Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

ITALIAN.NEWS.ZURIGO: GIFFONI FILM FESTIVAL 2014

73 462 vues

Publié le

My article about Giffoni Experience 2014

Publié dans : Mode de vie
  • Soyez le premier à commenter

ITALIAN.NEWS.ZURIGO: GIFFONI FILM FESTIVAL 2014

  1. 1. swiss multikulti lifestyle magazine, Italiannews.ch - Nr. 27 September 2014, Chf- 4.- Il nobile CLOTHING & SHOES ROTARY GOLF TROPHY 14 M O R E N A A LT I E R I CARLO PETRINI MICHELE MESCIA Shakira
  2. 2. Inhalt SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE EDITORIAL 5 - redaktionelle GABRIELA GROPPETTI 7 - Editoriale di Pina Bevilacqua 9 - Editorial by Brian Basnayake 11 - editorial Carla Bordoli Crivelli Visconti MODA 12 - MARK VANDERLO & CLEMENT CHABERNAUD, THE STARS OF THE AUTUMN/WINTER 2014 CAMPAIGN 13 - IL NOBILE - CLOTHING & SHOES 14 - Autunno-Inverno 2014/2015 15 - AEROWATCH EVENT 16 - International Golf Travel Market (IGTM) tees up first-ever event in Italy 18 - Bimillenario di Augusto TOURISM 20 - With love from London COMMUNICATION 22 - NIXON 53 - I LUOGHI DEL CUORE Music 24 - MORENA ALTIERI ED I SUOI INNUMEREVOLI SUCCESSI E PROGETTI 26 - uscite cd musicali 28 - GENTE DI MARE - CONCERTO 37 - PINK FLOYD THE WAL - CONCERTO 40 - TOP 20 CINEMA 29 - GIFFONI FILM FESTIVAL 38 - FILM IN PROGRAMMAZIONE ENOGASTRONOMIA 41 - CARLO PETRINI - SALONE DEL GUSTO 42 - Ramón Freixa Designs New Gourmet Offerings for Iberia’s Business Pa ssengers in Europe 47 - Eccellenze di Calabria PERSONALITY 48 - l’ultimo viaggio della Concordia E-BOOK 51 - MICHELE MESCIA - IL SARTO DEI PRESIDENTI 52 - PREMIO CAMPIELO SPORT 54 - Zürich 2014: European Athletics Championships 56 - Knabenschiessen and the Shooting Star s of Zurich INEWSSPAIN 57 - Michael Campbell’s holistic view of Golfing 62 - Picture-Postcard Luxury on Mallorca 66 - FRANCISCO: UN PAPA JESUITA INEWS KUNST 69 - ARTE MEDITERRANEA 14 70 - I Fotoconcetti di Pierpaolo Lista 74 - Rosario Mazzella 76 - Galerie ReichLin 83 - Keller Galerie Zürich swiss multikulti lifestyle magazine, Italiannews.ch - Nr. 27 September 2014, Chf- 4.- Il NobIle CloTHING & SHoeS ROTARY GOLF TROPHY 14 M o R e N A A LT I E R I CARLO PETRINI MICHELE MESCIA Shakira Meret Schädeli, giovane contadina bio di Uettligen. Per i prossimi 20 anni. Da oltre 20 anni Naturaplan è sinonimo di gusto autentico e naturale, perché ogni prodotto Naturaplan è un capolavoro di Madre Natura. In quanto pionieri del bio siamo orgogliosi di continuare ad offrirvi anche in futuro il più ampio assortimento di prodotti biologici di tutta la Svizzera. E siamo pronti ad affrontare i pros-simi 20 anni, lavorando fianco a fianco con la nuova generazione di agricoltori bio. Per amore della natura. www.naturaplan.ch
  3. 3. Editorial Liebe Leserinnen, liebe Leser, jetzt haben wir doch noch das Vergnügen, eine "Saure Gurken-Zeit"- Story zu lesen. Übrigens stammt der im Journalismus neu interpretierte Ausdruck "Saure Gur-ken- Zeit" aus dem 18. Jahrhundert, als es im Sommer wenig frische Lebensmittel gab und man daher auf Ein-gemachtes zurückgreifen musste. Nun, ans Eingemach-te dürfte es jetzt auch dem Badener Stadtammann Geri Müller gehen. Im Amtshaus geschossene Unterleibs- Selfies verschicken, das steht einem Politiker nicht gut zu (?) na ja, Gesicht. Ich frage mich einfach, weshalb Männer, für deren Karriere mitsamt deren Annehmlichkeiten die meisten Menschen barfuss um den halben Erdball gehen wür-den, immer wieder ihr Hosentürchen nicht im Griff ha-ben. Also der Griff, der muss ab und zu sein, aber zur falschen Zeit und am falschen Ort ist der als Fehlgriff zu bezeichnen. Erinnern wir uns an USA-Präsident Bill Clinton (die Zigarren-Affäre im White House). Oder an Boris Becker (Besenkammer, das uneheliche Kind). Dann Dominique Strauss-Kahn, Oberhaupt des Interna-tionalen Währungsfonds (Angriff auf Zimmermädchen). Weiter Italiens Präsident Silvio Berlusconi ("Bunga Bunga"-Partys und sonstige Schweinigeleien). Psychologen sagen dazu, dass Machtmenschen enorm von sich selbst überzeugt sind und deshalb glauben, alle und vor allem jede Frau müssten sie toll finden, was schlussendlich in den Teufelskreis der Selbstüber-schätzung führen würde. Aber bedingt das auch dass der Intellekt aus- und die niedrigen Triebe eingeschaltet werden? Eine kleine Umfrage im Freundinnenkreis hat ergeben, das solch schwache Männer weder im eigenen Haus-halt, in der Sportszene, in der Politik oder sonstigen Ämtern, etwas zu suchen haben. Weshalb demontieren sich diese Menschen im vollen Bewusstsein andere vor den Kopf zu stossen, gar zum Gespött zu werden ? Nie-mand weiss darauf eine Antwort, also warten wir auf das nächste Skandälchen. Erotisch-Ästhetisches anschauen finde ich hingegen toll. Zum Beispiel das Titelbild von I News im letzten März: Wow, Rafael Nadel mit Sixpack und lasziven Blick. Oder die sexy Damen in exklusiver Wäsche von Beldo-na, die kunstvollen Bilder aus dem Campari-Kalender, die I News publiziert: So etwas macht Freude. Und dann noch ein Wort zur Mode: "Jogginghosen sol-len im Herbst die Bankerwelt erobern" meint US-Mode-zar Michael Kors. Kombiniert mit Blazern und Hemden könne dieser Stile auch bald an der Wallstreet zu sehen sein. Da bin ich mir nicht unbedingt sicher. Einen Vorteil hätte Casual in den Chefetagen jedoch: Jogginghosen haben kein Hosentürchen. Mit schmunzelnden Grüssen Ihre Gabriella Groppetti Impressum Verlag Antonio Campanile Editorial Direktor Pina Bevilacqua Testimonial VIP Piero Esteriore Direktor Marketing/ Werbung Antonio Campanile Chefredaktor Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion) Redaktion Sabrina Tortomano Thomas Lang Luana Nocco Marco Montini Antonella Montesi Massimiliano Teramo Pietro De Seta Giuseppe Iacovo Emanuele Iacovo Rocco Delli Colli Palma Bucarelli Gianni Barone Beatrice Feo Filangeri Dalia Sgarbis Gianni Motori Vincenzo Muni Mariella Nica Italo Caroli Antonella Millarte Salvatore Tramontana Eugenio Forestrieri Rita Albrecht Pino Laudano Bruno Sonetto Erika Ventura Isabella Pileri Redaktion Chur Cosimo Vonghia Antonio Sellito Redaktion Tessin - Via Peri Lugano Rita Albrecht Ludovico Gentile Antonio Varrica Nicola Cathieni Redaktion Vienna Erich Bauer Redaktion Basilea Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Redaktion mosca Antonella Rebuzzi redaktionmoskau@italiannews.ch Brenda Liquadri Redaktionlondon@italiannews.ch Redaktion Rom Alfonso Benevento Angela Verde Michele Viola Redaktion Mailand Eugenio Forestieri Redaktion Turin Francesco Mescia Redaktion Sizilien Francesco Di Dario Rita Pennisi Redaktion Apulien Eustachio Cazzorla Nicola Tramonte Domenico Potenza Redaktion PARMA Giuseppe Laudano Redaktion bologna Simona Artanidi Redaktion ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri Marketing/ Werbung News@campanile.ch Graphics: Morena Fiorucci Art Director: Paolo Ugolini Web Master: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHER Claudio Giuliani Nuccio Mastrogiacomo Rocco Lamparelli Patrizio De Michele Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat www.fb-photografie.ch Patrick Frischknecht Abo-Service Redaktion@italiannews.ch Druckzentrum VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich Verlag INews Campanile Baumgartenstr. 26 8902 Zürich – Urdorf Mobile +41 79 405 39 85 Redaktion@italiannews.ch - news@campanile.ch Abbonamento / soci CHF 100.- Monatliche Ausgabe 4 INEWS INEWS 5
  4. 4. Impressum Editore Antonio Campanile Direttore Editoriale Pina Bevilacqua Testimonial VIP Piero Esteriore Direzione Marketing&Pubblicità Antonio Campanile Capo Redattore Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion) Redazione Sabrina Tortomano Thomas Lang Luana Nocco Marco Montini Antonella Montesi Massimiliano Teramo Pietro De Seta Giuseppe Iacovo Emanuele Iacovo Rocco Delli Colli Palma Bucarelli Gianni Barone Beatrice Feo Filangeri Dalia Sgarbis Gianni Motori Vincenzo Muni Mariella Nica Italo Caroli Antonella Millarte Salvatore Tramontana Eugenio Forestrieri Rita Albrecht Pino Laudano Bruno Sonetto Erika Ventura Isabella Pileri Redazione Coira (CH) Cosimo Vonghia Antonio Sellito Redazione Ticino - Via Peri Lugano Rita Albrecht Ludovico Gentile Antonio Varrica Nicola Cathieni Redazione Vienna Erich Bauer Redazione Basilea Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Redazione mosca Antonella Rebuzzi redaktionmoskau@italiannews.ch Brenda Liquadri Redaktionlondon@italiannews.ch Redazione Roma Alfonso Benevento Angela Verde Michele Viola Redazione Milano Eugenio Forestieri Redazione Torino Francesco Mescia Redazione Sicilia Francesco Di Dario Rita Pennisi Redazione Puglia Eustachio Cazzorla Nicola Tramonte Domenico Potenza Redaktion PARMA Giuseppe Laudano Redaktion bologna Simona Artanidi Redaktion ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri Marketing/ Pubblicità News@campanile.ch Grafica: Morena Fiorucci Art Director: Paolo Ugolini Web Master: Claudio Giuliani Fotografi Claudio Giuliani Nuccio Mastrogiacomo Rocco Lamparelli Patrizio De Michele Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat www.fb-photografie.ch Patrick Frischknecht Abbonamenti Redaktion@italiannews.ch Tipografia VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich Casa Editrice INews Campanile Baumgartenstr. 26 8902 Zürich – Urdorf Mobile +41 79 405 39 85 Redaktion@italiannews.ch - news@campanile.ch Abbonamento / soci CHF 100.- Monatliche Ausgabe Editoriale E se la Svizzera dicesse la sua… Mala tempora currunt. È in fiamme l’Africa, il con-tinente giovane che ora avrebbe dovuto rappresen-tare la speranza del pianeta se solo lo si fosse la-sciato crescere e prosperare, senza che il malaffare e la prepotenza dei cosiddetti Paesi sviluppati non l’avesse innaturalmente bloccato. I problemi Iraq e Libia, l’eterno focolaio mediorientale, mentre l’Euro-pa si ritrova un’altra spina nel fianco: il delicatissi-mo braccio di ferro tra Russia e Ucraina. Intanto la crisi economica globale morde buona parte del Sud del mondo e, mentre gli Stati Uniti sbandierano la coccarda della ripresa (a dire la verità l’ennesima degli ultimi anni), frena la Cina, e anche la Germa-nia, coriacea locomotiva dell’Ue, mentre i Paesi che dovevano finanziariamente esplodere (vedi Brasile, India…) continuano più o meno ad annaspare nel mare delle contraddizioni interne che non possono proprio produrre crescita. Come se non bastasse alla finestra dei grattacapi generali si riaffaccia l’Ebola, mentre i barconi dell’immigrazione selvaggia semi-nano morte nel Mediterraneo. Così restano pochi ‘paradisi’ in questo confuso scacchiere mondiale, pochi, tra cui la nostra Svizzera. Piccola, ma forte, della sua stabilità politica, sociale e commerciale, che potrebbe fare scuola. O il Vaticano, tornato fortissimo sotto Francesco, Papa dolcissimo quanto risoluto. E se fossero proprio queste piccole grandi realtà, con il loro esempio e la loro mediazione, la miccia per far scoppiare pace e prosperità per il glo-bo, i jolly del mondo? Peccato che non sta al mondo giocarseli… Cordialmente Pina Bevilacqua 6 INEWS INEWS 7
  5. 5. Editorial Dear Readers, It is not often that experts, leave alone amateur mete-orologists, get it right. We too got the weather fore-cast for summer abjectly wrong this year. We would not have got such awfully bad weather even if we had wished for it. Indeed, this summer will most likely go down in the annals as the worst on record! In spite of all that, we dearly hope that all of you who took their summer holidays did indeed have a splendid time and are back fully charged and brim-ming with confidence to face the stress and strain of everyday lives. As we write, summer is not yet over and, although temperatures are not what it should be at this time of year, we hope we will still enjoy the delights of a late summer in the weeks ahead. It has not been a good summer elsewhere either, least of all in the trouble spots of Ukraine and the Middle East. Therefore, if it is not the weather or other natu-ral catastrophes then it is human folly that is making this world an increasingly dangerous and unpleasant place for a growing number of people right across the globe. One cannot but wonder, in this year of the centenary anniversary of the start of the First World War, if there had ever been an epoch fraught with such dangers and widespread suffering as the pre-sent one is. Switzerland has a unique place in history because of its role as a neutral party in the two world wars that dramatically changed the western world as well as the far-flung territories of the imperial nations of Europe. As wars rage across parts of the globe, it is indeed time for Switzerland to reflect on its long-standing policy of neutrality and engagement in the interests of peace. It is certainly not the time for Swit-zerland to pander to the interests of purely egoistical nations. Fortunately, it has not been only doom and gloom this summer. There were some wonderful and me-morable moments for great many people across the world. We too in Switzerland enjoyed what became, undoubtedly, a superb football World Cup Final in Brazil and the European Championships in athletics right at our doorstep in Zurich. Zurich2014 at the Letzigrund and the streets of this charming city was a thoroughly impressive event and, although the Swiss team fell short of our expectations, the organizers did indeed come up with a well-managed and of-ten spectacular festival of sports. Unfortunately, the weather played foul on some days, but it could not completely dampen the spirits of the organizers and most of the spectators. The organizers truly deserve all the praise for a job done so well and for bringing all that enthusiasm to the festival through the hund-reds of volunteers and helpers. As the summer draws to a close, we will wait hoping for a glorious autumn to make winter more welco-ming and less fearsome in our fortified minds. It is during this seasonal transition that the city of Zurich holds its traditional assault-rifle shooting competition for youngsters between the ages of thirteen and se-venteen years. The Knabenschiessen is unique to Zu-rich and, although less of an attraction to the tourists, it is nevertheless popular with the locals in Zurich and those in nearby cantons. So, once again, we wish you a thoroughly enjoyable read in the iNEWS and a fabulous start to a glorious autumn – or better still an Indian summer! Yours sincerely, Brian Basnayake INEWS 9 Impressum Editor Antonio Campanile Managing Editor Pina Bevilacqua Testimonial VIP Piero Esteriore Direktor Marketing/ Advertising Antonio Campanile Chief Editor Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion) Editorial Board Sabrina Tortomano Thomas Lang Luana Nocco Marco Montini Antonella Montesi Massimiliano Teramo Pietro De Seta Giuseppe Iacovo Emanuele Iacovo Rocco Delli Colli Palma Bucarelli Gianni Barone Beatrice Feo Filangeri Dalia Sgarbis Gianni Motori Vincenzo Muni Mariella Nica Italo Caroli Antonella Millarte Salvatore Tramontana Eugenio Forestrieri Rita Albrecht Pino Laudano Bruno Sonetto Erika Ventura Isabella Pileri Editorial Board in Chur Cosimo Vonghia Antonio Sellito Editorial Board in Ticino Via Peri Lugano Rita Albrecht Ludovico Gentile Antonio Varrica Nicola Cathieni Editorial Board in Vienna Erich Bauer Editorial Board in Basilea Piero Esteriore Michele Ferrante Mimmo Esteriore Davorka Zguric Editorial mosca Antonella Rebuzzi redaktionmoskau@italiannews.ch Brenda Liquadri Redaktionlondon@italiannews.ch Editorial Board in Rome Alfonso Benevento Angela Verde Michele Viola Editorial Board in Milan Eugenio Forestieri Editorial Board in Torino Francesco Mescia Editorial Board in Sicily Francesco Di Dario Rita Pennisi Editorial Board in Apulia Eustachio Cazzorla Nicola Tramonte Domenico Potenza Editorial Board in PARMA Giuseppe Laudano Editorial Board in bologna Simona Artanidi Editorial Board in ORSARA-FOGGIA- PUGLIA Eustachio Cazzorla Brenda Liquadri Nicoletta Altieri Marketing/Advertising News@campanile.ch Graphics: Morena Fiorucci Art Director: Paolo Ugolini Web Master: Claudio Giuliani Photography Claudio Giuliani Nuccio Mastrogiacomo Rocco Lamparelli Patrizio De Michele Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat www.fb-photografie.ch Patrick Frischknecht Abo-Service: Redaktion@italiannews.ch Print: VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich Publisher INews Campanile Baumgartenstr. 26 8902 Zürich – Urdorf Mobile +41 79 405 39 85 Redaktion@italiannews.ch - news@campanile.ch Abbonamento/ soci CHF 100.- Montly issue 8 INEWS INEWS
  6. 6. Impressum Editor Antonio Campanile Managing Editor Pina Bevilacqua Testimonial VIP Umberto Tozzi DIRECTOR DE MARKETING Y PUBLICIDAD Antonio Campanile JEFES DE REDACCIÓN Gabriella Groppetti (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (Redacción inglesa/englische Redaktion) Mursia Petrachi (Redacción italiana/italienische Redaktion) Carla Bordoli Crivelli Visconti (Redacción española/spanische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion) REDACCIÓN Daniela Corti Cristiana Corti Isabel Moreno Sánchez Gabriele Beate Hefele Juan Miguel Fernández Pérez Ana Parra Rojas Jorge Juan López Carrera Lola Montes Bruña Lidia Moreno Aguilar Luana Pavesi Sofia Beatrice Monti Zulay Gómez Carrera Luciano Pappalardo Pasquale Balestriere María José Camacho Pérez Corina Butas Vania Penha da Silva Rosario Martínez Rodríguez INFORMACIÓN en alemán, COSTA DEL SOL Gabriele Beate Hefele (periodista) MARKETING/PUBLICIDAD News@campanile.ch RELACIONES PÚBLICAS Luana Pavesi (marketing/PR/comunicación) Fotografía Antonia Guerra Eugenio D'Hamo INFORMACIÓN MÚSICA Y EVENTOS Sofía Beatrice Monti (cantante y relaciones públicas) MODA, IMAGEN, TENDENCIAS Lola Montes Bruña (personal shopper) María José Camacho Pérez (hair stylist) Vania Penha da Silva (beauty consultant) GASTRONOMÍA NACIONAL E INTERNACIONAL Bruno Filippone Luciano Pappalardo (Chef) Pasquale Balestriere (Chef) Zulay Gómez Carrera (ayudante Chef y control aprovisionamiento) INFORMACIÓN ECONOMÍA Y FINANZAS Juan Miguel Fernández Pérez (derecho y fiscalidad) Jorge Juan López Carrera (inversiones financieras) Eduardo V. Luján INFORMACIÓN MÉDICO-CIENTÍFICA Ana Parra Rojas Arte Emilio Bordoli Katia Biundo COLABORADORES WEB Y REDES SOCIALES Vincenzo Ottavio Pesce (web&community manager) Lidia Moreno Aguilar (community manager) Corina Butas (social networker) INICIATIVAS SOCIO-CULTURALES Rotary Club Estepona – Costa del Sol 10 INEWS INEWS INEWS Editorial Queridas lectoras, queridos lectores: A veces, vivir en un sitio glamoroso y tan lleno de vida y color como La Costa del Sol y Marbella da la sensación de vivir en un paraíso, en un mundo indudablemente privilegiado y casi en otra dimensi-ón paralela respecto a la cruda realidad que luego vemos en los telediarios o leemos en los medios de información. Benahavís, Estepona, Marbella, toda la Costa del Sol no solo han vivido un verano de optimismo hacia la recuperación, sino que se preparan los mejores años para el turismo residencial y todo lo que este sector conlleva a nivel de trabajo, flujo de dinero, y consecuente mejora económica para todos lo que en este proceso están colaborando activamente. El Presidente de la Federación Andaluza de Urbaniz-adores y Turismo Residencial, Ricardo Arranz, confía en el sector inmobiliario e impulsa la promoción en el mundo de la marca Marbella-Costa del Sol como posible alternativa o complemento a Saint-Tropez y La Costa Azul: un proyecto ambicioso, pero proac-tivamente apoyado por sector público y privado; el verano Marbellí ha visto estrellas de la canción y del Cine (www.starlitefestival.com), famosos de la moda (www.marbellaluxuryweekend.com), marcas de altí-simo nivel (www.forolazagaleta.com), en una sucesi-ón de eventos, exposiciones, desfiles, y lo mismo en el resto de la Costa, desde Málaga hasta Estepona para llegar finalmente a Sotogrande con sus torneos no solo de golf sino además de Polo (www.santama-riapoloclub. INEWS 11 com) No obstante, este mes quiero profundizar en una sensación que llevo meditando desde hace un tiem-po, algo que seguramente más de una vez en la vida de cada uno se nos ha pasado por la mente, vien-do cómo realmente el mundo parece un libro cuyos capítulos, aparentemente, no tengan alguna conexi-ón entre ellos, como si de los compartimentos de un submarino se tratara: aislados los unos de los otros. ¿Qué quiero decir? Bueno, al mismo tiempo que en un sitio hay alegría, fiestas, glamour, moda, espec-táculo, conciertos, y una clara recuperación econó-mica de la que inversores extranjeros ya se están aprovechando, en otros lugares del mundo se van rodando películas que con sus historias fantasiosas nos han ayudado en esta crisis a evadirnos unas ho-ras de las preocupaciones cotidianas; actores que han marcado épocas, como Robin Williams, falle-cido en este pasado mes de agosto, que en Paz de-scanse, nos dejan; en lugares magníficos de un punto de vista ecológico y paisajístico, científicos estudian cómo preservar nuestro planeta, la flora y la fauna… Hay miles de noticias, de información, de avances en la investigación médica, etc…Pero, algo ha esta-do presente este verano en cada uno de nosotros, y en cada uno de nuestros hogares: el relato de otros países donde se promueven acciones humanitarias realmente heroicas, donde no solo militares adiest-rados para ello, sino civiles muchas veces voluntari-os van allá donde haga falta para intentar no solo dar soporte a organizaciones sin ánimo de lucro y a instalaciones hospitalarias precarias, sino esa em-patía, esa sonrisa, esa cercanía humana a personas, muchas veces niños y niñas, mujeres y hombres, que sufren el impacto en sus vidas de guerras y violencia. Y no olvidemos a nuestros compañeros, los periodi-stas corresponsales internacionales de conflictos bé-licos, profesionales que lo arriesgan todo con tal de poder garantizar información al mundo entero. Este mes, mi editorial va dedicado a todas estas perso-nas, siempre, naturalmente, con la esperanza de un mundo mejor y más justo. Arrivederci! Carla Bordoli Crivelli Visconti
  7. 7. moda Ermanno Scervino MARK VANDERLOO & CLEMENT CHABERNAUD, THE STARS OF THE AUTUMN/WINTER 2014 CAMPAIGN H.E. by MANGO presents its new faces for the coming season. Identified as one of the most famous models from the fashion world, Mark Vanderloo is the face chosen for the MANGO menswear line. In addition to the Dutch model, the brand will also feature Clement Chabernaud as its image. Another of the most acclaimed models on today’s catwalks, thanks to his charisma and personality, he has managed to position himself among the top positions in the male model rankings. The photo shoot, which took place in June, featured the city of Barcelona as its setting. The shoot, carried out by the photographer Daniel Riera with María Martinez responsible for hair and make-up, will see the light in August. The H.E. by MANGO team was responsible for the outfits, presenting a com-bination of styles and trends for this season. Grey, black, crimson and khaki tones characterise the colour palette. The offering of outer garments gains importance with the variety of bomber jackets, army parkas, quilted jackets and blazers in fabrics such as herringbone. The collection’s rock influence is provided by cropped trousers and clean-cut jeans in black tones. The dressy garments in the collection feature a combination of formal tailoring and new volumes. IL NOBILE Sartoria in Seefeld Zurigo I servizi sù misura rendono possibile gli abiti che rispecchiano l’individualità del cliente, secondo le sue caratteristiche ed i suoi desideri. IL NOBILE offre la possibilità di scegliere il tessuto da una vasta collezione di 4‘000 tessuti diversi (dal Super 100’S al Super 250’S, lana, cachemire, seta ecc.), 25 stili e 80 opzioni diverse, dalla scelta delle fodere a bottoni o tessute sulla stoffa. Tutti gli abiti sù misura sono consegnati in 3 settimane. Un’abito della sartoria IL NOBILE è sinonimo di eleganza naturale e contemporanea, sottolinea l’importanza della tradizione e il connubio perfetto tra comfort moderno ed eleganza sartoriale. IL NOBILE CLOTHING & SHOES Made-to-Meausure Mittelstrasse 18, CH-8008 Zürich - Tel.: 044 380 37 90, Web: www.il-nobile.ch, E-Mail: info@il-nobile.ch 12 INEWS INEWS INEWS INEWS 13
  8. 8. MISS POLONIA KRAKOW BRAND’S AMBASSADOR AEROWATCH had the honor to partici-pate to this prestigious beauty contest and is proud to present its new brand’s Ambas-sador in Polonia. Miss Polonia Krakow competition is one of the oldest such events in the world. Its story is twenty years older than the most modern competitions: Miss World and Miss Universe. MISS LUNA & MISS POLONIA As the Miss selection, each Aerowatch ti-mekeeper is confirmed according to extre-mely demanding criteria. This year's Miss Polonia Krakow, Magda-lena Malochleb has been honored by we-aring with grace the Miss Luna from the Renaissance collection. A nice marriage that embodies the feminine elegance. Mrs Malochleb also became Aerowatch Polo-nia brand’s ambassador. Renaissance Miss Luna : with their stainless steel cases of generous and reso-lutely purified style, curves merge into the straight lines of the horns. The guilloché dial, set with eight small diamonds and four roman numerals indexes, is visible through a sapphire glass. The collection “Renaissance Miss Luna” is assembled with a Swiss quartz movement. moda Pina Bevilacqua Autunno/Inverno 2014/2015 La moda a colori Bagliori di rosso e bianco illuminano i toni del nero e grigio di Emporio Armani. Moschino sceglie il giallo papaia per il trench corto. Anna Molinari accosta varie gradazioni di turchese… Se il colore è stato protagonista dell’estate, in contrasto con le clas-siche tendenze dell'autunno-inverno, spesso gotiche e cupe, le grandi griffe italiane propongono anche per la prossima stagione fredda toni più accesi, oltre a motivi grafici del passato, a modelli pop e rock anni '60 e 70. Nel guardaroba i capispalla avranno come sempre un ruolo fondamenta-le. Così qualche mese fa hanno decretato le passerelle di Milano, New York, Parigi e Londra. Irrinunciabile per l’uomo modaiolo il cappotto a doppio pet-to, dalla linea corta e spesso asciutta. Tra i capispalla più gettonati della sta-gione l’inossidabile parka, l’intramontabile bomber. Pure il giubbotto di pelle e il piumino resistono tra le tendenze maschili più glam dei prossimi freddi. E la giacca trapuntata, che dà quel vezzoso tocco casual chic, a cominciare da Moncler. L'outwear che nei prossimi mesi sarà di maggiore tendenza impone anche alla fashionista il capospalla. I cappotti di questo inverno sembrano riprendere le tendenze della passata stagione, che già li voleva lunghi, pure fino al ginoc-chio, e avvolgenti. Non si tratta però di modelli oversize, ma di veri e propri cappotti slim, che abbracciano la silhouette senza appesantirla. Must have della nuova stagione fredda la giacca corta, di tessuto ma soprattutto di pelle, da abbinare a jeans slim, a pantaloni a sigaretta, ma anche ad abiti civettuoli e femminili per aggiungere una intrigante impronta rock. La maglia è sempre protagonista del gran rigore invernale, per pullover, ma-glioni, ma pure per abitini, come da Ermanno Scervino, o veri e propri com-pleti gonna o pantalone. Continua a farla da padrona la pelliccia. In versione cappotto, cappa, mantella o come inserto sulle maniche e sui cappucci di giacche e maglioni. E per le animaliste, persino da Fendi, c’è sempre la versione ecologica… L’outfit sporty-chic continua a stregare molti nomi blasonati della fashion scene Woman. E così pure per la nuova stagione fredda felpe dai tessuti e dal fit innovativi, coordinate a capi in materiale tipicamente sportivo, ad accesso-ri maschili come le stringate con la zeppa a carro armato o le sneakers. Tra i trend Donna Fall-Winter 2014/15 più interessanti, coloratissime fantasie dal mood vintage, minigonne, abitini corti e un po' a trapezio in puro stile Sixty, ma anche pencil skirt anni Cinquanta. Fall-Winter 2014/15 - Dolce e Gabbana 14 INEWS INEWS INEWS INEWS 15
  9. 9. International Golf Travel Market (IGTM) tees up first-ever event in Italy Preparations are under way for this year’s International Golf Travel Market (IGTM) event, which will be held in Italy the first time ever, from October 27-30, 2014, at the Villa Erba Exhibition and Conference Centre, on the banks of Lake Como. Organised by Reed Travel Exhibitions, the premier global event for golf tourism suppliers, buyers and media has revealed a strong represen-tation from the host destination, with over 70 Italian resorts, clubs and golf suppliers expected to exhibit, as well as a larger presence from resorts and courses in neighbouring countries, such as Switzerland, France, Austria and Slovenia. The 17th edition of IGTM will also be the first time that England’s clubs will come together in a united English pavilion and exhibit under Golf Tourism England. The event will also see continued support from last year’s host destination, Catalonia, as well as a strong representation from across Spain, including Andalucía, Valencia, Murcia and the Balearic and Canary Islands. Morocco will increase its presence with over 24 suppliers from the country, growing its reputation as an accessible, affordable, all-year-round destination, with top quality courses and a long-standing golfing tradition which dates back almost a century, when Royal Tangiers Golf Club was formed in 1917. After a two-year absence, the Ministry of Tourism for Indonesia and Jakarta City will return to IGTM, bolstering the show’s Far-Eastern representation, which also includes a strong presence from Thailand and Vietnam. Peter Grimster, IGTM Exhibition Manager, said: “The focus of IGTM over the years has been to provide the best possible forum for tour operators, golf tourism suppliers, venues and resorts to do business. “It is encouraging to see, year-on-year, an increasing number of repeat exhi-bitors and first-time representation, as it reinforces the reputation and valour of the show.” He added: “Bringing IGTM to Italy will not only enable the country to show-case its varied, yet relatively unknown, golf offering, but also demonstrate the strong support and drive the Italian Golf Federation, Tourism Board and numerous government bodies are committing to help develop the country’s potential as a worthy European golf destination.” For more information about IGTM and the venue for the 17th edition of the event, please visit: www.igtm.co.uk events Peter Grimster 16 INEWS INEWS INEWS INEWS 17
  10. 10. events Francesco Rizzuti Bimillenario di Augusto Percorsi, aperture e app La grandissima emozione di visitare i luoghi dove il Princeps de-cise i destini dell'Impero scrivendo la storia. In Italia è tempo di riscoprire i luoghi dell'Imperatore Ottaviano Augusto (nato a Roma nel 63 a.C.) nel bimillenario della sua morte, avvenuta il 19 agosto del 14 d.C. a Nola (Napoli). Un anniversario importan-te per il fondatore dell’Impero romano, il Pacificatore, l'uomo che in qualche modo creò l'idea di Europa e che ha ispirato molti altri grandi del comando come Carlo Magno, Federico II, Carlo V o Napoleone. In prima fila nelle celebrazioni ovviamente Roma, con luoghi dedicati, mo-stre, restauri, convegni, merchandising, pubblicazioni, aperture straordinarie, percorsi rinnovati e la nuova Forum App, con informazioni storiche e logisti-che sullo sconfinato patrimonio archeologico della Città Eterna. Cuore del doveroso omaggio capitolino al 1° imperatore romano il colle Pala-tino, luogo augusteo per eccellenza della città, dove l'Imperatore nacque e che elesse a sua dimora. Qui, in un ideale viaggio nel tempo, si potrà riscoprire la collezione del Museo Palatino completamente rinnovato. A pochi metri la Domus di Augusto che ha raddoppiato il percorso, aprendo nuovi cubicoli privati nel blocco occidentale, tra la Stanza dei festoni di pino, la Stanza del-le maschere e la Stanza delle prospettive, detta così proprio per quei giochi dipinti di paraste, edicole e quinte architettoniche. A Prima Porta, nella casa di Livia, 3° amatissima moglie dell'Imperatore e artefice di tanta parte della sua politica in tema di famiglia, sono tornati a splendere i santuari campestri dipinti nel triclinio. Nel Foro romano riaperto il percorso del Vico Iugario at-traverso la Basilica Giulia. Alle Terme di Diocleziano è tornata a splendere la monumentale Natatio. Il Chiostro piccolo della Certosa di Maria degli Angeli ospita una meticolosa ricostruzione degli Atti degli Arvali e dei Ludi Saecu-lares, gli antichi culti rifondati dalla politica religiosa di Augusto. Ai mercati di Traiano si potrà virtualmente passeggiare nella Roma augustea per sco-prire luoghi suggestivi e testimonianze architettoniche importanti dell'azione innovatrice dell'Imperatore. Serate culturali dedicate all’Epoca d’Oro che ne seguì nel Foro di Augusto. Alle celebrazioni capitoline per il duemillesimo anniversario della morte di Augusto partecipano anche la Crypta Balbi, nata su un edificio augusteo, e Palazzo Massimo con la mostra "I fasti e i calendari nell'antichità". Mentre nel Suburbio ecco la Piramide Cestia a raccontare il gusto dell'epoca per la moda egizia. E sull’Appia Antica il Mausoleo di Ceci-lia Metella, realizzato sul modello del grande assente di queste celebrazioni: il Mausoleo di Augusto, chiuso al pubblico da quasi 80 anni. Il Mausoleo, che nel 1937, sotto Benito Mussolini, per i duemila anni dalla nascita di Augusto, attirò un milione di visitatori, sorge al centro di piazza Augusto Imperatore, a pochi passi dall’Ara Pacis, il monumento eretto nel 9 d.C. in celebrazione del Pacificatore, che ospita per l’occasione una mostra sull’arte del comando. Il bimillesimo della morte di Augusto Imperatore è un’occasione per riscopri-re tutti i luoghi augustei disseminati lungo lo Stivale. Anche perché durante il suo principato Augusto diede impulso a grandiose opere pubbliche in ogni angolo dell’Impero, concedendo pure ai patrizi di edificare nuovi teatri, tem-pli e palazzi, ma sempre nel suo stile misurato ed elegante, che trasmettesse un'immagine solida e idealizzata dell'Impero. Ed ecco ad Aosta l'Arco d'Augusto, edificato nel 25 a.C. per celebrare la vit-toria dei Romani sui Salassi, la Porta Praetoria, voluta proprio dall'Imperatore a guardia dei nodi viari delle valli alpine e quasi una porta nell'Impero per chi arrivava dal nord, oltre alla cinta muraria, il teatro, il quartiere degli spettaco-li, il criportico forense. Proclamato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, il Foro Romano dell'antica Brixia oggi Brescia, completamente riorganizzato in età augustea, conserva i maggiori edifici pubblici di età romana del nord Italia. Da non perdere, il Tea-tro e la Basilica, ma anche la Domus dai pavimenti musivi sotto Palazzo Mar-tinengo, la Fonte di Mompiano che forniva acqua a tutte le fontane di Brixia, l'epigrafe di Brusco nel Lapidario di Monte di Pietà con un diciannovenne Ottaviano, futuro Augusto, fino alla Vittoria alata che l'Imperatore donò alla città, oggi al Museo di S. Giulia. A Verona ancora in gran parte inedita è la città augustea che recenti scavi stanno riportando alla luce, tra il criptoportico del Campidoglio romano, in Corte Sgarzerie, e le stesse fondamenta dell'Are-na. Il Museo Nazionale di Ravenna ospita molti ritrovamenti di età augustea della città e dell'antico porto, ma soprattutto il famoso Bassorilievo di Augu-sto, frammento celebrativo di tutta la famiglia imperiale, proveniente da un altare monumentale del I secolo d.C. simile all'Ara Pacis. L'Arco di Augusto a Rimini, che segnava la fine della via Flaminia, consacrato all'Imperatore dal Senato nel 27 a.C., è il più antico arco romano arrivato sino a noi. A pochi chilometri da L'Aquila, l'antica Amiternum conserva ancora i resti del teatro e dell'acquedotto di età augustea. Nel Parco archeologico dell'antica Casinum (Casisno, Frosinone) molti resti romani d'epoca augustea come il teatro, l'an-fiteatro e il mausoleo intitolato alla matrona Ummidia Quadratilla. Gli splen-didi mosaici che ricoprono i pavimenti della Domus ad Ascoli Satriano (Fog-gia), riportata alla luce solo nel 1990 (dopo i primi scavi anni Venti), hanno consentito di datarla all'età augustea. Mentre l’area archeologica di Neapolis a Siracusa (tra le più vaste del Mediterraneo), proprio accanto all'Anfiteatro, conserva i resti di quello che fu un trionfale Arco di Augusto. 18 INEWS INEWS INEWS INEWS 19
  11. 11. tourism Michelle Ganney With love from London Hotspots This summer in London has seen an endless number of exclusive events. One of my favourites was Selfridge’s spectacular culinary affair called ‘Meet the Michelins’. As part of their campaign, ‘Meet the Makers’, Selfridges held a series of exclusive dinners created by some of the UK’s most talented chefs, including some of the top Michelin-starred chefs. Guests were given the op-portunity to taste some of the most inspiring, unique and signature dishes. The £75 ticket ensured guests between 5 and 10 courses. It was a lavish event with some of the most exquisite food, a true culinary delight! The glamorous Shard collaborated with DoingSomething, an exceptional dating site, to host ‘Giant Twister at the Top of the Shard’. On Wednesday 6th August, guests were invited to London Bridge for an adventurous night involving a giant game of Twister. Tristram Shackerley-Bennett, the popular Inflatable Church host, compared the night. Upon arrival, the Twister single-tons received a drink courtesy of The Duppy Share in order to loosen them up and get them ready for a fun-fuelled exciting night. DoingSomething claim ‘Dating’s more fun when you’re upside down and have your elbow in a stran-ger’s face!’ What’s trending Leceister Square was again a celebrity spectacle this August. A-listers from Sylvester Stallone to Arnold Schwarzenegger, Jason Statham, Wesley Snipe and Antonio Banderas were in attendance. The red carpet royalty were there to promote their new film ‘The Expendables 3’. The protagonist Barney and his team, ‘the expendables’, come face to face with a ruthless arms dealer Conrad Stonebank, played by Mel Gibson, who is determined to destroy this powerful team. A film full of action and trepidation! V Festival, held on 16th August in Chelmsford, was one of the hottest tickets this summer. From Paolo Nutini to Lily Allen, Rudimental, The Killers, Tinie Tempah and Sam Smith, V Festival had an incredible line up! With a diverse range of music, festival-goers were in for treat. Justin Timberlake was one of the first to take to the stage, which certainly delighted fans! An all-male Acapella group from Oxford University, ‘Out of the Blue’ have gone viral! These talented boys uploaded a YouTube video of themselves singing and dancing to a mash-up of Shakira’s most notorious songs. Not only are they musically and comically talented but judging by their video they are also noble, as this stint was all for charity! They hoped to raise £1,000 for the Helen and Douglas House children’s hospice in Oxford. Their performance went viral that it even caught the attention of Latino legend Shakira. She tweeted “hey @ootboxford we LOVE you’re a cappella Shak medley!” What lucky boys! Fashion London fashion week is getting closer and closer and I can’t wait! Meet the fortunate designers Topshop is sponsoring at this hotly anticipated extrava-ganza. Designer Paula Gerbase studied womenswear at Central Saint Martins. Brazil native Lucas Nascimento studied at London College of Fashion. Marta Marques and Paulo Almeida studied at CITEX Fashion School in Portugal. Ashley Williams is a rather quirky womenswear designer. Dublin native Da-nielle Romeril got her masters from the Royal College of Art in London. Then there is Faustine Steinmetz who makes every piece by hand. Hong Kong born Ryan Lo cut his teeth at Charles Anastase. Last but certainly not least, Claire Barrow got her BA in Fashion at the University of Westminster. A great reco-gnition for the talent of these designers. Discover here one of London’s fashion treasures, Caggie Dunlop, who crea-ted her hugely successful fashion line ISWAI, [It Starts With An Idea]. From sleek jewellery to crops-tops, dresses, mini skirts and blazers, this fashion brand is soaring with popularity this summer. Go to her website to find some of the chicest outfits this season! www.iswai.co.uk Fit for life Want to know Miranda Kerr’s beauty and fitness secrets? She revealed her morning routine to Hello! this summer, which is sure to be spreading like wildfire round London. She swears by drinking a warm glass of water with half an organic lemon in it every morning in order to kick-start the digestion process for the day. Apparently this is a good ritual for productive exercise also. Miranda’s secret to her flawless skin is clearly her careful diet and her own beauty range KORA Organics, which keeps her looking young and he-althy. 079 601 01 01 CH 333 50 24 120 IT www.lv-viaggi.ch CALENDARIO PARTITE SETTEMBRE - OTTOBRE 20 INEWS INEWS 21 INEWS INEWS sabato, 13 settembre Juventus 20:45 Udinese sabato, 20 settembre Milan 20:45 Juventus mercoledì, 24 settembre Juventus 20:45 Cesena sabato, 27 settembre Atalanta 20:45 Juventus domenica, 05 ottobre Juventus 18:00 Roma sabato, 18 ottobre Sassuolo 20:45 Juventus domenica, 26 ottobre Juventus 15:00 Palermo SERIE A
  12. 12. communication NIXON NAMES PHILIPE GOUZES VP OF SALES AND GENERAL MANAGER, EMEA ACTION SPORTS INDUSTRY VETERAN TO LEAD NIXON’S EUROPEAN, MIDDLE EAST AND AFRICA SALES AND BRAND STRATEGIES Hossegor, FR- Nixon, the Southern California-based watch and accessories brand, is pleased to announce Philippe Gouzes as the brand’s newly appointed Vice President of Sales and Ge-neral Manager, EMEA. Gouzes will be based in Nixon’s main EMEA office in Hossegor, France, and will report directly to Nick Stowe, Nixon’s CEO. “Philippe is the perfect executive to lead Nixon’s next phase of growth in EMEA. He brings deep European action sports experience and the ability to drive sales and build a brand in a complex multi-channel environment”, said Stowe, referring to Gouzes’s 20 years of leadership experience in action sports. “He’s a great addition to Nixon’s executive team as we look to double our business and brand reach over the next 3-5 years.” “Very few brands stand out in the industry, and Nixon is definitely one of tho-se shining stars I’ve looked to since day one,” stated Gouzes. “I feel honored to join such a talented crew and I am looking forward to being part of the brand’s next chapters. In short, I am stoked!” Gouzes will be responsible for leading Nixon’s growth in EMEA, expanding its sales and marketing presence in Germany, France, Spain, Italy and the UK as well as building new and existing distributor relationships across the region. In addition to working closely with retail partners, Gouzes will also lead Nixon’s direct business, opening the brand’s first European retail stores in the Le Marais district of Paris and Carnaby in London as well as launching a new e-commerce site, all set to debut this fall. Most recently Gouzes was Senior VP of International Business for Burton, setting up distribution partnerships in South Korea, establishing new sales structures for Asia/Pacific and opening Burton’s first office in China. Prior to that, Gouzes spent six successful years as VP of Sales, Europe for all Burton brands and Channel Islands, and previously held senior positions at Rossi-gnol. Gouzes replaces Nixon’s outgoing EMEA General Manager, Arnaud Gail-lard, who is leaving to pursue other interests after six years with the brand. Gaillard will work closely with Gouzes over the next month to ensure a smo-oth transition. SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE m u s i c massimo ranieri 22 INEWS INEWS 23 INEWS INEWS
  13. 13. MORENA ALTIERI ED I SUOI INNUMEREVOLI SUCESSI E PROGETI Dopo una calda estate in tour per l’Italia , la cantante da il via ai suoi nuovi eventi. Durante il mese di agosto ci ha omaggiato di grandi appunta-menti con la musica, assistendo alla nota grandezza artistica, la celebre Morena Altieri. La ragazza dalla voce calda come la sua amata Puglia non può non entrare nell’olimpo dei grandi artisti…La sua ammirevole professionalità le regala un’impensabile tranquillità e rigore nell’affrontare i duri giorni di prove, permettendo di sfoggiare esibizioni eccellenti, poiché il palco fa parte di sè e del suo corpo colpendo dritto al cuore il pubblico con la sua naturalezza, la sua simpatia e soprattutto con il suo timbro vocale unico! Chiunque ascolti la sua voce dolce ma allo stesso tempo limpida e potente, viene rapito dalla passione con cui l’artista interpreti le canzoni, portando sul palco anche spiccate doti sceniche, rendendo così ogni singolo spettacolo indimenticabile! Le recenti tappe di Lucera,Orsara di Puglia, Rocca di Capri Leone e Capo d’Orlando in provincia di Messina in cui Morena è stata protagonista di una diretta alla corte della tanto rinomata Radio Italia con un’ intervista e con la messa in onda del suo singolo ‘’Semplicemente te ’’, hanno sottolineato la straordinaria crescita artistica, confermando il talento di Morena Altieri, una grande artista, un tesoro di inestimabile valore per la musica!! Ma il lavoro non finisce qui, la cantante sarà ospite il 27 Settembre al Rotary Club di Malaga in Spagna e di un prestigioso evento dal 26 al 28 Settembre ad Agrigento, il ‘Convegno internazionale della medicina e delle arti delle performance’, ideato e organizzato dal CEIMArs. Il Centro interdisciplinare di Medicina dell'Arte, primo in Italia nel suo gene-re già dal 2005, unisce tra le migliori professionalità che da anni si dedicano, a vario titolo, appunto alla Medicina dell’Arte, branca del sapere medico che si occupa di arte e di artisti, per aiutare la prima a essere sempre più al servi-zio del “bello” (ovviamente, anzitutto, fisiologico) e i secondi (allievi e do-centi di Conservatori, Accademie e Licei musicali, professionisti e dilettanti musicisti, danzatori, cantanti, attori, circensi...) a fare della loro professione un lavoro atletico sempre più perfetto nel rispetto di tutti gli equilibri, anche quando portati all'estremo. Dietro le quinte tutto lo staff è immerso in un importante ed attesissimo la-voro discografico! … E come direbbe Morena: ‘’VIVA LA MUSICA!!!’’… music 24 INEWS INEWS 25 INEWS INEWS
  14. 14. INEWS Le Formiche Figli di nessuno Fabi, Silvestri, Gazzè Life is sweet Mario Venuti Il ventre della città A 2 anni dall'uscita di "L'ultimo romantico" Mario Ve-nuti annuncia il ritorno sulle scene con il suo 8° album, anticipato dal singolo "Il ventre della città", brano scritto dal cantautore catanese con la partecipazione di Francesco Bianconi, frontman dei Baustelle, e di Kaballà, musicista e cantante catane-se che ha firmato canzoni per artisti del calibro di Car-men Consoli, Placido Domingo, Raf, Eros Ramazzotti, Antonella Ruggero, Tazenda e molti altri. Nel frattempo Venuti ha anche festeggiato il ritorno sulle scene dei De-novo, la band new wave italiana con cui ha raggiunto la notorietà negli anni '80, pubblicando, a 25 dal suo ultimo progetto musicale, il vinile “Kamikaze Bohemi-en”, con brani dell'83 rimasti inediti per più di 30 anni e ritrovati per caso dal produttore Francesco Fracassi. Franco Battiato JOE PATTI’s experimental group INEWS 27 Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzè per la 1° volta insieme in un progetto musicale, un intero disco di inediti scritti a 6 mani ricco di sorprese, a cominci-are dal singolo apripista “Life is sweet”. Poi il tour. Il trio di cantautori romani ha avuto l’idea dopo che Fabi, attivista e testimone dell’organizzazione non governa-tiva Medici con l’Africa CUAMM, ha coinvolto Gazzè e Silvestri in un viaggio in Sud Sudan nell’ottobre del 2013. Sinora le collaborazioni tra i 3 musicisti si er-ano limitate a esibizioni dal vivo, mentre un lavoro di scrittura e incisione era avvenuto solo ‘a coppie’, come nel caso di Gazzè e Fabi con “Vento d’estate”, di Sil-vestri e Gazzè per alcuni brani dell’album “Il latitante”, di Fabi e Silvestri nella canzone “Sornione”, pubblicata in “S.C.O.T.C.H.”. Nuovo progetto discografico per Franco Battiato in collaborazione con il suo storico sound engineer Pino ‘Pinaxa’ Pischetola. “JOE PATTI’s experimental group” è un album di studio dove a farla da padrone è la musica elettronica e sperimentale che ha spesso contraddistin-to la discografia del Maestro catanese nella sua lunga carriera. Nel disco una summa di vecchi brani rivisitati e nuove composizioni che accompagneranno gli ascol-tatori in un viaggio nel migliore repertorio dell’eclettico cantautore e artista (Jonia, Catania, 1945), poliedrico al punto da essersi cimentato nella musica lirica, ma anche nel cinema e nella pittura e persino nella vita po-litica. Nel percorso live del nuovo album 4 concerti con l’Orchestra Arturo Toscanini, aperti da un’esibizione di santur, strumento a corde della tradizione classica ira-niana. Zero Assoluto Alla fine del giorno Gli Zero Assoluto tornano con un nuovo album, “Alla fine del giorno” , il 5° in 15 anni di attività, con 10 trac-ce inedite. L’opera, anticipata da una ballad accattivan-te e contagiosa come “Un'altra notte se ne va”, piena di suoni e intuizioni moderne, è anche ricca di quelle soluzioni acustiche ed elettroniche che negli anni hanno reso molto riconoscibile la produzione artistica del duo romano. Un album più personale ed intimo, arricchi-to dall’ironia di Matteo Maffucci, dalle frasi semplici ma incisive di Thomas De Gasperi. «Ci siamo liberati dall’ansia di dover dimostrare sempre qualcosa a qual-cuno », spiegano. «Così non siamo andati a cercare la novità a tutti costi, ma ci siamo concentrati sull’unica cosa che veramente conta: scrivere, a modo nostro, bel-le canzoni piene di significato». Francesco Rizzuti Alfonso Benevento music “Non siamo più quelli di Mi Fist” è il provocatorio ti-tolo del nuovo album dei Club Dogo, il 7° di inediti. Un sound ispirato alla West Coast, di cui “Weekend”, il singolo apripista, che ha debuttato al 1° posto delle classifiche digitali e anche in vetta alla classifica Fimi dei singoli più venduti, è un esempio lampante. Una virata non da poco per il trio hip-hop milanese composto dai rapper Gue' Pequeno e Jake La Furia e dal dj e beat-maker Don Joe. E probabilmente un altro piccolo choc per i vecchi sostenitori, che accusano il gruppo di essersi commercializzato, di aver perso lo spirito e lo stile del suo 1° album in assoluto, pubblicato nel lontano 2003 con un'etichetta indipendente. Una questione che i Club Dogo avevano già affrontato con la canzone “Voi non siete come voi”, contenuta nell'album “Che bello essere noi”. Gli Amanti Strade e Santi È uscito “Strade e Santi”, l'album di debutto de Gli Aman-ti, una nuova band nata a Milano nel 2011 dall'incontro di due musicisti pugliesi, un sardo e un calabrese. “Stra-de e Santi” racconta fondamentalmente della capacità dell'individuo di sopravvivere ad una società ormai ostile che per ciò meriterebbe di diventare santo. Nel progetto, dalla gestazione piuttosto lunga, troviamo brani di matri-ce cantautorale ma che guardano, soprattutto nel sound, a realtà internazionali come Mumford & Sons, Of Mons-ters and Men, The Lumineers. Il disco, anticipato dal sin-golo “Cane” (il cui video ha totalizzato su internet più di venti mila visioni in un giorno), è stato registrato su nastro ad Orvieto e masterizzato a Los Angeles dall'ingegnere Michael White (Whitney Houston, Talking Heads, David Byrne, James Taylor…). Ensi «“Rock Steady” è solido come una pietra, con una ca-pacità incessante di spaccare. È la mia evoluzione co-erente nella musica» spiega Ensi del suo 3° album da solista, il 1° con una major. Grande cura per i testi e la musica negli 11 brani che compongono il disco. Singolo apripista “Change”, la canzone più trasversale e di am-pio respiro internazionale del CD. Nella tracklist anche il suggestivo “Rocky e Adriana”, quasi una metafora di vita. «Io e la mia compagna ci rispecchiamo nella sto-ria del pugile e della sua fidanzata», racconta infatti il giovane rapper torinese, numero 1 del freestyle italiano, che fa della coerenze e della originalità il suo marchio di fabbrica. “Rispetto di tutti paura di nessuno” sembra invece un atto di accusa nei confronti dell’hip hop itali-co, che non è più quello duro e puro delle origini. Anticipato da “Sole, cuore, alta gradazione”, esce “In Cile Veritas”, album che è il seguito di “Siamo morti a vent'anni” (2012), disco d'esordio de Il Cile, che de-buttò al vertice della classifica Fimi. «”In Cile Veritas” è un brindisi alla vita, a volte per sorridere altre per dimenticare», racconta il 32enne cantautore aretino. «Ho scelto il titolo “In Cile Veritas” perché nel mio caso è sempre stata la musica a permettermi di tirare fuori quelle sensazioni, quelle melodie e quelle liriche che per natura tengo chiuse nel mio profondo», continua Loren-zo Cilembrini. L’ispirazione gli è venuta guardando i tanti ragazzi «che oscillano tra lacrime di gioia e malin-conia, che a volte alzano il gomito per non abbassare la testa dinnanzi a un mondo sempre più privo di certezze, che cercano un amore capace di regalare loro un porto 26 INEWS quasi sicuro». Rock Steady Club Dogo Non siamo più quelli di Mi Fist Il Cile In Cile Veritas
  15. 15. SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE c i n e m a 28 INEWS ITALIANNEWINSE.WCHS INEWS INEWS 29
  16. 16. cinema di Mariella Nica Giffoni Experience, 44 anni di successi per il festival più social del mondo. ha superato da 44 anni i confini nazionali. E vogliamo parlare dell’intenso programma musicale che ha visto allo Sta-dio Comunale Troisi i concerti di Negramaro, Giorgia, Rocco Hunt, Coez, Gemitaiz, Emis Killa e gli Zero Assoluto, e per il quale, il prossimo anno, il direttore Gubitosi promette ancora di più? L’Esperienza Giffoni è anche alta formazione: infatti, altissimo è stato il va-lore formativo degli incontri di masterclass con le più alte professionalità del cinema e dello spettacolo. I giovani giurati selezionati della masterclass, quelli motivati a continuare nel mondo del cinema, infatti, hanno avuto modo di incontrare, apprendere e confrontarsi con professionisti del calibro di Vit-torio Storaro (mago della fotografia e tre volte premio oscar), il regista Fer-zan Ozpetek, il presidente della Siae Gino Paoli, i protagonisti di Gomorra La Serie Marco D’Amore e Salvatore Esposito, gli autori di web series di successo The Jackal, arricchendo il loro bagaglio conoscitivo di contenuti di alta qualità. Insomma, Giffoni è veramente di tutti e per tutti, e mai come quest’anno “Different” in tutti i sensi. Il segreto? Gubitosi non ha dubbi: “Giffoni è vero, leale, rispettoso del pubblico già a 3 anni, è il festival più social del mon-do, c’è tutto, cinema, televisione, web, ognuno si impossessa della parte che gli appartiene. I ragazzi hanno incontrato scrittori, registi, attori, poeti, giornalisti e in autunno faremo un incontro con autori, produttori e distributori italiani per cercare di capire perché in Italia non si fanno film per ragazzi”. La determinazione del direttorissimo Claudio Gubitosi è condivisa dal vice-direttore i collaboratori del Gex, assolutamente convinti che solo insieme si vince e che Giffoni può rappresentare un volano per il riscatto di tutto il Sud dell’Ita-lia. Infatti, fra pochi mesi inizieranno i lavori per la creazione della Multime-dia Valley che renderà Giffoni il più grande polo della creatività del Mezzo-giorno d’Italia e una forte opportunità occupazionale per tantissimi giovani. E allora Vamos Giffoni Experience! INEWS INEWS E anche la 44esima edizione se ne va. Giffoni Experience “Be dif-ferent” chiude i battenti 2014 e conferma di essere il film festival più diffuso e social del mondo. Lo dicono i numeri e quelli non sbagliano mai. Lo dice il patron Claudio Gubitosi che come sem-pre resta con i piedi saldi a terra nella sua concretezza di uomo del Sud, ma gli occhi gli brillano quando cita i numeri, davvero stratosferici, che i suoi collaboratori gli consegnano a bilancio del festival: 11 giorni di Festival e 120mila collaboratori! che sono tutti quelli che, attraverso i social, lavorano con il festival condividendo idee, pensieri, energia. “Tutto quello che accade a Giffoni, i talenti che arrivano, la musica, persino il colore delle magliette, sono scelte dai ragazzi”, dice Gubitosi che per la 44esima parla di un’edizione “indelebile”. Ed effettivamente, come si possono igno-rare 5mila giurati provenienti da tutto il mondo, 10mila persone a Giffoni Valle Piana (12.000 abitanti in provincia di Salerno) e nella sua Cittadella del Cinema? Chiunque si ubriacherebbe con questi risultati, ma Claudio Gubitosi ribadisce la ragione del successo di Giffoni Experience: la semplicità. Di tut-ti. “Qualche sera fa - racconta Gubitosi - avevo una cena importante, con ospiti arrivati da fuori. Ho chiesto al ristorante di far arrivare per tutti un piatto con solo un po’ di riso bianco. E agli ospiti che mi guardavano imbarazzati ho detto che quel piatto di riso è ciò che siamo stati e ciò che resteremo. Perché non ci siamo montati la testa”. Già. Perché Giffoni Experience è appunto un’esperienza a tutto tondo che non guarda solo al cinema ma alle possibilità di sviluppo di un intero territo-rio, quello Campano. E lo fa coinvolgendo, durante le giornate del festival, investitori da tutto il mondo. Giffoni Experience è una vetrina per mostrare agli ospiti nazionali e internazionali le bellezze di un territorio, l’ospitalità della sua gente, i suoi prodotti, le sue imprese. Un progetto di cui il Sud deve andare orgoglioso, dice Gubitosi, perché “Giffoni riguarda 70 mila persone dell’area picentina dove, proprio per la sua vitalità, negli ultimi 10 anni si sono trasferite 10 mila persone”. E che mondo è passato sul blu carpet di Giffoni Experience 2014! Ne voglia-mo parlare? Basti solo citare il delirio dei ragazzi di Giffoni di fronte ai loro beniamini Lea Michele, la Rachel Berry della serie televisiva Glee, e Dylan O’Brien prossimo protagonista nel ruolo di Thomas, nel film The Maze Run-ner; o ancora le emozioni suscitate dalla presenza dei divi Richard Gere e Alan Rickman, per comprendere la portata internazionale di un evento che Manlio Castagna, dal sindaco di Giffoni Valle Piana, Paolo Russo-mando, dal Presidente dell’Ente Giffoni Experience, Pietro Rinaldi e da tutti Richard Gere: un gentiluomo al Giffoni Film Festival L’arrivo a Giffoni di Richard Gere ha scatenato l’entusiasmo di quanti da giorni aspettavano di vederlo, toccarlo, e magari sognavano un autografo o un selfie con lui. Anche la sala stampa, diretta come sempre dall’inossidabile Rai-man Tonino Pinto, monumento giornalistico di Giffoni, era in fibrillazio-ne per l’arrivo di Gere, il divo più divo di Hollywood. L’attesa non è stata delusa e anche Italian-News ha potuto documentare l’e-vento giffoniano dell’anno. Richard Gere, al suo ingresso in sala stampa, si è inginocchiato e ha salutato tutti i giornalisti. Il suo sorriso accogliente e la sua stretta di mano hanno consentito l’avvio della conferenza stampa in un clima pacato e attento. Molte le domande a cui Gere non si è sottratto: i suoi progetti futuri, il suo essere “different”, la sua esperienza buddista, la sua visione del mondo e il futuro delle nuove generazioni. “Il modo per educare le nuove generazioni al rispetto per il pianeta su cui vivono? Bene, insegnategli a rispettare la vita del più piccolo insetto che esiste sulla Terra, insegnategli che anche lui ha una vita di relazione, si riproduce e contribuisce alla sussistenza di tutti noi. Se fate questo avrete risolto tutti i problemi di salvaguardia dell’ambiente!”, dice simply Gere. L’incontro di Richard Gere in sala Truffaut con i giovani giurati di Giffoni è un momento magico. Al suo arrivo i ragazzi lo tempestano di domande e lui si lancia anche in qualche battuta in italiano. Ma dopo aver ricevuto il premio prestigioso dedicato a Truffaut, ai piccoli giurati che si alzano in piedi per applaudirlo, Richard Gere dice “Wait, wait!” e si ferma per lasciare loro un messaggio sull’importanza dell’esperienza giffoniana: “Avevo sentito parlare di questo festival ma non ne sapevo molto, ma ora che sono qui ne capisco tutta l’energia e la grandezza. E’ un’esperienza importante e c’è una responsa-bilità che va di pari passo con il vostro ruolo e con ciò che state vivendo qui: perchè voi siete venuti da tanti posti del mondo e da voi ci si aspetta un lavoro di qualità. E allora questo è quello che dovete ricordare: il modo in cui siete qui. Portatelo alle vostre comunità. Rimanete connessi e continuate a farlo per il resto della vostra vita.” Thanks a lot, Mr Richard Gere! ;-) 30 INEWS INEWS 31
  17. 17. cinema Alan Rickman: welcome to Giffoni, professor Piton! Per Alan Rickman, il professor Piton delle serie Harry Potter, si è scatenato il mondo magico di un’incredibile Giffoni-Hogwarts. I tanti maghetti-giurati erano in delirio al suo passaggio sul blu carpet e i pochi fortunati che si sono aggiudicati un autografo non erano nei panni dalla gioia. Ma al di là degli ovvi entusiasmi, la presenza di Alan Rickman al Giffoni Experience è stato un momento intenso soprattutto quando ha parlato della sua carriera (che al-cuni riducono alla saga Potteriana) ricca di un background professionale di livello elevatissimo. E proprio parlando ai ragazzi che gli chiedevano dei suoi esordi, ha sottolineato l’importanza dello studio e della versatilità dell’attore. Rickman ha ribadito ai giovani giurati che per essere “different”, come il tema del festival 2014 ricorda, è necessario essere informati, studiare e non solo recitazione, ma leggere i giornali, conoscere ciò che succede intorno a noi, essere attenti. Non solo. Parlando di sé e della sua esperienza, che nasce dal teatro classico di Shakespeare, ripete che non si è mai sentito legato e vincolato a un solo ruolo, perché è sempre passato dal teatro al cinema alla televisione senza mai fermarsi a un’unica esperienza, anche se il luogo che gli è più congeniale è il teatro, perché ha tempi diversi ed è meno stressante. Alan Rickman parla con pacatezza di sé ma non nasconde una riservatezza schiva, che tuttavia supera subito dopo la domanda di una ragazzina che, prima lo ringrazia per il film in cui interpreta il presidente americano Reagan, e con il quale a scuola lei è riuscita a comprendere quel periodo storico poco chiaro studiato dal libro, e poi gli chiede “Ma allora perchè a scuola non si insegna cinema?”. E Rickman a questa domanda risponde prontamente e in modo determinato: “La scuola siete voi, non soltanto i vostri insegnanti! Convinceteli che è necessario inserire questo insegnamento nei programmi scolastici. Per me è stato facile, perché io ho studiato in una scuola dove il cinema era una materia e so che quello che dici è verissimo! Con i film si capiscono cose che sui libri non sono affato chiare, perchè le immagini sono più coinvolgenti di una pagina scritta”. E bravo il professor Piton! Non si è lasciato scappare l’occasione per fare le-zione, e questa volta non di magia e stregoneria ma di lungimirante saggezza. Reportage Fotografico -Fotoreporter Guglielmo Gambardella 32 INEWS INEWS INEWS INEWS 33
  18. 18. cinema 34 INEWS INEWS INEWS INEWS 35
  19. 19. cinema 36 INEWS INEWS INEWS 37
  20. 20. La moglie del sarto Lotta per la sopravvivenza Ore Diciotto in punto C’è sempre una chance Da tremila anni, per conto di un ufficio alle porte del tempo, Paride è incaricato di traghettare l'anima dei suicidi dal luogo del decesso fino ad un campo fiorito al di là del quale avranno la loro risposta. L'ultimo appuntamento della giornata, alle 18 in punto, è con Nicola, un barbone che ha deciso di farla finita impiccandosi al ramo di un albero. Nel momento in cui scocca l'ora, tuttavia, il trillo di un cellulare smarrito nel parco distrae dal suo intento il ragazzo che, una volta ascoltata la voce di Stella, pensa di avere un nuovo motivo per vivere. E mentre l'esistenza di Nicola assume pian piano un altro aspetto, Pa-ride continua a doverlo seguire "per contratto"… Film a piccolo budget sulla 2° possibilità offerta ad ognuno di noi “Ore Diciotto in punto”, drammatico di Giuseppe Gigliorosso. Dopo l’improvvisa morte del consorte, Rosetta, la bella moglie di un sarto nel Sud degli anni '60, si trova a combattere contro i pregiudizi di tutto il paese per difendere, insieme alla figlia Sofia, il suo onore e il suo lavoro, nella sartoria per 'soli uomini' ereditata dal marito. L'arrivo di Salvatore, un giovane artista di strada, e l'inattesa gravidanza di Rosetta cambieranno il corso della vita dei protagonisti.“La moglie del sarto” di Massimo Scaglione con Maria Grazia Cucinotta, ambientato a Praja a Mare, rinomata località turistica dell’alto Tirreno in provincia di Cosenza, racconta la storia personale di Rosetta Pignataro che, is-pirata da alcune chiacchiere ascoltate in una pasticceria newyorkese, si colloca nella visione generale di una società passata che oggi, pur cambiando forma e linguaggio, sopravvive ancora. Sogni di gloria L’altra faccia della commedia Dopo l’esordio in video di “La banda del brasiliano”, film di culto in Toscana e non solo, è arrivato in sala “Sogni di gloria”, l’opera secon-da del collettivo pratese John Snellinberg. Produzione più ricca della precedente, che sa come restituire quell'anima agrodolce alla com-media all'italiana. Al centro del lungometraggio 2 episodi. Nel 1° un trentenne cassaintegrato sceglie di avviare, su consiglio di un collega anarchico, le pratiche per ‘sbattezzarsi’, creando immediato sconcer-to nella religiosissima famiglia degli zii presso cui vive. Nel secondo, invece, uno studente cinese verrà iniziato al gioco delle carte da Mau-rino, un uomo anziano che si prenderà cura di lui in modo particolare, finché un torneo cui parteciperà anche un vecchio rivale di Maurino non rappresenterà la resa dei conti per entrambi. St@lker La dark side della contemporaneità Alan (Ignazio Oliva) è un uomo separato che vive in un magazzino fatiscente con un sacco da boxe, colori per disegnare e un computer che usa per chattare sui siti di appuntamento. Qui conosce Ines (Anna Foglietta), una donna solitaria insoddisfatta del lavoro e della sua vita privata che trova piacere nelle piccole cose. Ma dietro il fascino degli incontri virtuali si nasconde una realtà da incubo, che finirà per pren-dere il sopravvento. Ispirato a fatti veramente accaduti, “St@lker” è l’opera seconda di Luca Tornatore (che non ha rapporti di parentela con il premio Oscar Giuseppe), il quale, dopo “Hikikomori” (termine giapponese che indica una condizione umana di radicale isolamen-to), racconta un altro disagio sociale mettendo in scena una dialettica complessa e stratificata. INEWS INEWS INEWS 39 cinema Francesco Rizzuti La storia di un gruppo di giovani italiani di destra che si dissocia dall'MSI per fondare il gruppo armato N.A.R. (Nuclei Armati Rivoluzi-onari) e che sarà protagonista di una lunga serie di fatti efferati. Le loro azioni delittuose, eseguite tutte a volto scoperto, vengono notate dai servizi segreti deviati che in seguito le utilizzeranno per destabilizzare lo Stato. “Bologna 2 agosto i giorni della collera” di Giorgio Molteni e Daniele Santamaria Maurizio evidenzia la commistione tra gruppi estremisti di destra, malavita romana, servizi segreti deviati e la Loggia massonica P2. Il film ripercorre l'atmosfera di terrore e di follia dei co-siddetti “anni di piombo”, fino ad arrivare alla strage della Stazione di Bologna del 2 agosto 1980 che causò la morte di 85 vittime innocenti e 200 feriti. 38 INEWS Megan è un'artista irlandese sposata con un immigrato italiano, Leo. Alla morte di uno zio i due volano in Puglia per occuparsi dell'eredità; sopratutto di un antico palazzo. Megan, affascinata dall'antica strut-tura, decide di rinviare la partenza per restaurarlo e poi anche per indagare su certe misteriose sparizioni, che la porteranno ad un miste-ro irrisolto nella famiglia pugliese di suo marito. “Controra - House of Shadows”, opera prima di Rossella De Venuto, è un thriller paranorma-le che si ispira a una serie di tradizioni popolari del Sud Italia: la cont-rora, infatti, è l’unico momento della giornata in cui non ci sono ombre e i vivi possono entrare in contatto con i defunti e le anime tormentate. La pellicola ha vinto L’Italian Horror Fest 2014 consacrando la regista trentina di origini pugliesi regina dell’horror italiano. Pinuccio Lovero Yes I can Pinuccio Lovero è tornato. Dal “Sogno di una morte di mezza estate" del 2008 al "Yes I Can" di oggi, il custode del cimitero di Mariotto, una piccola frazione del comune di Bitonto a Bari, tenta la carta del-la politica candidandosi e lanciandosi nell'avventura di una curiosa e stravagante campagna elettorale a caccia dell’ultimo voto utile. Con “Pinuccio Lovero Yes I can” di Pippo Mezzapesa ci si diverte e si pen-sa, tra battute quasi da commedia statunitense e riflessioni leggere ed amare allo stesso tempo. La spassosa pellicola segna una evoluzione del regista e documentarista pugliese che dopo l’ottimo esordio nel lun-gometraggio di finzione con “Il paese delle spose infelici” qui mescola ulteriormente i generi mostrando ulteriori soluzioni del proprio cinema. Quando si muore… si muore! Una vacanza imprevedibile Davide, Fabio e Cory partono per una tranquilla crociera in barca a vela verso Patmos, l'isola greca del Dodecanneso, poco distante dalla Turchia, dove la loro amica Efi, anche lei a bordo, deve sposarsi. Dopo non molto, però, i tre si trovano costretti a caricare a bordo Giò, un misterioso naufrago, e poi a tornare sulla costa perché il motore della barca è andato in panne. E qui Giò, per riottenere l'affidamento della figlia, li coinvolgerà in rocambolesche avventure di ogni genere tra incredibili equivoci, personaggi improbabili e sostanze stupefacenti, mentre la morte è in agguato e con essa inquietanti ritorni dall'aldilà... “Quando si muore… si muore!” di Carlo Fenizi è una fresca comme-dia piena di imprevisti, impreziosita dalla incomparabile bellezza dei luoghi che attraversa. Bologna 2 agosto... I giorni della collera Controra House of Shadows
  21. 21. 20 music ITALIANTOP 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 i t a l i a n n e w s SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE MUSIC UNA STORIA SEMPLICE Negramaro (Sugar) W.M.I. 20 THE GREATEST HITS Laura Pausini (Atlantic) W.M.I. Indagine su un sentimento Tiromancino (Columbia) #PRONTOACORREREILVIAGGIO marco mengoni (Sony Music) MAX 20 Max Pezzali (WEA) W.M.I. The Platinum Collection Vasco Rossi (emi) Made in London Noemi (Sony Music) TuttoVenditti Antonello Venditti (Sony Music) 'A VERITà Rocco Hunt (Sony Music) jovanotti Lorenzo Negli Stadi - Backup Tour 2013 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 MONDOVISIONE Ligabue (Warner Bros) W.M.I. GIOIA NON è MAI ABBASTANZA! Modà (Ultrasuoni) Artist First L'AMORE COMPORTA Biagio Antonacci (Iris) Sony Music TEMPO REALE Francesco Renga (Sony Music) TEMPO REALE SCHIENA VS. SCHIENA Emma (Universal) LOGICO Cesare Cremonini (Universal) AMORE PURO Alessandra Amoroso (Sony Music) SENZA PAURA Giorgia (Microphonica) Sony Music Mercurio Emis Killa 5 Stars Edition (Carosello Records) L'ANIMA VOLA Elisa (Sugar) W.M.I. 40 INEWS ITALIANNEWS.CH SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE w i n e & f o o d CARLO PETRINI Torino | 23- 27 ottobre 2014 | Lingotto Fiere PEPPE ZULLO BRAND presenta: MADE IN DAUNIA 2014 "Cibo e Felicità" INEWS INEWS 41
  22. 22. enogastronomia Ramón Freixa Designs New Gourmet Offerings for Iberia’s Business Passengers in Europe • The chef headed a multidisciplinary team with Iberia and its main catering supplier to come up with original, healthy, gourmet meals based on the Mediterranean diet. • The new dishes reflect the new Iberia brand value with their Spanish roots and the simplicity that is the hallmark of master chef Ramón Freixa. • More complete offerings with hot dishes for breakfast as well as lunch, the finest ingredients, and highly original salads and side dishes. 42 INEWS INEWS INEWS INEWS 43 Iberia has completely renovated its meal service offering for Business travellers on flights to Europe and North Africa. A multidisciplinary team made up by people from Iberia, along with its main catering supplier and its team of four consultant chefs --Paco Roncero, Toño Pérez, Dani García, Ramón Freixa—worked to deve-lop a new global gourmet concept, based on select ingredients and the Medi-terranean diet. Ramón Freixa was the first to bring the concept to life in new dishes to be served in business class on the airline’s European and North African routes. “We have designed for Iberia a gastronomic offer with the best ingredients of the Mediterranean diet, based on the traditional flavours of Spanish cuisine. These are simple recipes, but of great quality, some of them with an avant-garde touch where vegetables play an important role”, says Ramón Freixa. The new meals are also the reflection of the values associated with Iberia’s new brand image: Spanish flavours with the simple but elegant recipes that distinguish the cuisine of master chef Ramón Freixa. Both breakfast and lunch served to business passengers include hot dishes. Simple recipes with an avant-garde touch Among the lunch choices are: Veal sirloin with Cordoban sau ce and salted squash with plums • • • White veal hamburger in Pedro Ximénez sauce with patatas pana-deras (roast potato slices with o nion, garlic, parsley and pepper) • • • Stuffed chicken breast with apricot and black olives and a creamy sauce made with sparklin g cava and dried tomatoes • • • Pumpkin ravioli with cheese sauc e, and arugula (rocket) in olive oil • • • Black pasta filled with salmon in cava sauce with dried tomatoes. The lunches are served with separate side dishes, with dressings made from Mediterranean diet ingredients such as extra virgin olive oil and Pedro Ximénez balsamic vinegar. And to finish, a cheese plate with the exquisite Spanish Garrotxa, Mahón, Idiazábal, Pría and Zamorano cheeses, and simple but memorable desserts such as toffee delights, chocolate truffles or sponge with raspberry. New, healthier breakfasts feature not only fresh fruits, dairy products, and toast, but also a highly original hot omelette devised by Ramón Freixa that is garnished with vegetables roasted with olive oil and rosemary, Catalan spi-nach, steamed noodles with vegetables, cherry tomato ragout with thyme, and Murcian zarangollo (scrambled eggs with vegetables and spices).
  23. 23. ristorante PIZZERA BELLA VISTA 056 664 12 87 Restaurant Grigioni Graubünden 081 413 32 16 * Restaurant La Carretta 081 413 38 95 Restaurant, Pizzeria Padrino 081 253 03 01 Restaurant Ticino 081 253 13 07 * Restaurant, Pizzeria La Meridiana 081 416 82 85 Restaurant Jarno 081 416 82 85 * Ristorante Caruso 081 641 30 30 Grotto serta 091 945 02 35 Osteria bellavista 091 985 89 12 Trattoria vittoria 091 609 11 57 Grotto grillo 091 970 18 18 Belvedere 091 941 13 51 Grotto morchino 091 994 60 44 Osteria dei tiratori 091 943 34 95 Grotto ticinese 091 967 12 26 Cacciatori 091 605 22 36 Ristorante da candida 091 649 75 41 Ristorante cyrano 091 922 21 82 Ristorante santabbondio 091 994 85 35 Collina d‘oro 091 994 74 97 Ristorante il castagno 091 611 40 50 Ristorante la griglia 091 945 11 58 La perla del lago 091 973 72 72 Hostaria del pozzo 091 940 91 58 Locanda del boschetto 091 994 24 93 mouette del mövenpick 091 923 23 33 Grotto vallera 091 647 18 91 il Faro Dübendorf Grotto: 044 821 62 03 Restaurant: 044 821 61 64 il Faro Embrach restaurant: 044 865 03 20 il Faro Herrliberg Restaurant: 044 915 81 11 Bankett / Saal: 044 915 81 13 il Faro Wallisellen Restaurant: 044 830 46 52 Take Away: 044 830 46 54 Ristorante Venezia 043 411 50 00 Il Salento Restaurant Pizzeria *043 311 68 78 swiss geht aus MANGIARE BENE ESSEN MIT GENUSS CASA AURELIO ristorante-toscano Hotel-Taverne Schwan Il Salento Restaurant Pizzeria swiss geht aus ristorante PIZZERA BELLA VISTA WWW.BELLAVISTA-MURI.CH ristorante molino zurigo www.molino.ch Da Ciro www.ristorante-ciro.ch Il Giglio www.ilgiglio.ch Il Tartufo www.iltartufo-zuerich.ch Il Gallo www.ilgallo.ch ristorante Toscano www.ristorante-toscano.ch RISTORANTE Italia www.ristorante-italia.ch Casa da Vinci www.casadavinci.ch Gandria www.restaurant-gandria.ch Il Camino www.ristorante-camino.ch Pantheon www.ilpantheon.ch Casa Aurelio www.casaaurelio.ch Schwan Hotel & Taverne www.hotel-schwan.ch Il Bocciodromo www.bocciacono.ch Il Punto www.ristorante-punto.ch Ristorante CIAO Möwenpick www.moevenpick-regensdorf.com RISTORANTE Azzurro www.ristoranteazzurro.ch RISTORANTE SORISO www.sorriso.ch TRATORIA ITALIANA WWW.TRATORIA-ITALIANA.CH RESTAURANT MESA WWW.mesa-restaurant.ch dal buongustaio www.dal-buongustaio.ch il Faro Dübendorf WWW. ilfaro.ch Ristorante Venezia www.venezia-buelach.ch Il Salento Restaurant Pizzeria www .il-salento.ch RISTORANTE ROMANTICA WWW.RISTORANTEROMANTICA.CH RISTORANTE BARBATTI www.bindella.ch Casa Ferlin www.casaferlin.ch MANGIARE BENE ESSEN MIT GENUSS RISTORANTE PIZZERIA BELLA VISTA - kirchbÜhlstrasse 7 - 5630 muri ristorante dal toscano ristorante romantica ristornate casa ferlin h = Propietario Italiano h = Cuoco Italiano h Servizio Italiano h = Buona qualità h = ingredienti P C S Q I itailain hT = testato 44 INEWS INEWS INEWS INEWS 45
  24. 24. Pizzeriasgeh t aus MANGIARE BENE ESSEN MIT GENUSS Restaurant Concordia Sihlfeldstrasse Kreis 4 Restaurant Corallo Weinbergstrasse Kreis Ristorante Le Scale Werdstrasse Kreis 4 Ristorante Paestum Uetlibergstrasse 22 RISTORANTE Pizzeria Dreispitz Saatlenstrasse 110 Pizzeria Virtù - Spaghetteria Birchstrasse 147 Don Leone Waffenplatzstrasse Kreis 2 Restaurant Scala Rotbuchstrasse Kreis 6 Pizza Pasta Ciao Weinbergstrasse Kreis 1 Taverne da Angelo Badenerstrasse Kreis 3 Pizzeria da Amici Schaffhauserstrasse Kreis 6 Pizzeria Okay Italia Gladbachstrasse Kreis 7 Restaurant Pizzeria Fantasia Seebacherstrasse 167 Pizza & Pasta Antonio Hardturmstrasse Kreis 5 Restaurant Concordia Restaurant Corallo RISTORANTE LE SCALE RISTORANTE PAESTUM RISTORANTE Pizzeria Dreispitz Pizzeria Virtù - Spaghetteria Don Leone Restaurant Scala Pizza Pasta Ciao Taverne da Angelo Pizzeria da Amici Pizzeria Okay Italia Restaurant Pizzeria Fantasia Pizza & Pasta Antonio enogastronomia Francesco Rizzuti Eccellenze di Calabria Il Torrone di Bagnara è Igp Sempre più numerosi i prodotti alimentari italiani presenti nel re-gistro europeo delle Igp, che ne conta 1200, molti espressione del nostro territorio, detentore del primato tra gli Stati membri. Diversi i prodotti calabresi tutelati dall’Unione Europea. Ora an-che il Torrone di Bagnara Calabra (Reggio Calabria), che dal 14 agosto scorso, in virtù dell’approvazione della Commissione UE per la regi-strazione di indicazione geografica protetta, può legittimamente fregiarsi di tale marchio essendo stato riconosciuto l’interesse del suo peculiare processo produttivo, caratterizzato dalla cottura a fuoco vivo, che gli conferisce un inconfondibile gusto brulé. Le tipologie di torrone prodotte a Bagnara sono diverse (ostiato, al cioccolato, morbido, bianco glassato...) e se ne stanno sperimentando delle altre. Tuttavia la «denominazione designa esclusivamente il prodotto ottenuto dalla cottura e lavorazione di miele, zucchero e mandorle non pelate tostate, cannella e chiodi di garofano in polvere e con la copertura di zucchero in grani o cacao amaro», quindi il torrone “Martiniana” e il “Torrefatto glassato”. Il progetto per ottenere l'Igp è partito nel 2004 con la costituzione, nella cit-tadina tirrenica del reggino, dell' "As-sociazione tra i produttori di torrone", che ha prodotto tutta la documenta-zione richiesta (disciplinare, relazio-ni tecniche, economiche, storiche sul legame del prodotto con il territorio, la valenza economica, la tipicità che contraddistingue quel torrone da qualsiasi altro torrone prodotto in Italia ed all'estero). L’iscrizione nel prestigioso registro europeo accresce definitivamente la rico-noscibilità internazionale di questa delizia bagnarota, vanto della produzio-ne artigianale calabrese (a dire la verità ricca di dolci squisiti, realizzati nel rispetto di antiche tradizioni),lo protegge dal pericolo di imitazioni e falsi, garantisce al consumatore la massima qualità. A Bagnara il 1° torronificio è nato nella seconda metà dell’800; da allora si sono sviluppati piccoli laboratori e pasticcerie a conduzione familiare che difficilmente si sono trasformati in grosse aziende. Attualmente la produzio-ne coinvolge poco più di una ventina tra laboratori di pasticceria e piccole attività a carattere ‘industriale’, con una occupazione per l’economia locale particolarmente concentrata nel periodo prenatalizio. Il torrone è un prodotto tipicamente italiano, declinato in moltissime ghiotte e raffinate varianti regionali, spesso apprezzate oltreconfine. Il brand di Bagna-ra (il 1° in Italia ad ottenere il bollino dell'Ue) è meno conosciuto e dunque meno caro dei marchi cremonesi (Sperlari, Vergani), beneventani (Strega, San Marco dei Cavoti, Alberti), siciliani (Condorelli), ed è noto per lo più in ambito locale, nonostante sia distribuito su tutto il territorio nazionale, in Canada e Usa, principalmente dal canale ho-reca ed e-commerce. 46 INEWS INEWS INEWS INEWS 47
  25. 25. personality Francesca Francalanci Un evento storico: l’ultimo viaggio della Concordia É proprio il caso di dire:- mi sono trovata nel posto giusto al mo-mento Nella foto: Terzo nucleo aereo Guardia Costiera di Pescara però tutto il progetto che hanno realizzato, prima per il raddrizzamento, poi per il rigalleggiamento ed il piano per il trasporto, e’ stato valutato da un’u-nita’ di crisi, ed in questo ambito c’era anche il nostro personale. Il Comando Generale del corpo delle capitanerie di porto ha dovuto esprimere un parere su tutte le attività che intendeva effettuare la Costa, per rimettere in galleggia-mento la nave e per trasportarla a Genova. -Che cosa avete fatto durante questi giorni? L’intero convoglio era sotto la supervisione di una nostra unità navale prin-cipale, a bordo della quale c’era l’ufficiale in controllo tattico, che e’ respon-sabile di tutte le operazioni che si sono svolte nel momento in cui la nave, in grado di galleggiare, ha ripreso a navigare, anche se a rimorchio, fino a Genova. Il nostro compito e’ stato quello di garantire il trasporto in sicurezza, da un punto di vista di vigilanza ed assistenza in caso di incidente, grazie alle unità navali in mare che hanno protetto un’area di circa 2 miglia di raggio, e scortato la nave evitando che potessero circolare altre unità. Mentre noi, con il nostro velivolo ATR 42, che e’ dotato di sistemi per fare attività di controllo ambientale, abbiamo vigilato affinché non ci fossero delle fuoriuscite di qual-siasi prodotto inquinante dalla nave nel corso della traversata. Abbiamo fatto un pattugliamento, non a vista, ma attraverso dei sensori di bordo, sulla rotta che la nave doveva percorrere, per verificare se c’era la presenza di sostante inquinanti. Abbiamo dei sistemi, a bordo del velivolo, che hanno la possibilità di capire se nell’acqua c’e’ la presenza di sostanza estranea all’acqua stessa. Quindi il giorno dopo la navigazione, ripassavamo sopra al tragitto per capire se la nave avesse lasciato qualcosa, ed abbiamo fatto questo monitoraggio ogni giorno fino a quando la nave e’ arrivata a Genova. -Ci sono stati degli intoppi? No assolutamente. C’e’ stato un momento nel quale il tempo e’ peggiorato, ed ha costretto a cambiare rotta, ma il tutto si e’ svolto nei tempi previsti. -Cosa fanno gli uffici marittimi della Guardia Costiera quando c’e’ un cambiamento della situazione meteorolo-gica improvvisa? Nelle sale operative delle capitanerie di porto arrivano dei bollettini meteo-rologici, che arrivano in maniera telegrafica e via radio a tutto il traffico mercantile e crocieristico. INEWS INEWS giusto! Infatti ho incontrato, vicinissimo all’aeroporto ‘Baccarini’, base aerea militare di Grosseto, il capitano di frega-ta Luigi Amitrano, comandante del terzo nucleo aereo Guardia Costiera di Pescara, con la sua squadra, impegnato nell’opera-zione Concordia, a 30 mesi dal naufragio, avvenuto il 13 gennaio 2012. -Capitano, per le operazioni della Costa Crociere, che veli-volo avete utilizzato? Un aereo ATR 42 MP, pattugliatore marittimo realizzato proprio per la Guar-dia Costiera, per consentire di svolgere tutte le attività di soccorso in mare, ed in questo caso di vigilanza ambientale. -Quali sono le mansioni principali della Guardia Costiera? Il soccorso in mare, sia per i reparti di volo che dei mezzi navali. Infatti, la nostra attività e’ rivolta principalmente alla salvaguardia della vita umana in mare. Interveniamo con la speranza di trovare le persone vive, quando sopraggiungono delle difficoltà a bordo del traffico mercantile, ed anche per le unità da diporto soprattutto nel periodo estivo. I servizi di una capitaneria di porto sono molteplici, il soccorso in mare e’ quello principale, ma ci pren-diamo cura della tutela dell’ambiente, vigiliamo sulla pesca, ed il personale della capitaneria svolge anche la funzione di ufficiale di polizia giudiziaria. -Quindi a seconda della necessità vi muovete sia con gli aerei oppure con le navi. Si, dipende dalla tipologia di intervento. Per esempio i nuclei aerei sono su Pescara e su Catania, a La Spezia c’e’ una sezione con gli elicotteri. Su Pescara abbiamo un equipaggio d’allarme H24 che garantisce il pronto intervento in 30 minuti dal momento in cui ci allertano. -Come sono cambiate, in questi ultimi anni, visto l’incre-mento di immigrazione, le vostre azioni di salvataggio? Non sono cambiate tantissimo, ma si sono intensificate molto. Il nucleo aereo di Catania, e’ costantemente impegnato nel canale di Sicilia, per cercare di portare soccorso alle persone che cercano di fuggire dal proprio paese per raggiungere l’Italia. A Messina abbiamo la squadra navale, dove sono con-centrate tutte le unità maggiori della Guardia Costiera, ed anche questa e’ quasi tutta impegnata nel canale di Sicilia. -Parliamo Capitano Amitrano di questo evento storico, che prima ci ha imbarazzato agli occhi del mondo, e che ades-so e’ fonte di orgoglio nazionale. Che cosa avete fatto voi come Guardia Costiera e che cosa sta succedendo in questi ultimi giorni ed in queste ore? La navigazione si e’ conclusa in una settimana, anche se si prevedeva una du-rata di 15 giorni. L’intera organizzazione e’ stata a carico della Società Costa, che sono quelli diramati dall’aeronautica militare. Quindi se verifi-chiamo, leggendo questi bollettini, che ci sono dei cambiamenti climatici im-provvisi, vengono emessi gli avvisi di burrasca, che sono delle segnalazioni -La navigazione quindi non si ferma? No, si cerca di trovare una rotta che consenta di soffrire meno il mare. Noi interveniamo proprio nel caso in cui le condizioni meteo sono cattive, e’ in quel momento che serve aiuto. L’addestramento degli equipaggi, sia dei mez-zi aerei che delle unità navali, in special modo, hanno la possibilità di uscire in ogni condizione meteo. -Presumo che facciate un addestramento, in parti del mon-do, dove le condizioni meteorologiche sono estreme. Per come stanno cambiando le condizioni climatiche in questi ultimi tempi, non e’ necessario andare all’estero, e’ sufficiente operare nell’Adriatico, e’ un mare particolare, dove le condizioni cambiano all’improvviso. -In questi giorni avete trasportato il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti a bordo del vostro aereo, qual e’ il protocollo in questi casi? Non esiste un protocollo, e’ un velivolo operativo dove non bisogna forma-lizzarsi. Non e’ nato per trasportare le autorità, anzi le autorità sono felici di toccare con mano e vedere quello che effettivamente facciamo. Qualche giorno fa il ministro ha interloquito con tutto l’equipaggio ed ha verificato il nostro operato una volta in volo. -La Concordia e’ arrivata a Genova, che cosa succederà adesso? Ci sono già delle società specializzate nello smantellamento del relitto, nel recupero e riciclaggio di tutti i materiali pronte a lavorare. -Possiamo essere orgogliosi di come il nostro paese ha operato? Ritengo proprio di si, da un punto di vista dell’intervento; raddrizzamento, rigalleggiamento e trasferimento, posso dire che e’ un caso unico al mondo. Non si e’ mai intervenuti su un’unita’ cosi grande, in una situazione cosi par-ticolare, dove non solo si doveva mettere in sicurezza la nave, ma anche tu-telare l’ambiente. Sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto come Guardia Costiera, come reparto di Pescara, e sono molto orgoglioso dei miei uomini. Due piloti, due operatori, due capi velivoli ed un ufficiale tattico. Questo e’ l’equipaggio classico, ma questo era un rischieramento di due settimane, quindi prevedeva l’aggiunta di un ufficiale, responsabile della gestione tec-nica della macchina, ed in questo caso mi sono aggiunto anche io, perché avevamo qualche impegno istituzionale, come il trasporto del ministro, ed a Genova c’e’ stata una riunione operativa presso la direzione marittima, con il Capo della protezione civile. 48 INEWS INEWS 49
  26. 26. ebook Francesco Quitadamo il sarto dei presidenti 50 INEWS INEWS INEWS INEWS 51 San Mauro Torinese, Torino, Chivasso e poi, finalmente, Orsara di Puglia: lo scorso 2 agosto, Michele Mescia è tornato nel suo pae-se, quello da dove tutto è cominciato, per raccontare la sua storia. Lo ha fatto presentando “Michele Mescia – ‘U Cusetore”, il libro intervista nel quale, grazie ad ‘ago e filo’ letterari del giornalista Emanuele Franzoso, il sarto dei presidenti è riuscito a ritessere la stoffa di una vita fatta di lavoro, passione e amore per un mestiere che col suo talento ha trasformato in arte. Più che una presentazione, l’incontro del 2 agosto è stato un ritrovarsi. Michele ha ritrovato il suo paese. Gli orsaresi hanno riabbrac-ciato un loro compaesano, facendogli sentire affetto, ammirazione, chiedendo di conoscere quali gioie e quante difficoltà il loro sarto ha incontrato prima di tornare, prima di compiere a ritroso la lunga strada verso casa. Il perimetro di pietra del Cortile di Palazzo Baronale ha accolto tutti come in un grande abbraccio. C’erano l’atmosfera e il tepore ideali per raccontare e raccontarsi. Il filo dell’incontro lo ha intessuto Nicola Tramonte, un amico di Michele, l’architetto che ha fatto della Cantina di Piano Paradiso una delle Cattedrali del Vino celebrate dalla Biennale di Venezia. C’era anche Peppe Zullo, il cuo-co conosciuto in tutto il mondo per la sua filosofia del ‘cibo è felicità’, che di quella cantina è il dominus. Accanto a loro, a fare gli onori di casa, il sindaco di Orsara di Puglia Tommaso Lecce, e Mario Simonelli, primo cittadino orsa-rese nell'anno in cui Michele Mescia vinse il premio più prestigioso della sua lunga carriera. “Mio padre non voleva che facessi questo mestiere – ha detto Michele Mescia -. Quando cominciai, molti anni fa, la sartoria sembrava do-vesse scomparire e lasciare totalmente il campo agli abiti realizzati in serie”. Ecco perché non esistono manuali o decaloghi per il successo, per realizzarsi e raggiungere livelli di eccellenza. “La mia strada – ha spiegato ‘U Cuse-tore – è stata il lavoro, la passione per un mestiere che amavo e che amo”. Sono tanti gli aneddoti, le tappe, le sofferenze e le gioie che hanno segnato la vicenda umana e professionale di Michele Mescia. Lui, a Orsara, li ha ricordati davanti a una platea che lo ha ascoltato, gli si è stretta attorno, lo ha abbracciato come si fa con un vecchio amico tornato dopo un lungo viaggio. “E’ un vero artigiano italiano, una sicurezza che chiede fedeltà”. E’ così che Alain Elkan, giornalista e scrittore, ha definito il suo amico nella prefazione del libro. Michele Mescia è un orsarese, un cittadino del mondo ‘adottato’ da Torino. ‘U Cusetore ama la città della Mole, la sente sua, e anche a Orsara non ha fatto nulla per nascondere l’amore e il legame fortissimo che lo legano al capoluogo piemontese. Orsara-Torino è il binario dei sentimenti e dell’appar-tenenza per Michele Mescia. Nato a Orsara di Puglia il 14 settembre del 1945, all’età di 10 anni il futuro “sarto dei presidenti” si trasferì con tutta la famiglia all’ombra della Mole. “Sono figlio di macellai – ha ricordato anche la sera del 2 agosto -, il terzo di cinque figli. La macelleria di famiglia l’aveva aperta mio nonno Pasquale, la ereditò mio padre”. Michele, però, capì molto presto che il suo futuro sarebbe stato lontano dalla tradizionale attività di famiglia. Aveva 11 anni quando cominciò a fare l’apprendista in una bottega d’abiti. Gliene servirono altri 7 per vincere la borsa di studio come ‘miglior lavorante d’Italia’. Una progressione inarrestabile, ambiziosa e cocciuta che nel 2004 gli valse le “Forbici d’Oro”, riconoscimento dell’Accademia Nazionale dei Sartori. Fu proprio in quella occasione che una giornalista tedesca lo definì il migliore di tutti: “La sartoria italiana è la migliore, tu hai primeggiato sui mi-gliori sarti italiani quindi sei il più grande sarto del mondo”. Michele Mescia, che oggi ha 69 anni e continua a dirigere con successo la sua bottega di alta sartoria in via Bertola a Torino (tra Piazza Castello e Piazza San Carlo), ha tagliato e cucito abiti per il presidente della Fiat John Elkann, per i presidenti della Rai, della Ferrari, della Piaggio. Artista, maestro, amuleto, sarto dei pre-sidenti: lo hanno definito e soprannominato in tanti modi in questi anni. Di lui hanno scritto “La Stampa”, “Panorama”, “Il Sole 24 ore”, “Il Messaggero”, e a tutti ha risposto nella stessa maniera: “Ero e resto un artigiano, anzi, nu cusutore, come si dice al mio paese”. “Io sono orsarese – dice Michele –. A Orsara di Puglia c’è ancora la macelleria della famiglia Mescia e io in paese ci torno ogni volta che posso”. In un’intervista concessa a “Piemonte Mese”, per illustrare il suo rapporto con Orsara, ‘lu cusutore’ ha preso in prestito le paro-le di Cesare Pavese in “La luna e i falò”: “Un paese vuol dire non essere mai soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo che anche quando non ci sei resta ad aspettarti”. E’ esattamente quanto avvenuto lo scorso 2 agosto: Orsara ha aspettato Michele, e ‘U Cusetore ha ritrovato il suo paese, raccontandosi.

×