Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

Motivazione

  • Identifiez-vous pour voir les commentaires

Motivazione

  1. 1. LA MOTIVAZIONE www.esamedistato-psicologia.it
  2. 2. Motivazione• Aspetto dinamico della condotta e le fonti e modalità di utilizzo dell’energia psichica necessaria per l’avvio o il mantenimento di una certa attività.• Th BIOLOGICA• Concezione COMPORTAMENTISTA: motivazione come comportamento• Prospettiva COGNITIVISTA: motivazioni e bisogni mutano in rapporto al n di info provenienti dall’ambiente che l’organismo è in grado di elaborare• Pdv SCOPISTICO: motivazione come scopo• Pdv INTERAZIONISTA: motivazioni suscitate, alimentate e regolate dai processi relazionali• FREUD: pulsioni come primum moven www.esamedistato-psicologia.it
  3. 3. I livelli della motivazione:• RIFLESSI: risposte innate, automatiche e involontarie con funzione di difesa o di regolazione• ISTINTI: sequenze congenite di comportamenti specie-specifici,• BISOGNI E PULSIONI• MOTIVAZIONI PRIMARIE E SECONDARIE www.esamedistato-psicologia.it
  4. 4. Mc Clelland• BISOGNO DI AFFILIAZIONE• BISOGNO DI SUCCESSO• BISOGNO DI POTERE www.esamedistato-psicologia.it
  5. 5. Alcuni autori inseriscono tra le motivazionisecondarie il BISOGNO DI ATTACCAMENTO (per Bowlby è una motivazione primaria) www.esamedistato-psicologia.it
  6. 6. Maslow (1954) MODELLO GERARCHICO DEI BISOGNI La soddisfazione dei bisogni elementari è lacondizione per l’emergere dei bisogni più evoluti • Bisogni di trascendenza • Bisogni di realizzazione di sé • Bisogni di riconoscimento e stima • Bis di appartenenza e amore • Bisogni di sicurezza • Bisogni fisiologici www.esamedistato-psicologia.it
  7. 7. Lewin:•Fenomeni motivazionali come conseguenza diinterazione tra persona e ambienteMurray:•Bisogno + pressione = evento•20 bisogni psicologici fondamentali classificati incategorie: Viscerogeni vs psicogeni, manifesti vs latenti, focali vs diffusi, proattivi vs reattivi, d’effetto vs modali www.esamedistato-psicologia.it
  8. 8. www.esamedistato-psicologia.it

×