Ce diaporama a bien été signalé.
Nous utilisons votre profil LinkedIn et vos données d’activité pour vous proposer des publicités personnalisées et pertinentes. Vous pouvez changer vos préférences de publicités à tout moment.

0

Partager

Pietro Gregorini - Solo in Cartolina: creativity for change

“Solo in cartolina” nasce all’inizio dell’estate 2018 da una chiacchiera da bar e in pochi mesi diventa una campagna nazionale, un contest e un’azione di advocacy che chiama alle arti i creativi italiani per prendere posizione sul tema sbarchi e naufragi nel Mediterraneo. “Le ONG che vogliono salvare i migranti in mare vedranno l’Italia solo in cartolina” diceva a luglio il Ministro dell’Interno. Con 10.000 cartoline gli hanno risposto i designer e gli artisti di tutta Italia, inondando la buca delle lettere del Viminale con il loro dissenso. Da un grande (o piccolo) portfolio deriva una grande responsabilità, soprattutto in tempi come questi, in cui forme di espressione e protesta creativa sono rari punti di luce all’orizzonte.

  • Soyez le premier à aimer ceci

Pietro Gregorini - Solo in Cartolina: creativity for change

  1. 1. “Solo in Cartolina” è una campagna pro-bono di denuncia contro le morti in mare, in sostegno alle attività di salvataggio dei migranti da parte delle ONG. SCOPRI LA CAMPAGNA
  2. 2. È stata lanciata a luglio 2018 da un collettivo apartitico e indipendente di creativi e professionisti della comunicazione. VERDIANA FESTA Event Manager MICHELA LOCATI Copywriter NICOLE ROMANELLI Content Strategist PIETRO GREGORINI Art Director
  3. 3. Quest’anno le ONG
 vedranno l’Italia solo in cartolina. — MATTEO SALVINI
 MINISTRO DELL’INTERNO 29 GIUGNO 2018
  4. 4. Il 29 giugno di quest’anno il ministro dell’interno Matteo Salvini in un’intervista disse che le ONG che svolgono le loro attività nel Mediterraneo, avrebbero visto l’Italia “solo in cartolina”. È stata proprio per quest’ennesima boutade priva di buonsenso e di umanità che abbiamo sentito la necessità di non poter più rimanere in silenzio.
  5. 5. 532 117 61 MORTI E DISPERSI NEL MEDITERRANEO FONTE: ISPI / IOM 2016 2017 2018 SBARCHI IN ITALIA AL GIORNO
  6. 6. 2016 2017 2018 11.7 3.2 8 MORTI E DISPERSI AL GIORNO La situazione dei flussi migratori nel Mediterraneo, dopo le politiche di deterrenza nei confronti del soccorso in mare, dimostra che, a fronte di una riduzione modesta degli sbarchi in Italia, il numero di morti e dispersi nell’ultimo anno è aumentato esponenzialmente.
  7. 7. IN QUESTO CONTESTO MAI COME OGGI
 È NECESSARIO CHE LE ONG OPERINO IN MARE.
  8. 8. Al contrario sono state oggetto di fake news e ostacolate in più situazioni dal Ministro Salvini, in contrasto con le convenzioni internazionali che prevedono il salvataggio delle vite in mare e l’approdo in un porto sicuro, cosa che la Libia attualmente non è.
  9. 9. Abbiamo sentito l’esigenza di mettere a disposizione le nostre competenze per contrastare questa deriva mediatica.
 E abbiamo pensato: perché non inviamo noi delle cartoline al ministro,
 a dimostrazione che esiste una forma di dissenso alle sue politiche?
  10. 10. In sole 3 notti abbiamo creato “Solo in Cartolina”: una brand identity, una linea editoriale, un sito internet e tre social network. Nel corso delle settimane, a noi quattro si sono poi aggiunti tanti altri amici, in supporto delle varie attività che abbiamo realizzato.
  11. 11. La prima fase della campagna è stata una “chiamata alle arti” con la quale abbiamo chiesto ai creativi italiani di realizzare delle cartoline estive di dissenso dalle varie città d’Italia. In meno di un mese abbiamo ricevuto più di 300 creatività, da designer ma anche non addetti al settore. GUARDA TUTTE LE CARTOLINE
  12. 12. Grazie all’aiuto dell’ufficio stampa di Bovindo, che ha creduto sin dall’inizio nel progetto e ha deciso di investire le proprie competenze per la causa, siamo stati pubblicati sulle più importanti testate giornalistiche italiane come Repubblica, Corriere e Il Fatto Quotidiano, che ci hanno dato una grande visibilità.
  13. 13. Abbiamo anche realizzato delle creatività assieme alle ONG che hanno sostenuto l’iniziativa – come Medici Senza Frontiere, SeaWatch e OpenArms – e alcuni personaggi pubblici come Colapesce, Antonio Marras e Luca Barcellona hanno creato delle cartoline speciali per la campagna.
  14. 14. A inizio agosto abbiamo indetto un contest per far votare le 10 creatività preferite dal pubblico, così da coinvolgere attivamente anche tutti i nostri follower. Abbiamo ricevuto più di 12.000 voti online e le creatività vincitrici sono state stampate in 1000 copia ciascuna su carta riciclata da una tipografia sociale. GUARDA LE 10 CARTOLINE VINCITRICI
  15. 15. Abbiamo realizzato anche uno spot video a costo zero, grazie all’aiuto di amici che lavorano nel cinema e nella pubblicità, che è stato distribuito nei canali social per sponsorizzare l’attività in piazza, che si è svolta il 30 settembre. GUARDA LO SPOT
  16. 16. Durante quel giorno, in Piazza del Pantheon a Roma e in Piazza Duomo a Milano, abbiamo invitato le persone a scrivere un messaggio personale sul retro delle cartoline, che abbiamo fatto imbucare in una cassetta della posta simbolica costruita per l’occasione.
  17. 17. Questi messaggi sono stati poi consegnati al Viminale,
 assieme alla rete Restiamo Umani, il 3 ottobre, in concomitanza
 con la “Giornata Internazionale della Memoria e dell’Accoglienza”.
 Ovviamente il Ministro non ci ha ricevuto, ma noi abbiamo mantenuto la promessa fatta a inizio campagna, consegnando le cartoline al suo staff.
  18. 18. Il successo della campagna è stato per noi sorprendente:
 il solo post della “Chiamata alle Arti” ha ricevuto quasi 30 mila visualizzazioni organiche su Facebook, il tutto senza alcuna sponsorizzazione. Gli unici costi della campagna sono stati materiali (come la stampa delle cartoline) per un totale di 1.500 Euro che abbiamo coperto personalmente.
  19. 19. Siamo poi stati invitati a partecipare a numerosi eventi e mostre in giro per l’Italia:
 a Bari, Torino, Città di Castello, al WUD 2018 di Roma, e assieme a Cheap Festival abbiamo realizzato delle affissioni di cartoline giganti in Via Irnerio a Bologna.
  20. 20. COSA ABBIAMO IMPARATO
 DA QUESTA CAMPAGNA? Che esiste un patrimonio creativo là fuori, una rete di persone con competenze tecniche e artistiche che hanno dimostrato di avere tempo, voglia e expertise da dedicare a cause umanitarie. E la cosa più bella è che siamo pure in tanti.
  21. 21. Solitamente, chi come noi, lavora nel mondo della comunicazione, raramente si espone politicamente o su temi di questo tipo, ma in un contesto come quello odierno, con la sempre più crescente ondata di nazionalismi e populismo, è ormai indispensabile prendere una posizione e far sentire la nostra voce.
  22. 22. MAKE A BETTER WORLD
 THROUGH CREATIVITY Per il futuro stiamo pensando di fondare un’associazione che riunisca i creativi italiani per creare campagne come questa e in cui i talenti siano messi al servizio di tematiche sociali, poiché crediamo che il cambiamento nasca anche da noi designer e dal mettere la nostra professionalità a servizio di un mondo migliore.
  23. 23. SEGUICI SU FACEBOOK PER TUTTE LE NOVITÀ
  24. 24. by Pietro Gregorini
  25. 25. ● Supports a good cause, even a little one ● Gives voice to those who are unheard ● Creates a community and makes you feel a part of it
  26. 26. ● Empowers racism, sexism, homophobia and other bad stuff ● Is just self-referential ● Designers are assholes :)

“Solo in cartolina” nasce all’inizio dell’estate 2018 da una chiacchiera da bar e in pochi mesi diventa una campagna nazionale, un contest e un’azione di advocacy che chiama alle arti i creativi italiani per prendere posizione sul tema sbarchi e naufragi nel Mediterraneo. “Le ONG che vogliono salvare i migranti in mare vedranno l’Italia solo in cartolina” diceva a luglio il Ministro dell’Interno. Con 10.000 cartoline gli hanno risposto i designer e gli artisti di tutta Italia, inondando la buca delle lettere del Viminale con il loro dissenso. Da un grande (o piccolo) portfolio deriva una grande responsabilità, soprattutto in tempi come questi, in cui forme di espressione e protesta creativa sono rari punti di luce all’orizzonte.

Vues

Nombre de vues

177

Sur Slideshare

0

À partir des intégrations

0

Nombre d'intégrations

12

Actions

Téléchargements

0

Partages

0

Commentaires

0

Mentions J'aime

0

×