postgres  e  generici driver  JDBC  (richiesta la  versione Standard  Edition) Microsoft Windows 10 Wizard  Wizard  Analytics:  https://ibm.biz/DB2WQWizards End  User  Demos:  https://ibm.biz/db2wqreportingdemos   Getting  Started  Videos:  https://ibm.biz/db2wqgettingstarteddemos  
  17. 17. ©  2016   IBM  Corporation 17 • Cos’è?   • Cosa c’è di  Open  Source  in  IBM  i ? Open  Source  
  18. 18. ©  2016   IBM  Corporation 18 § Il  contributo della comunità accelera l’innovazione § IBM  i è  il posto più sicuro dove  sperimentare ed utilizzare Open  Source   § Integrazione “naturale”  delle App  con  il Database. § Grande  quantità di  dati e  di  logiche di  business  già esistenti che possono essere utilizzate dai nuovi linguaggidi  programmazione. § Se  l’IBM rilascia un  nuovo componente,  viene ‘integrato’  in  IBM  i § Apertura verso  applicazionie  sviluppatoridi  terze parti § Una  forza lavoro diffusa in  tutto il mondo – che conosce questo mondo !   § Formazione basata su numerose comunità § Spinta alla modernizzazione delle applicazioni § Competenze  solide  e  diffuse   Cos’è Open  Source  
  19. 19. ©  2016   IBM  Corporation 19 ▪ Prodotto  programma  – 5733OPS    Open  Source  for  IBM  i     ‒ disegnato  per  l’offerta  Open  Source  integrata  in  IBM  i   ‒ annunciato  con  IBM  i  7.1  TR9  e  IBM  i  7.2  TR1  in  Ottobre  2014 ‒ distribuito  automaticamente  e  gratuitamente  con  7.1,  7.2  e  7.3 http://www.ibm.com/developerworks/ibmi/techupdates/opensource Open  Source  for  IBM  i
  20. 20. ©  2016   IBM  Corporation 20 Nuove  opzioni  Open  Source qGit § Strumento  Open  Source  per  il  controllo  delle  versioni  utilizzato  dai  team  di  sviluppo § Rapido  ed  efficace,  lavora  anche  offline  in  assenza  di  connettività  con  il  server  centrale § Vari  progetti  software  utilizzano  Git   qTools § Fornisce  i  popolari  tool  .Zip,  .Unzip  e  bash  (interprete  di  comandi  per  interagire   con  il  sistema  operativo  ed  eseguire  programmi  e  script) qOrion § Ambiente  di  sviluppo  Open  Source,  basato  su  browser,  e  sottoprogetto di  Eclipse cloud development § Soluzione  integrata  per  lo  sviluppo  di  node.JS,  Python  e  RPG  moderno   quando  i  sorgenti  sono  memorizzati  nell’IFS    
  21. 21. ©  2016   IBM  Corporation 21 Le  interfacce moderne di  IBM  i § IBM  i  Access  Client  Solution   ‒ Soluzione  basata  su  Java  (Windows,  Linux,  Mac) ‒ NESSUNA  installazione,  caricabile  su  una  Pen   Drive  USB!   § IBM  i  Access  for  Web ‒ accesso  browser-­base  ad  IBM  i § IBM  i  Access  for  Web  Mobile ‒ accesso  ad  IBM  i  da  qualsiasi  dispositivo  Mobile   “Web  enabled“ ‒ facile  da  utilizzare  e  da  mettere  in  produzione
  22. 22. ©  2016   IBM  Corporation 22 Ultimo  rilascio di  System  i Navigator  è  7.1 Navigator  for  i è  l’alternativa L’accesso alla console  web  si ottiene semplicemente aprendo un  browser  al  link: http://systemname:2001
  23. 23. ©  2016   IBM  Corporation 23 IBM  Navigator  for  i Developerworks  community  -­ IBM  Navigator  for  i Supporto  Tape  (image  catalog) Nuova  Welcome  page  (Cruscotto  prestazioni) System  Monitor  (All  Metrics) Disk  Response  Time  Read  /  Disk  Response  Time  Write Graph  History Upload/download  IFS  files  ……
  24. 24. ©  2016   IBM  Corporation 24 IBM  Navigator  for  i – nuove funzioni
  25. 25. ©  2016   IBM  Corporation 25 Servizi di  raccolta e  performance  data  investigator  (PDi)
  26. 26. ©  2016   IBM  Corporation 26 Modello Batch   Richiede  installato  il  prodotto  programma  Performance  Tools  (5770PT1)  opzione  1 (Collegamento  a  IBM  i  navigator collegamento  a  knowledgecenter
  27. 27. ©  2016   IBM  Corporation 27 Funzione di  comparazione ed aggiornamento   PTF § Controllo incrociato di  PTs  e  Gruppi di  PTF  tra diversi sistemi § Invia ed installa PTFs  o  gruppi di  PTs  a  sistemi multipli
  28. 28. ©  2016   IBM  Corporation 28 3       Wizard 2      System   Groups 1        Target   Groups Funzione di  comparazione ed aggiornamento   PTF  (cont.)
  29. 29. ©  2016   IBM  Corporation 29 Monitor § Monitor  di  Sistema § Monitor  messaggi
  30. 30. ©  2016   IBM  Corporation 30 IBM  i  Access  for  Web webaccess/iWAHome
  31. 31. ©  2016   IBM  Corporation 31 § Nuova  soluzione  iAccess  basata  su  Java   – Gira  su  qualsiasi  piattaforma  Java • Windows  PC • Linux • MAC   § Funzioni  iAccess   – Sessone  5250 – Emulazione  stampante – Trasferimento  dati  (*.ods    &  *.xlsx)     – IBM  i  System  5250  Console – Run  SQL  Script – SQL  Performance  Center § Soluzione  portabile  – NESSUNA  installazione!   – Caricabile  su  una  Pen  Drive  USB  !   § Supporto  Windows  10 § Incluso  nella  licenza  IBM  i  Access  (XW1)   IBM  i Access  Client  Solutions
  32. 32. ©  2016   IBM  Corporation 32 IBM  i Access  e  il mondo Mobile http://Sistema:2011/iamobile/iWAHome
  33. 33. ©  2016   IBM  Corporation 33 IBM  i Mobile  Access § La  soluzione  IBM  i  Mobile  Access  si  basa  su  un  accesso  via   browser  ed  è  stata  ottimizzata  per  la  visualizzazione  su  ambienti   con  schermo  ridotto. § Facile  da  utilizzare  e  da  mettere  in  produzione § Semplice  indirizzo  URL  a  cui  connettersi § Forte  interazione  con  il  Sistema  Operativo  IBM  i – Viste  per  la  Gestione  del  Sistema – Stampe,  Database,  IFS,  Comandi,  Messaggi – Interfaccia  5250 http://server:2011/iamobile/iWAHome
  34. 34. ©  2016   IBM  Corporation 34 Si  configura con  due  semplici parametri CL  o  comando Qshell: – Comando CL: CFGACCWEB  APPSVRTYPE(*INTAPPSVR)  INSTANCE(*MOBILE) – Comando QShell in  /QIBM/ProdData/Access/Web2/install cfgaccweb –appsvrtype *INTAPPSVR  –instance  *MOBILE -­ Per  connettersi usare il seguente URL  su porta  2001  HTTP  *ADMIN http://system:2001/iamobile •  ADMIN5  utilizza la  porta  2011 – la  porta  2001/iamobile viene ruotata automaticamente – Si  può usare anche l’indirizzamento diretto: http://system:2011/iamobile/iWAHome IBM  i Mobile  Access  (cont.)
  35. 35. ©  2016   IBM  Corporation 353 I  nuovi  orizzonti  della  virtualizzazione   per    IBM  i
  36. 36. ©  2016   IBM  Corporation 36 • Aumenta  l’utilizzo  delle  risorse • Migliora  il  servizio • Migliora  la  flessibilità   • Riduce  i  costi  (HW,  spazio  fisico,  energia  e  licensing) • Rapida  risposta  alle    modifiche  e/o    nuove  necessità  di  business   ü infrastruttura  più  flessibile • Base  per  il  futuro Benefici  della  virtualizzazione
  37. 37. ©  2016   IBM  Corporation 37 Che cosa è una partizione? • Il partizionamento è il processo di suddivisione delle risorse hardware di un server tra sistemi logici separati. • Ciascuna partizione ha un ambiente di SO indipendente. • Ciascuna partizione esegue un proprio sistema operativo e ha associateproprie risorse. Le risorse sono i processori,memoria e slot I/O (fisici o virtuali). Da uno a tanti
  38. 38. ©  2016   IBM  Corporation 38 • Ciascuna partizione ha di proprio: –Il sistema operativo –Licensed Internal Code (LIC) e Open Firmware –Console –Risorse –Altre cose previste in un ambiente di sistema operativo autonomo come: •Log dei problemi •Dati (librarie, oggetti, file system) •Caratteristiche di performance •Identità di rete •Data e ora Ciascuna partizione logica può essere: – Modificata dinamicamente – Riallocata (Live Partition Mobility) – Sospesa/Resumed Caratteristiche di una partizione
  39. 39. ©  2016   IBM  Corporation 39 IBM Power Systems • Gestione della capacità: – Flessibilità nell'allocazione delle risorse • Consolidamento: –Hardware, spazio pavimento, licenze software, contratti manutenzione e supporto nonché  di  tutte  le  operazioni giornaliere  di  gestione – Efficiente utilizzo delle risorse • Isolamento delle applicazioni su una singola frame: – Carichi di lavoro separati – Risorse garantite – Integrità dei dati • Unisce ambienti di produzione e test: –Test sullo stesso hardware Benefici dell'utilizzo delle partizioni La possibilità di avere virtual Ethernet e device virtuali di I/O è il beneficio di utilizzare partizioni basate su processori a  tecnologia  che  va  da  POWER6 agli  attuali    POWER8
  40. 40. ©  2016   IBM  Corporation 40 IBM Power Systems • Licensing e per sistema perativo e si basa sui core abilitatiati. – Le feature processori parziali e pool di pocessore condiviso ha effettto sul licensing. • Le licenze di applicazioni fornite da terze parti può variare modalità rispetto  al  SO.lità IBM hardware Operating systems Other software Software licensing
  41. 41. ©  2016   IBM  Corporation 41 •POWER Hypervisor è il firmware che fornisce: –Gestione della memoria virtuale: •Controlli page table e I/O access •Gestione dell'indirizzamento della memoria reale contro gli indirizzi offset di memoria –Supporto Virtual console –Sicurezza e isolamento tra partizioni: •Le prtizioni hanno accesso solo alle risorse ad esse allocate (vincolate da POWER Hypervisor) -­-­ Gestione di  più pool processori condivisi Hardware di  sistema   (memoria, processori,   dispositivi) LPAR1 LPAR2 LPAR3 LPAR4 Sicurezza  e  isolamento  tra  partizioniPOWER Hypervisor Funzioni POWER Hypervisor
  42. 42. ©  2016   IBM  Corporation 42 • HMC fornisce: – Virtual console windows – configurazione e gestione operativa di LPAR – Gestione della Capacity on demand (CoD) –Tool di servizio – Accesso a funzioni LPM – Controllo  andamento  prestazioni  delle  partizioni • PC-­based console: – Esegue un Linux personalizzato e applicazioni Java – Accessibile remotamente – Connessa al processore di servizio su rete privata o rete aperta Desktop Rack-­mount Hardware Management Console
  43. 43. ©  2016   IBM  Corporation 43 Hardware  Management  Console – Virtual  Appliance Ø HMC-­VA  si  basa  sul  livello  codice  HMC  V8.8.4  e  può  essere  utilizzato  per  gestire   P6,  P6+,  P7,  P7+  e  P8 Ø HMC-­VA  fornisce  le  seguenti  funzionalità: ØHW,  Servizi  e  gestione  della  virtualizzazione  per  sistemi  Power   ØLe  stesse  funzionalità  dell‘HMC  tradizionale ØEsegue  come  una  Virtual  Machine  (VM)  su  un  server  X86,  sia  con     VMware  ESX  V5  o  RHEL  KVM6.x  virtualizzati  sotto  KVM Ø Risorse  necessarie: Ø4  Core Ø8GB  memoria Ø120GB  disco Ø2  interfacce  di  rete
  44. 44. ©  2016   IBM  Corporation 44 IBM Power Systems • Fornisce supporto per LPAR in assenza di una HMC fisica: –Gestisce un singolo server • Il software IVM esegue nella partizione Virtual I/O Server. – Fornisce un subset di funzionalità HMC • Hypervisor è stato modificato per abilitare il VIOS alla gestione di un server partizionato senza una HMC. –Regole implicite di configurazione e setup • E' richiesto che il server non sia partizionato. • Il primo sistema operativo installato deve essere il VIOS (unico non doppio). – La partizione Virtual I/O server possiedetutto l'I/O fisico • Le partizioi client possono accedere a virtual optical, dischi virtuali, virtual Ethernet, IVE e console. IBMi AIX LinuxVIOS IVM Virtual LAN POWER Hypervisor Integrated Virtualization Manager
  45. 45. ©  2016   IBM  Corporation 45 IBM Power Systems • Asssegnati come processori interi ad una specifica partizione • La  partizione,  quando  esegue,    utilizza  lo stesso processore fisico. – Quando la partizione è spenta i processori dedicati possono o meno essere restituiti al pool di processore condiviso. – Quando la partizione è attiva, dai sistemi POWER6 è  permesso ad una LPAR con processore dedicato di donare i suoi cicli inutilizzati (idle) al     pool di processore condiviso. • Per  migliorare  le  prestazioni,  è   utilizzata  l’affinità  di  processore. LPAR Dedicato Processorefisico Processorefisico Processori dedicati
  46. 46. ©  2016   IBM  Corporation 46 I • Capacità di processore assegnata in unità di elaborazione dal pool di elaborazione condiviso: – Minimo per partizione è 0.05 unità di elaborazione. – Capacità aggiuntiva può essere allocata 0.01 di unità di elaborazione. • La quantità garantita di una partizione è la sua capacità di diritto (entitled) • Vantaggi: – Flessibilità di configurazione – La capacità in eccesso può essere utilizzata dalle altre partizioni. • Micro-­partizione: Una partizione che utilizza processori condivisi. Processori condivisi LPAR LPAR Condiviso Pool di processorecondiviso
  47. 47. ©  2016   IBM  Corporation 47 IBM Power Systems • L'esempio mostra un time slice di 10 ms, sette partizioni in esecuzione e quattro processori. – Una partizione può eseguire su più processori in funzione dellea  sua   capacità entitled. Processori fisici Partizione 1 Partitione 2 Partizione 3 Partizione 4 Partizione 5 Partizione 6 Partizione 7 P P P P 10ms Pool di processorecondiviso Pool di processore condiviso
  48. 48. ©  2016   IBM  Corporation 48 IBM Power Systems • Partizioni con processori condivisi possono essere sia capped che uncapped. • Capped: Limitate alla capacità di diritto (entitled). • Esempio: 1.5 unità di elaborazione capped indica che una partizione può utilizzare fino a un massimo di 15 ms di tempo di esecuzione durante ciascun time  slice di  10  ms. Partizioni Capped Unità totale di elaborazione La partizione può utilizzare cicli CPU fino alla sua capacità ― guarantita. I cicli in ecccesso sono restituiti  al  pool  condiviso.
  49. 49. ©  2016   IBM  Corporation 49 IBM Power Systems • Uncapped: se una partizione necessita di cicli extra CPU (oltre la sua capacità entitled), può utilizzare la capacità inutilizzata nel pool condiviso. • Esempio: Una partizione uncapped con 1.5 unità di elaborazione ha la certezza di utilizzare 1.5 unità, ma potrebbe utilizzrne di più se fosse necessario (e se il più risultasse disponibile). • Tutte le partizioni uncapped condividono la capacità inutilizzata basata sulla ponderazione definita dall'utente. • La  scala  dei  pesi  va  da  0  a  255 Unità    totale processore © Copyright IBM Corporation 2010 Partizioni uncapped
  50. 50. ©  2016   IBM  Corporation 50 IBM Power Systems • I processori virtuali sono utilizzati per informare il sistema operativo di quanti processori fisici deve pensare di avere. –Il sistema operativo in LPAR2 non vedrà 1.75 unità di elaborazione ma i processori virtuali configurati. • Nell'esempio, ciascuna partizione vede quattro processori. Processori virtuali
  51. 51. ©  2016   IBM  Corporation 51 • Il numero di processori virtuali non cambia la capacità entitled. • Esempio: Una partizione ha 1.5 unità di elaborazione capped. – Per ogni time slice 10 ms, la the partition ha diritto a 15 ms di tempo di elaborazione (processing time) – Se sono due i processori virtuali: •7.5 ms eseguono su due processori fisici. – Se sono 4 i processori virtuali: •3.75 ms eseguono su quattro processori fisici. • Per partizioni uncapped, le performance potrebbero risultare limitate se i processori virtuali sono impostati ad un  valore  basso. valore basso. – Il numero di processori fisici simultanei è limitato dall'impostazione virtual processore dal numero di processori nel pool. – Ciascun processore virtuale vale fino a 10 ms tempo di elaborazione. Processori virtuali  -­ considerazioni
  52. 52. ©  2016   IBM  Corporation 52 Diverse versioni di PowerVM per le diverse esigenze dei clienti Versioni PowerVM (Editions) Offrono una soluzione unica di virtualizzazioneper tutti  i   carichi di lavoro Power § PowerVM Standard Edition – Implementazione in produzione – Server consolidation § PowerVM Enterprise Edition – Multi-­server – Infrastrutture Cloud * IVM supporta solo un singolo Virtual I/O Server Funzioni Standard Enterprise Numero max VMs 20 per core 1000 / Server 20 per core 1000 / Server Gestione VMControl, IVM*, HMC, PowerVC, FSM VMControl, IVM*, HMC, PowerVC, FSM Virtual I/OServer P / (Dual) P / (Dual) Sospendi/Riprendi 3 3 NPIV 3 3 Shared ProcessorPools 3 3 Shared StoragePools 3 3 Thin Provisioning 3 3 ActiveMemory Sharing Video (00:02:07) 3 LivePartitionMobility Video (00:02:07) 3 PowerVP PerformanceMonitor 3 SR-­IOV 3 3
  53. 53. ©  2016   IBM  Corporation 53 IBM Power Systems •Collegamento standard IEEE 802.1Q (VLAN) ad un virtual Ethernet switch – Fino a 16 virtual switch •Può essere utilizzata dalle LPAR dello stesso CEC per comunicare tra di loro • Hardware  Management console viene utilizzata per creare gli adattatori,   assegnare  gli    ID  VLAN  e generare i MAC address • I pacchetti vengono copiati tra le memorie delle partizioni Virtual Ethernet adapter
  54. 54. ©  2016   IBM  Corporation 54 Virtual I/O Server – Virtual  SCSI
  55. 55. ©  2016   IBM  Corporation 55 IBM Power Systems • Collega le reti esterne alle VLAN interne – Permette alle partizioni di comunicare con l'esterno senza un proprio adattatore fisico. • Virtual I/O Server può gestire la priorità dei pacchetti in transito (QoS). – Capacità dell'adattatore Ethernetcondiviso di individuare il traffico prioritario e quindi di ripartire la larghezza di banda in base a tali priorità di traffico. –Il traffico a priorità più alta è inviato più velocemente utilizzando maggiore larghezza di banda del VIOS. adapter) Virtual I/O Server -­ Adattatore  condiviso  ethernet  (SEA)
  56. 56. ©  2016   IBM  Corporation 56 VIO client VIOS NPIV SAN IBM 4700 LUNEMC 5000 LUN IBM 2105 LUN EMC 5000 LUN Virtual FC adapters Pass through module PCIe 8 Gbit Fibre Channel adapters • La virtualizzazione  N-­Port  (NPIV)   semplifica la gestione dell'ambiente Fibre Channel SAN: – Standard industriale per la virtualizzazione Fibre Channel che permette di mappare multipli ID N_Port a porte fisiche Fibre Channel • N_port è la porta dell'adattatore – Permette alle LPAR di avere N_Port ID dedicate (proprio come per le  HBA fisiche dedicate) – Le schede FC e i switch di primo livello devono supportare NPIV Virtual I/O Server: Virtualizzazione N_Port ID
  57. 57. ©  2016   IBM  Corporation 57 IBM Power Systems •Simplifica le operazioni di salvataggio/ripristino con tape virtuali: – Con  Virtual  SCSI  sono   supportate solo unità nastro SAS – Le  Unità nastro Fibre Channel SAN sono supportate tramite virtualizzazione N-­port ID N-­port ID (NPIV). Virtual I/O Server: Virtual tape
  58. 58. ©  2016   IBM  Corporation 58 Single  root virtualization per  Ethernet   • Virtualizzazione    semplificata  con  o  senza  VIOS • Con  il  controllo  del  quality of  service  per  definire  la  banda  minima  per   la  partiizione • Un  singolo  slot,  fornisce  Eternet  a    multiple  partizioni • A  partire  dai  Power7+  (770  e  780  modelli  D)  
  59. 59. ©  2016   IBM  Corporation 59 IBM Power Systems • Fino a 48 partizioni possono condividere un adattatore SR-­IOV per connessioni Ethernet senza utilizzare il Virtual I/O Server. – Multipli modelli con un mix di porte fisiche 1 Gb e 10 Gb – Possono essere designate desiderate capacità (%) per porta logica • La virtualizzazione necessita di PowerVM standard o Enterprise Edition – PowerVM Express abilita l'adattatore SR-­IOV solo a una singola partizione. • Richiede una HMC V8R810 e un server firmware FW780.10 (AM780_056) • I livelli minimi di sistemi operativi per la funzionalità SR-­IOV function: – VIOS 2.2.3.3, AIX 6.1 TL9 SP2 e AIX 7.1 TL3 SP2 – SLES Linux Enterprise Server 11 SP3 – Red Hat Enterprise Linux 6.5 – I BM i 7.1 TR8 Single  root virtualization per  Ethernet  
  60. 60. ©  2016   IBM  Corporation 60 IBM Power Systems • Muove partizioni in esecuzione, IBM i, Linux e AIX, da un server Power ad un altro. • Continuità di servizio – Elimina molte  interruzioni  pianificate. • Bilanciamento del Workload • Richiesti: – da  POWER6 a nuovi sistemi • Le partizioni logiche devono avere  solo adattatori virtuali PowerVM Live Partition Mobility
  61. 61. ©  2016   IBM  Corporation 61 IBM Power Systems •Suspend è la possibilità di salvare lo stato di una partizione (memoria, NVRAM, stato dei device e altro) su disco fisico, in modo da rendere disponibili le risorse da questa utilizzata, destinandole ad altri usi. • Resume è la possibilità di riprendere il funzionamento di una partizione e le sue applicazioni sia sullo stesso server che su un server differente*. • Hardware  Management Console mostra lo stato partizione come Sospeso – Lo stato di una partizione è protetto da qualsiasi guasto server. • Richiesto come minimo: hardware POWER7, firmware 720, PowerVM Standard Edition*, e HMC V7R7.2 o qualsiasi versione FSM –* Richiesto PowerVM Enterprise Edition per muovere le LPAR a differente server. Suspend e Resume di una partizione
  62. 62. ©  2016   IBM  Corporation 62 PowerVC  &  IBM  i    
  63. 63. ©  2016   IBM  Corporation 63 IBM  i:  incorpora  le  potenzialità  cloud • Installazione  via  rete  di  tutto  il  software  IBM  i  per   operazioni  più  efficienti • Sospensione/recupero della  partizione  IBM  i  per   uso  ottimizzato  delle  risorse • Gestione  delle  immagini  virtuali  per  la   definizione  e  il  deploy  delle  partizioni • Live  Partition  Mobility  (LPM)  per  mantenere  in   esecuzione  i  carichi  di  lavoro  in  in  caso  di   manutenzione  dei  sistemi
  64. 64. ©  2016   IBM  Corporation 64 Requisiti IBM  i § Per  un  elenco  completo  dei  requisiti  hardware  e  software,  per  la  configurazione   e  la  pianicazione  fare  riferimento  al  link: "Planning  for  IBM  Power  Virtualization  Center  Standard” § Prerequisiti  specifici  per  IBM  i: – Nel  caso  di  sistemi  IBM  POWER7,  POWER7+,  POWER8  il  livello  minimo  di  firmware  deve  essere   FW750 § Solo  le  versioni  7.1 e  7.2 sono  supportate § Live  Partition  Mobility  (LPM)  per  IBM  i richiede  inoltre: • Technology  Refresh  TR7 per  IBM  i  7.1 • In  caso  di  sistemi  Power8  è  richiesto  TR8 per  IBM  i  7.1 § Installazione  dell’activation  engine  su  IBM  i § Prima  di  catturare  l’immagine  di  una  partizione    IBM  i,  è  necessario  ordinare  ed   installare  le  seguenti  correzioni  (PTF)  per  avere  il  livello  minimo  di  activation   engine  da  usare  con  PowerVC • PTF  SI54675 and  SI55013for  IBM  i  7.1   • PTF  SI54660 for  IBM  i  7.2 § IBM  i richiede  il  livello  di  HMC  8.8.1
  65. 65. ©  2016   IBM  Corporation 65 CALL  PGM(QSYS/QAENGCHG)  PARM(*ENABLE) DSPJOBLOG,  F10 L’utente  che  immette  il  comando   deve  avere  le  seguenti  autorità   speciali: ü *ALLOBJ ü *AUDIT ü *IOSYSCFG ü *JOBCTL ü *SAVSYS ü *SECADM ü *SERVICE ü *SPLCTL Spegnere  la  partizione  con  il  comando: PWRDWNSYS  OPTION(*IMMED)  RESTART  (*NO) Preparazione della partizione IBM  i alla cattura
  66. 66. ©  2016   IBM  Corporation 66 HW  e  gestione  
  67. 67. ©  2016   IBM  Corporation 67 Fuel  Gauge  for  1.9TB  RI  SSD q Esempio per  IBM  i ,  ma  equivalente per  altri sistemi operativi q SSD  Fuel  Gauge  fornisce statistichedi  uso e  informazioni di   servizio relative  ai dischi Read  Intensive  SSD   (si avvia richiamando il programma QSMGSSTD) q Link:    Developerworks/ibmi/techupdates/hw/issdfuelgauge q Informazioni fornite per  ciscunRI  SSD: q Resource  name q Location  code q Part  number q Drive  serial  number q Drive  firmware  level q Number  of  bytes  written  to  SSD q Number  of  written  bytes  supported q Life  remaining  gauge q PFA  trip  (Predictive  Failure  Analysis  warning  has  been   logged) q Power  on  days Read  intensive  SSD
  68. 68. ©  2016   IBM  Corporation 68 Connessione native  o  tramite VIOS  NPIV  a  sistemi Flash   – Alternativa a  dischi SSD  (per  prestazionida  F1) – Precedentemente IBM  i richiedeva SVC  per  configurazioni Flash  System – Configurazionisupportate: • Attacco diretto nativo • VIOS  NPIV  e  nativo SAN  tramite switches   – SOLO  da  IBM  i 7.2  TR  2  e  V7R3 – Flash  System  900 – Verificare SSIC  per  il supporto di  future  configurazioniFlash  System   Connettività Flash  System IBM  i e  Storage
  69. 69. ©  2016   IBM  Corporation 69 Connessione native  degli adattatori 16  Gb  FC – Precedentemente IBM  i richiedeva configurazioni con  switch – Verificare SSIC  per  il supporto di  sistemi Storage  Systems   • Tramite il sito sottomettere una richiesta (SCORE)  per   specifiche configurazioni – IBM  I  V7R3,  IBM i 7.2  TR  2  e  IBM  i 7.1  TR  10 IBM  i 16  Gb  FC  attacco diretto IBM  i e  Storage IBM  System  Storage Interoperation  Center  (SSIC) SSIC  matrice  di  compatibilità  storage
  70. 70. ©  2016   IBM  Corporation 70 Supporto SAN  multipath  per  unità nastro • Riduce al  complessità delle configurazioni • Il  recupero di  un  errore di  percorso precedentemente poteva richiedere la  riconfigurazione della SAN • Permette la  ridondanza fino a  8  paths • Deve essere specificato un  percorso preferenziale • Supportate connessione native  ed NPIV  tramite VIOS • LTO5  (3580-­005)  e  LTO6  (3580-­006)  drives  in  librerie nastro o   espansioni 7226 • 3592-­E07  e  3592-­E08  in  librerie nastro • SOLO  da  IBM  i 7.2  TR  2,  7.3 Supporto Multipath  per  unità nastro IBM  i e  Storage
  71. 71. ©  2016   IBM  Corporation 71 Link  utili IBM  i  7.3  -­ Base  Enhancements IBM  i  7.3  can  deliver  significant  client  value  for  database  and  security,  and  support  for  industry-­leading   workloads  like  analytics  and  mobile   computing Lettera  di  annuncio  V7R3 Lettera  di  annuncio  V7R2  TR4 BM  i  7.2  TR4  offers  performance,  usability,  and  integration  enhancements IBM  i  Memo  to  users  V7R3 Memo  to  users
  72. 72. ©  2016   IBM  Corporation 72 BACKUP
  73. 73. 73 IBM  i:  presente  e  futuro http://ibm.co/23y3TMv

×